SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

Generatore di multi frequenze – oscillatore di Lakhovsky

 

Sebbene l'uso dell'elettricità, per scopi terapeutici, sia iniziato molto tempo fa, nel 18° secolo, solo all'inizio del secolo scorso, è iniziata la ricerca sistematica sugli effetti dei segnali elettrici sugli organismi biologici. Lo sviluppo dell'ingegneria elettrica, insieme alle scoperte della biologia molecolare e della medicina, ha permesso di comprendere i fenomeni che si verificano nei tessuti viventi, sotto l'influenza di campi elettrici e magnetici. L'ingegnere russo Georges Lakhovsky, nato vicino a Minsk, nel 1870, si trasferì a Parigi nel 1894, con l'intenzione di continuare la sua formazione, presso la famosa Università della Sorbona. In compagnia dei suoi amici, studenti di medicina, continua la sua formazione nel campo dell'anatomia e della fisiologia. Alla fine della prima guerra mondiale, il Sig. Lakhovsky si dedicò interamente alle discipline scientifiche. Collaborò con nomi noti dell'epoca, tra cui il fisico Oudin ed il professor d'Arsonval, allora pionieri, nel campo dell'applicazione dei campi elettromagnetici ad alta frequenza, per scopi medici. Già nel 1893, il professor d'Arsonval, in collaborazione con Tesla ed Oudin, progettarono e costruirono un dispositivo elettronico, che produceva campi elettromagnetici ad alta frequenza, e trovò applicazioni, di successo, nella pratica medica terapeutica.    

   

Il "segreto della vita" è nelle frequenze   

                                                       

Con il suo dispositivo, d'Arsonval ha curato un gran numero di pazienti, affetti da varie malattie, nelle strutture sanitarie di Parigi ed è giunto a conclusioni poste come importanti basi, per la teoria, che il signor Lakhovsky ha stabilito e pubblicato nel suo libro "Secret of Life". Secondo la teoria di Lakhovsky, ogni cellula vivente, di un organismo biologico, è un mini sistema d’oscillazione elettrica, che ha la sua frequenza d’oscillazione caratteristica. Se tale frequenza cambia, per qualche motivo, la cellula perde la sua vitalità e muore. Le ragioni di ciò possono essere veleni chimici, microbi patogeni, parassiti, ma oggigiorno, anche forti campi elettromagnetici, provenienti da vari dispositivi tecnici. È interessante notare che, allo stesso tempo, l'ingegnere elettrico russo Semyon Kirlian ha scoperto la possibilità di registrare fenomeni visivi elettrici, che derivano dall'interazione di cellule ed un campo elettrico ad alta frequenza. Questa proprietà dell'organismo di creare una sorta di "impronta digitale" è conosciuta, oggi, come fotografia Kirlian. La teoria di Lakhovsky è sorprendente per la sua accuratezza, poiché le teorie odierne, in pratica, nel campo della biologia molecolare coincidono, quasi completamente, con le idee descritte da Lakhovsky, nel suo libro.Le teorie che spiegavano gli effetti delle correnti elettriche, sugli organismi viventi, erano molto semplici, dal punto di vista odierno, ma all'epoca in cui furono enunciate, erano molto rivoluzionarie, e pertanto, difficili d’accettare all'epoca in cui furono rese pubbliche.                                      Recenti scoperte, in elettrobiologia, ed in particolare la scoperta del DNA, s’adattano bene, poiché le proprietà elettriche di risonanza dell'elica del DNA spiegano le possibili ragioni, per cui alcuni campi elettrici, a causa delle loro frequenze, hanno un effetto, caratteristico, positivo ma anche negativo, come è il caso dei raggi X e delle radiazioni gamma.

 

 

  • Oscillatore Multifrequenza

             

Arricchito dalle scoperte ed incoraggiato dai risultati terapeutici dei suoi contemporanei, il Sig. Lakhovsky continuò le sue ricerche e costruì, nel 1924, il suo primo apparato, del tutto diverso da tutti quelli conosciuti all'epoca, e lo chiamò "Oscillatore Multifrequenza". Ben presto pubblicò il suo secondo libro: “L'origine della vita”, in cui continuò, a completare, la sua "teoria multifrequenza della cellula vivente". I medici che lo usarono, per curare molte malattie, descrivono le loro esperienze terapeutiche nell'uso dell'apparato Lakhovsky, nelle cliniche dell'Italia, dell'Austria e della Francia dell'epoca. Nel 1940, il Sig. Lakhovsky andò in America, dove collaborò con il Dr. D. Kobak e, con il suo oscillatore multifrequenza, continuò a curare molti pazienti negli ospedali di New York. Il signor Lakhovsky morì nel 1942 ed il Dr. Kobak continuò a lavorare, utilizzando tali dispositivi, fino al 1958. I risultati sono stati affascinanti, così l'oscillatore di Lakhovsky è stato utilizzato anche in medicina veterinaria, in molti paesi, come Austria, Belgio, Canada, Italia, Germania, Filippine, America, Russia e molti altri.

 

  • Caratteristiche dell’apparecchio

                                                                         

Da un punto di vista tecnico, l'oscillatore Lakhovsky è originale ed apparentemente semplice. Per la sua realizzazione, è stata utilizzata la bobina ad alta tensione di Nikola Tesla ed antenne speciali, che inducono frequenze da 30.000 Hz a 70.000 Hz. La difficoltà, tuttavia, è che le odierne teorie dell'elettrobiologia e la teoria dei campi elettromagnetici non possono spiegare tutti gli effetti terapeutici, che questo dispositivo apparentemente crea. Pertanto, è necessario coordinare, in modo molto preciso, il funzionamento dei circuiti elettronici e delle parti funzionali del dispositivo, al fine d’ottenere l'effetto terapeutico desiderato, e si può affermare che ciò rende il dispositivo relativamente complesso. 

La caratteristica fondamentale di tale dispositivo, per cui è unico, è la generazione di un campo elettrico in cui sono rappresentate, quasi contemporaneamente, un numero enorme di frequenze. Se una stazione, che ha una "modalità operativa di frequenza", disturbata, si trova sotto l'influenza di quel campo, essa trova la "sua tipica" frequenza ed assorbe energia a quella frequenza. Ciò, ripristina la cellula alle sue funzioni elettriche e diventa in grado di resistere all'impatto, che ne ha minacciato la sopravvivenza. Il merito più grande, per il recupero della cellula malata è la stimolazione della cosiddetta "Pompa ionica", che serve a mantenere il potenziale di membrana da -70 a -90 mV, necessario per il buon funzionamento della stazione.                                

Il ruolo principale è svolto da un prodotto cellulare, l'adenosina trifosfato - ATP, che viene prodotto in un organello cellulare chiamato mitocondrio. Le misurazioni hanno mostrato che l'esposizione, a breve termine agli oscillatori aumenta la quantità di ATP di circa il 300%. Ciò stimola il funzionamento della pompa ionica nella direzione opposta, pertanto, non consuma più ATP, come combustibile, ma inizia a crearlo e quindi a caricare le cellule d’energia. Già dopo 10-15 minuti di permanenza, in un campo elettrico multifrequenza, la persona trattata ha una sensazione, soggettiva, d’aumento del potenziale energetico interno. Poiché i batteri patogeni hanno un potenziale di membrana relativamente basso, questo campo elettrico accelera la loro distruzione.  Si può dire che il dispositivo multifrequenza, oltre all'effetto terapeutico, eleva la capacità di difesa di ciascun organismo e riduce così i tempi d’autoguarigione.

 

  • ESPERIENZE

 

Le esperienze nell'uso degli oscillatori Lakhovsky sono molto positive e coincidono, esattamente, con i risultati che troviamo nei documenti storici:

  1. Virosi: scompare dopo 1-2 trattamenti, di 15 minuti.
  2. Artrite reumatoide: s’avvertono miglioramenti dopo 1-2 trattamenti. Il numero di trattamenti, per una condizione finalmente soddisfacente, dipende dallo stadio di sviluppo della malattia e dalle condizioni generali di salute del paziente. Un miglioramento, molto specifico, si verifica dopo 15 trattamenti, di 15 minuti, eseguiti di seguito l'uno dall'altro. Il miglioramento delle condizioni del tessuto malato è stato registrato dall'esame ecografico.
  3. Paresi facciale - Paresi di Bell: completa guarigione dopo 15 trattamenti, in tre settimane.
  4. Cancro: notevole miglioramento dopo soli 4 trattamenti. Sono necessari più trattamenti. L'esito finale dipende dall'andamento della malattia, dall'età del paziente e dalle condizioni generali del paziente. Poiché la malattia maligna interrompe le condizioni dell'intero organismo, è necessario applicare altre procedure terapeutiche. È stato osservato che la capacità del paziente di tollerare altre terapie è, significativamente, aumentata dal funzionamento di un generatore multifrequenza.
  5. Artrite cronica: la persona trattata si muove notevolmente con più facilità e senza dolori, già dopo il primo trattamento. La condizione migliora ad ogni trattamento successivo.
  6. Prostata ingrossata: dopo 2-3 trattamenti la maggior parte dei sintomi scompare, le condizioni generali migliorano.
  7. Dolore di causa sconosciuta: il dolore scompare dopo 1-2 trattamenti.
  8. Dolore post operatorio: basta un trattamento per provare sollievo.
  9. Mal di schiena: la cessazione definitiva del dolore avviene dopo 4-6 trattamenti.
  10. Problemi dovuti alla cattiva circolazione: dopo il primo trattamento s’avverte un miglioramento, ma è stato osservato che sono necessari diversi trattamenti, con un intervallo di 5-7 giorni, per stabilizzare la condizione.

Le caratteristiche degli occhiali di Tesla. Differenze con gli analoghi. 

Oltre, ad una combinazione speciale dei colori più significativi, in termini di esposizione di una persona, il programma d’impulsi luminosi, incorporati nel dispositivo, si distingue per una combinazione ed al ritmo speciale, identico al ritmo delta del cervello. È noto, che il cervello umano è la parte più importante del sistema nervoso centrale, che possiede determinate caratteristiche ondulatorie ed elettriche, valutate utilizzando degli accessori specialistici, secondo lo stato dell’attività dei neuroni  (cellula nervosa specializzata). Nel cervello umano ce ne sono più di dieci miliardi.    

Il cervello lavora con informazioni neurochimiche ed emette segnali elettrici - a somiglianza di molte linee elettriche, chiudendo ed aprendo milioni di volte al secondo. Nel cervello umano, tali variazioni si verificano costantemente, seguendo determinati ritmi e sono misurati in hertz. Questi ritmi sono, condizionatamente, divisi in quattro gamme:     

  •   beta ritmo – da 14 – 30 Hz;    
  •   alfa ritmo  - da 9 – 14 Hz;    
  •   teta ritmo – da 4 – 7 Hz ;                
  •  delta ritmo – da 0,3 – 4 Hz.

Basandoci sulla teoria delle onde del cervello, abbiamo usato il ritmo delta nell'apparato poiché, da un lato, s’assorbe più attivamente (quando i colori sono mescolati) dalle strutture dell'analizzatore visivo e, dall'altro, è responsabile d’importanti processi vitali, come il rilassamento ed il sonno.      A seguito delle reazioni primarie, che si verificano a livello cellulare e molecolare, sopra menzionate, la luce che penetra attraverso gli occhi contribuisce alla manifestazione dei cosiddetti effetti secondari. Per "effetto secondario", in questo caso, intendiamo un intero complesso di reazioni, adattative e compensative, del corpo che derivano dall'azione della luce attraverso l’iride e la retina dell’occhio, su alcune strutture cerebrali, che assicurano il funzionamento dei principali sistemi vitali del corpo umano: cardiovascolare, endocrino, muscoli, respiratorio, sistemi circolatori e digestivi.    

E, come risultato aggiuntivo: il ripristino non solo della visione, ma anche delle funzioni di memoria, sonno, miglioramento, benessere generale, resistenza allo stress sospeso, capacità adattive di una persona.    La ricerca condotta dalla società, congiuntamente all’ Institute dell’Evoluzione Fiziologica, Sechenov, (S. Petterburgo) ha rivelato che (citazione): “la stimolazione della luce con l'aiuto provoca cambiamenti complessi dall'emoliquorodinamica intracranica”. Per comprendere l'importanza di tale problema, chiariamo: fluido cerebrospinale - il fluido cerebrospinale, la cui penetrazione nelle strutture cerebrali aiuta a rimuovere i prodotti d’emivita (metabolismo) che si accumulano nel cervello, protegge le cellule nervose dai danni chimici e meccanici.

Qualsiasi infezione virale, colpi alla testa, condizioni stressanti interrompono il movimento sistemico del liquido cerebrospinale. Ciò è importante, per comprendere un problema come un danno visivo dopo una malattia, stress, lesioni, specialmente tra gli atleti. Anche, piccoli colpi alla testa possono causare danni alla vista, anche qualche anno dopo ... Con un cambiamento complesso nell'emoliquorodinamica s’intende: un aumento del flusso sanguigno nell'arteria cerebrale posteriore destra; un aumento dell'afflusso di sangue alla regione occipitale del cervello; l’aumento della reattività vascolare e, di conseguenza, della resistenza dell'intero organismo; cambiamento nella conformità del cranio. Considerando la natura fisiologica della stimolazione, l'uso dell'apparato aumenta la resistenza del corpo umano alle infezioni, alle malattie croniche ed allo stress, causati da reazioni psicofisiologiche hanno un effetto tollerante sul lavoro della memoria, nonché sulla regolazione della circolazione cerebrale. Pertanto, l'apparato può essere raccomandato alle persone il cui lavoro è associato ad un aumento del carico visivo, non solo per stabilizzare le funzioni visive, ma anche per prevenire e normalizzare il funzionamento dei vasi cerebrali. Vogliamo prestare attenzione ad un fatto importante e rispondere alla domanda, che viene spesso fatta prima di decidere sull'adeguatezza della luce a bassa intensità, che, infatti, stimola l'attività metabolica delle cellule e porta alla patologia del cancro. Indubbiamente, l'effetto della luce porta ad un aumento del contenuto di DNA e RNA nei nuclei delle cellule umane, il che indica un'intensificazione dei processi di divisione cellulare.      

A tal proposito sorge la domanda dell’inizio di mutazione. Tuttavia, oggi ci sono molte prove che la frequenza delle mutazioni cromosomiche nelle cellule umane, causate da mutanti chimici, sotto l'influenza di un laser al neon-elio (luce di bassa intensità) diminuisce. Inoltre, numerosi studi confermano che le luci quantistiche, da 632 Hm a 660 Hm, attivano la sintesi del DNA, accelerano i processi di recupero ed hanno un effetto antimutagenico.  In oncologia, si utilizza il laser con una lunghezza d’onda, compresa tra 632 e 660 Nm (metodo di terapia fotodinamica approvato, per l’uso, dal Ministero della Salute della Federazione Russa, nei centri specializzati d’oncologia) nelle industrie nocive, nella medicina militare, come mezzo preventivo e recupero (specialmente in combinazione con alcuni foto sensibilizzatori).

Riassumendo:   La radiazione quantistica, a bassa intensità, utilizzata nell'apparecchio non riscalda e non distrugge il tessuto oculare, ma accelera solo la disintossicazione, migliorando i processi di metabolismo e drenaggio dei tessuti in tutto l'analizzatore visivo.  

La luce, trasmessa attraverso l'iride dell’occhio, ha l’effetto sul corpo umano ed è più volte efficace di quando penetra attraverso la pelle. L’impatto della luce dei colori: rosso, blu, verde, sull’analizzatore visivo ha il miglior effetto significativo sul corpo umano. L'uso di ritmi speciali d’esposizione, identici al ritmo delta del cervello, in cui viene secreto il maggior numero d’ormoni e neurotrasmettitori, promuove un ripristino graduale dei processi metabolici e, di conseguenza, abilita le cellule dell’occhio. Poiché gli occhi fanno parte del cervello, i processi positivi che si verificano nelle cellule dell'occhio hanno un effetto positivo complesso sul cervello, in particolare l'emoliquorodinamica.     E, si ha, di conseguenza, la normalizzazione della circolazione dell’occhio.  

 CONSULTA LA PAGINA: GLI OCCHIALI DI AVANGUARDIA PER MIGLIORARE LA VISTA

 

Terapia  quantistica e occhiali Tesla per migliorare la vista

La terapia quantistica è un tipo speciale di fisioterapia, basata sulla possibilità teorica della fisica quantistica e degli aspetti legali alla medicina laser. L'uso terapeutico di strumenti quantistici, a bassa intensità, ha ottenuto la prima diffusione nelle Istituzioni mediche dell'URSS, a metà degli anni '70, del secolo scorso. Una caratteristica, distintiva della terapia quantistica, non è il trattamento, in quanto tale, ma piuttosto, portando all’armonizzazione (un certo equilibrio), di legami fisico-chimici e neuroumorali. La distruzione di questi legami, dal punto di vista specialistico, che dà preferenza ad un approccio integrato nel trattamento, c'è la principale causa di tutte le malattie.  Sulla base di ciò, la terapia quantistica non dovrebbe essere considerata come terapia di un organo separato, ma quale ripristino di un sistema integrato, consentendoci di restituire un organismo vivente, nell'ambiente elettromagnetico naturale originale, in cui una volta ebbe origine la vita sulla Terra.

Tenendo presente ciò, se la terapia quantistica è utilizzata con competenza e in modo tempestivo, può interrompere lo sviluppo di qualsiasi patologia. Il primo rapporto scientifico “Sulle particelle fisiche insensibili” (micromolecole, che furono chiamate "corpuscoli") fu realizzato dal grande scienziato russo MV Lomonosov, nel 1744. Successivamente, questa teoria è stata sviluppata da altri scienziati russi. Il diffuso punto di vista si può esprimere nel seguente modo: La base di tutti i processi fisiologici sono le reazioni chimiche, che si verificano a livello d’interazione elettronica nella cellula.                        

Le connessioni neuro umorali, una delle forme di regolazione fisiologica, in cui gli impulsi nervosi e le sostanze trasportate, nel sangue e nella linfa, sono in costante interazione, in grado di produrre modifiche, solo se si forma in essa una quantità sufficiente d’energia. Nel corpo umano, la produzione d’energia è la base dei processi biologici. Quando le cellule sono in grado di raccogliere abbastanza energia, smettono di moltiplicarsi e gradualmente muoiono.  

All’inizio del XX secolo un certo scienziato russo А.Л Чижевский espresse un semplice, ma estremamente importante, pensiero: Sulla Terra, gli organismi biologici compaiono, vivono e si riproducono, secondo le leggi della fisica quantistica. La malattia, cioè i cambiamenti patologici di qualsiasi organo, si riduce alla compromissione del metabolismo elettronico od ionico delle cellule umane. Pertanto, il trattamento dovrebbe, prima di tutto, essere il ripristino del bilancio elettronico disturbato.  Basandoci su queste teorie scientifiche, proponiamo d’osservare la malattia, non come danneggiamento di un singolo organo (occhi, fegato, reni, mano, testa ecc), ma il conseguente deterioramento di processi metabolici provocati, in senso figurativo, da "squilibrio", cioè compromissione dei legami chimici di elettro molecole che, seguendo le leggi della fisica chimica, ininterrottamente, dovrebbero lavorare nel corpo umano.  La distruzione di questi legami, porta all’incontrollabile rilascio di metaboliti (prodotti metabolitici): gli aminoacidi, i peptidi, la catecolamina, gli ormoni ed i neurotrasmettitori, che, a loro volta, interferiscono con i normali nomi di divisione cellulare, provocandone la formazione nel corpo, unitamente ad un ambiente iper-ossidato o iperalcalino.

Sia l’uno che l'altro è estremamente brutto: le cellule del sistema immunitario cessano di distinguere "l’amico od il nemico" e si trasformano in "assassini" del proprio sistema. Di conseguenza, le cellule sane, del corpo umano, muoiono prematuramente o seguono il percorso del cosiddetto "sviluppo atipico", che alla fine porta alla patologia del cancro. Il dispositivo, per migliorare la vista, agisce sull’organismo con luce a bassa intensità, normalizzando i legami chimici micro–molecola, ripristinando il compromesso bilanciamento. La conseguenza di ciò non è solo il ripristino della visione, ma la normalizzazione dei processi complessi che si verificano nel sistema nervoso centrale, e soprattutto, in una parte così importante come il cervello.

Per maggiori informazioni visita la pagina: OCCHIALI TESLA PER MIGLIORARE LA VISTA

 

EFFETTO LUCE SULL’ORGANISMO DELL’UOMO

Molto spesso, ci viene posta la stessa domanda: come funziona?

Proviamo a dare una risposta, nella forma massima accessibile. La scienza moderna conosce, per l’organismo dell’uomo, due principali meccanismi d’esposizione alla parte visibile della luce solare (bassa intensità): attraverso la testa (molto più efficace) ed attraverso la cute. L’uomo normale ha l’abilità di percepire una gamma, piuttosto stretta, di movimenti vibrazionali (spettro visibile d’onde elettromagnetiche): 360 - 780 Hm

Scala di radiazione elettromagnetica a spettro visibile:    

 - Porpora: 360 – 420 Hm    

 - Blu:  421 – 426 Hm      

- Verde: 496 – 566 Hm      

- Giallo: 567 – 589 Hm              

 - Arancione 590 – 627 Hm    

 - Rosso: 628 – 750 Hm  

 E’ questa parte della radiazione elettromagnetica, degli spettri visibili delle onde elettromagnetiche - che produce il più forte effetto sul corpo umano, causando le reazioni fotochimiche, biologiche e riflesse, che la scienza associa all'influenza di determinate lunghezze di volontà, sui movimenti vibratori dei nostri organi e centri mentali. La luce, come radiazione visibile, è l'unica irritante per gli occhi, grazie alla quale una persona fornisce sensazioni visive (fino al 90% delle informazioni, dal mondo esterno, sono ricevute attraverso gli occhi).

Ma, l'azione della luce non si limita solo all'aspetto visivo od informativo. Agendo, attraverso l'iride dell’occhio, sull'intero analizzatore visivo, la luce provoca la propagazione degli impulsi, attraverso il nervo ottico (tipo di nervo cranico) verso la regione ottica degli emisferi cerebrali (il lobo occipitale, ove si trovano i principali centri visivi). A seconda dell'intensità del flusso luminoso, la luce può avere effetti, sia eccitanti che inibitori, non solo sugli occhi, ma anche sull'intero sistema nervoso centrale, attivando le reazioni fotobiologiche e mentali.      

I processi fotobiologici, che si verificano nell'organo della visione hanno proprie caratteristiche.  In un caso, la luce è estremamente positiva, ovvero, quando si tratta di reazioni fotochimiche, che forniscono energia alle cellule viventi dell'occhio.  Nel secondo è negativo poichè le dosi di luce, aumentano notevolmente e possono danneggiare la retina.  In tal caso stiamo parlando dell'effetto dannoso sugli occhi, di determinate lunghezze d'onda (meno di 360 Xm), cioè esposizione alla luce ultravioletta.

Vogliamo attirare la vostra attenzione, sul fatto che, su questo dispositivo TESLA per migliorare la vista,  le lunghezze d'onda sono ASSENTI! L'analizzatore visivo è costituito dalla parte ricevente – bulbo oculare, con il suo dispositivo d’assistenza, lungo i percorsi, attraverso i quali la luce è trasmessa ai centri subcorticali, e poi, alla corteccia cerebrale (zone occipitali), ove si trovano i centri visivi superiori. E, la potenza dei LED integrati, nel nostro dispositivo, hanno un potere minore del flusso luminoso, ricevuto da una persona, in una tipica giornata di sole, centinaia di volte!  Ecco perché, possiamo parlare d’effetti positivi ed innocui  di questo dispositivo.

 

 

buddha

Il processo di yoga solare

L'HRM ha sperimentato, sul proprio corpo, per tre anni, e sviluppato questo metodo, basato su tentativi ed errori. Questo metodo di yoga solare può essere condotto, da qualsiasi persona, in qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi momento dell'anno. HRM non è una figura solitaria, ciò può farlo chiunque. Attualmente è utilizzato da migliaia di persone che ottengono buoni risultati. In Brasile, in Australia e in Germania, più di 3.000 persone praticano, in modo sicuro, lo yoga solare, per poter vivere di luce solare.

Esso rappresenta la rinascita della scienza, pratica spirituale, fin dai tempi antichi, che ora è diventa una pratica scientifica, che chiunque può implementarla, nel modo di seguito descritto. Ogni giorno la pratica diventa sempre più popolare e famosa nel mondo, sotto il nome di fenomeno HRM¬a.

Pratica sicura dello yoga solare  

Lo yoga solare è una pratica, che, di solito, viene condotta per un periodo di nove mesi, o 44 minuti, d’osservazione del sole, una volta soltanto.  Si può dividere in tre parti: da 0 a 3 mesi, da 3 a 6 mesi e da 6 a 9 mesi. Dopo, terminando la pratica dello yoga solare, si dovrebbe camminare a piedi nudi, 45 minuti al giorno (se ci si ferma da 15 a 30 minuti di pratica, si camminerà, a piedi scalzi, per il resto della vita, se invece si raggiungono ben 44 minuti di pratica, si camminerà a piedi scalzi un anno. Camminare a piedi nudi, su un terreno spoglio, si assicura l'energia solare nel corpo, dopo di che, non c’è più bisogno di guardare il Sole o camminare a piedi nudi).  

La pratica dello yoga solare richiede di guardare il sole, una volta al giorno, solo durante le ore sicure. Nessun danno può accadere durante le ore sicure della mattina e della sera. Le ore sicure, per guardare il Sole, sono un'ora dopo l’alba ed un'ora prima del tramonto.  Scientificamente, senza alcun dubbio,  è provato che una persona è al sicuro, durante tali periodi d'esposizione ai raggi ultravioletti ed infrarossi, che danneggiano gli occhi. L’orario dell’alba e del tramonto può essere controllato sui giornali locali, che, tra l’altro, affermano anche, che durante tali periodi, l'indice UV è zero.

Entrambi i periodi sono buoni, per praticare lo yoga solare, a seconda di ciò che è più adatto per ognuno. Un ulteriore vantaggio dello yoga solare è la produzione di vitamina D, durante il periodo dell'ora sicura. Se Vi esercitate, la necessità d’occhiali e le relative impostazioni scompariranno. Questo metodo fornisce una visione migliore senza occhiali. Per coloro che, inizialmente, non possono esercitare lo yoga solare, durante i periodi di sicurezza, l'esposizione al sole presenta il metodo alternativo efficiente, anche se più lento, di ricevere energia solare, finché non si è in grado d’implementarla. Il momento migliore per prendere il sole è quando l'indice UV è inferiore a 2. Di solito abbraccia un periodo di 2 ore dopo alba e 2 ore prima del tramonto. 

0 ¬ 3 mesi    

Il primo giorno, durante le ore di sicurezza, osservate direttamente il Sole, per un massimo di 10 secondi. Il secondo giorno, per 20 secondi, e aggiungete 10 secondi, ogni giorno. Dopo 10 giorni consecutivi di pratica, dello yoga solare, guarderete il sole, in totale, per 100 secondi, cioè un minuto e 40 secondi. Alzatevi a piedi nudi sul terreno. Fate battere le ciglia o potete far  tremolare gli occhi, non c'è indifferenza per gli occhi. Durante la pratica dello yoga solare, non indossare lenti o occhiali. Perché non guardare il sole al posto della TV?

L'intensità delle radiazioni del televisore è molto più alta dell'intensità delle radiazioni del sole, in uscita o in corso. Se puoi guardare la TV, nelle immediate vicinanze, per periodi di tempo anche lunghi, allora puoi, tranquillamente, guardare il sole che nasce o tramonta. Credi, i raggi del sole, che ricevi con gli occhi, sono un enorme vantaggio e non ti faranno male. Ciò ti aiuterà ad ottenere risultati più veloci e migliori. Otterrai dei risultati, anche senza una componente di credenza, a condizione di seguire le regole della pratica, anche se sarà necessario un lungo periodo. 

D'altra parte, non dovresti abbandonare le normali routine quotidiane. Non ci sono restrizioni. Durante la pratica, puoi gustare i pasti. La fame finirà per scomparire da sola (probabilmente solo per alcune persone).Puoi considerare d’iniziare con la pratica quotidiana di guardare dallo stesso posto allo stesso tempo. Rispetto al praticare lo yoga, con le regole stabilite, si hanno intrinsechi vantaggi. Se preghi, puoi scegliere una preghiera come desideri. Non ne suggerisco nessuno singolarmente, ma, soprattutto, non si è obbligati. Per precauzione, rivolgersi all'oculista per un controllo medico, al fine di evitare errori, dal punto di vista medico.

Dovreste anche, occasionalmente, fare dei controlli medici. Inoltre, si possono comprare grafici intensivi, per misurare le radiazioni UV e IR. Non è necessario acquistare un esposimetro. Se le vostre guance si scaldano, smettete di guardare il sole, usate il buon senso.Dopo tre mesi, avete guardato il Sole, in totale, per 15 minuti (se siete riusciti a catturare la luce del sole ogni giorno).  Se potete guardare la TV per tre ore, potete, sicuramente, guardare il sole per così tanto tempo.

Cosa succede quando raggiungete i 15 minuti?

L'energia solare proveniente dai raggi solari passa attraverso l'occhio umano pieno tatto ipotalamico, che rappresenta il percorso dietro la retina e conduce al cervello umano. Mentre, il cervello riceve il potere attraverso questa strada, viene attivato il "cervellocomputer". Verrà lanciato uno dei programmi software del proprio cervello ed inizierete a notare cambiamenti positivi, poiché non avremo tensione mentale o preoccupazioni.  Godiamo d’autostima, quando si affrontano i problemi di vita, con l'aiuto di mezzi che sviluppano le opinioni positive, invece, di quelle negative. Inoltre, diventerete senza paura, perché tutta la vostra sofferenza mentale scomparirà. Questo è la prima fase del metodo che dura circa 3 mesi.

Le persone posseggono delle qualità buone e cattive, che rappresentano i due lati della stessa medaglia. In assenza di luce solare, sviluppiamo le qualità negative. Quando, invece, la luce del sole penetra nel cervello, le buone qualità  sostituiscono il male. Inoltre, anche l'ignoranza spirituale scompare. A volte ciò che ascolti e leggi ti può confondere. Si ricevono delle informazioni contraddittorie come "il vino nero fa bene alla salute e l'alcool è dannoso". Vi confonderanno i problemi vitali ed ignorerete il processo decisionale. Ma, dopo 3 mesi di pratica dello yoga solare, svilupperete  il sentimento di fiducia in se stessi e, spiritualmente, conoscerete le risposte alle domande. Raggiungerete un equilibrio mentale e vi troverete nella posizione di giudicare le risposte personali e reali. Svilupperete i poteri che già possedete. Le qualità non buone scompaiono e rabbia, gelosia ed avidità vi abbandoneranno. Diventerete pieni d’amore. Tutti vi ameranno.Non sbaglierete. Se siete positivi o senza paura, non ferirete nessuno e non provocherete alcun dolore a nessuno. Diventerete una persona compassionevole. È un fantastico contributo alla pace nel mondo. Un approccio positivo crea soluzioni ai problemi ed ai rifiuti sociali. Non ce ne sarà bisogno d’esperti ambientali. Dopo la scadenza di 3, 5 mesi, tutto cambierà.La depressione mentale scompare. Gli psichiatri hanno notato che la mancanza di luce solare causa la tristezza.  Con l'applicazione dello yoga solare non soffrirete di stato depressivi. Otterrete  il perfetto equilibrio mentale. Vi abbandonerà la paura della morte. Il vostro stato mentale sarà tale che non avrete paura di morire. Sarete in grado di lasciar accadere ciò che deve succedere. Non avrete  preoccupazioni. Ognuno di noi ha un tipo di disturbo mentale, che è il più grande problema umano, ma può essere risolto, con l'uso della luce solare.

3 ¬ 6 mesi      

I sintomi della malattia fisica cominceranno a scomparire. Il cervello utilizza, tra il 70 e l'80 percento, dell'energia sintetizzata dal cibo e dal consumo per alimentare le tensioni e le preoccupazioni. Senza tensione mentale, il cervello non richiederà l’analoga quantità d’energia, come prima. Continuando la pratica dello yoga solare, si ridurrà il vostro fabbisogno di cibo. Quando avrete raggiunto un periodo di 30 minuti d’osservazione continua del Sole, vi libererete, lentamente, dalle malattie fisiche, poiché, in quel momento, tutti i colori del sole raggiungeranno il cervello, attraverso l'occhio. Il cervello regola il flusso del prana di colori (forza vitale) che è adatto per taluni organi. Tutti gli organi interni ricevono un’abbondante quantità di prana di colore necessario. Tutti gli organi vitali dipendono dal prana di un determinato colore: reni rosso, cuore giallo, fegato verde, ecc. I colori raggiungono il corpo e rimuovono tutti i difetti. Sono disponibili molte informazioni sulla cromoterapia. Questo è il processo di rimozione della malattia fisica, entro 3-6 mesi. Dopo 3 o 4 mesi, è possibile guarire dalla malattia fisica, mediante autosuggestione: immaginando e visualizzando la guarigione dalla propria malattia, guardando il sole. Metodi scientifici come solarium, cristalli, bottiglie colorate, le pietre naturali, i gioielli ... usano tutti l'energia solare, immagazzinata in pietre naturali. La fotosintesi, che è fraintesa, in realtà, non richiede la clorofilla, che è necessaria solo per il regno vegetale.

Il corpo umano può elaborare l'energia solare, con l'aiuto di un altro mezzo. La fotosintesi diventa energia solare, in una forma d’energia utilizzabile. Pertanto, le cellule fotoelettriche producono elettricità, così l'acqua si riscalda,  il cibo si cuoce su un fornello solare e, così, le batterie solari  alimentano l’automobile. Gli occhi ricevono un intero spettro di luce solare, che il cervello distribuisce alle varie parti del corpo, sulla base dei bisogni. Di conseguenza, guarirete da tutte le malattie. Continuando a guardare il sole, non  userete più l’energia per l'affaticamento mentale o per il mantenimento della malattia fisica, per cui le scorte nel vostro corpo  aumenteranno. Entro i sei mesi diventerete il padrone di voi stessi.

 

 

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare