Le caratteristiche degli occhiali di Tesla. Differenze con gli analoghi. 

Oltre, ad una combinazione speciale dei colori più significativi, in termini di esposizione di una persona, il programma d’impulsi luminosi, incorporati nel dispositivo, si distingue per una combinazione ed al ritmo speciale, identico al ritmo delta del cervello. È noto, che il cervello umano è la parte più importante del sistema nervoso centrale, che possiede determinate caratteristiche ondulatorie ed elettriche, valutate utilizzando degli accessori specialistici, secondo lo stato dell’attività dei neuroni  (cellula nervosa specializzata). Nel cervello umano ce ne sono più di dieci miliardi.    

Il cervello lavora con informazioni neurochimiche ed emette segnali elettrici - a somiglianza di molte linee elettriche, chiudendo ed aprendo milioni di volte al secondo. Nel cervello umano, tali variazioni si verificano costantemente, seguendo determinati ritmi e sono misurati in hertz. Questi ritmi sono, condizionatamente, divisi in quattro gamme:     

  •   beta ritmo – da 14 – 30 Hz;    
  •   alfa ritmo  - da 9 – 14 Hz;    
  •   teta ritmo – da 4 – 7 Hz ;                
  •  delta ritmo – da 0,3 – 4 Hz.

Basandoci sulla teoria delle onde del cervello, abbiamo usato il ritmo delta nell'apparato poiché, da un lato, s’assorbe più attivamente (quando i colori sono mescolati) dalle strutture dell'analizzatore visivo e, dall'altro, è responsabile d’importanti processi vitali, come il rilassamento ed il sonno.      A seguito delle reazioni primarie, che si verificano a livello cellulare e molecolare, sopra menzionate, la luce che penetra attraverso gli occhi contribuisce alla manifestazione dei cosiddetti effetti secondari. Per "effetto secondario", in questo caso, intendiamo un intero complesso di reazioni, adattative e compensative, del corpo che derivano dall'azione della luce attraverso l’iride e la retina dell’occhio, su alcune strutture cerebrali, che assicurano il funzionamento dei principali sistemi vitali del corpo umano: cardiovascolare, endocrino, muscoli, respiratorio, sistemi circolatori e digestivi.    

E, come risultato aggiuntivo: il ripristino non solo della visione, ma anche delle funzioni di memoria, sonno, miglioramento, benessere generale, resistenza allo stress sospeso, capacità adattive di una persona.    La ricerca condotta dalla società, congiuntamente all’ Institute dell’Evoluzione Fiziologica, Sechenov, (S. Petterburgo) ha rivelato che (citazione): “la stimolazione della luce con l'aiuto provoca cambiamenti complessi dall'emoliquorodinamica intracranica”. Per comprendere l'importanza di tale problema, chiariamo: fluido cerebrospinale - il fluido cerebrospinale, la cui penetrazione nelle strutture cerebrali aiuta a rimuovere i prodotti d’emivita (metabolismo) che si accumulano nel cervello, protegge le cellule nervose dai danni chimici e meccanici.

Qualsiasi infezione virale, colpi alla testa, condizioni stressanti interrompono il movimento sistemico del liquido cerebrospinale. Ciò è importante, per comprendere un problema come un danno visivo dopo una malattia, stress, lesioni, specialmente tra gli atleti. Anche, piccoli colpi alla testa possono causare danni alla vista, anche qualche anno dopo ... Con un cambiamento complesso nell'emoliquorodinamica s’intende: un aumento del flusso sanguigno nell'arteria cerebrale posteriore destra; un aumento dell'afflusso di sangue alla regione occipitale del cervello; l’aumento della reattività vascolare e, di conseguenza, della resistenza dell'intero organismo; cambiamento nella conformità del cranio. Considerando la natura fisiologica della stimolazione, l'uso dell'apparato aumenta la resistenza del corpo umano alle infezioni, alle malattie croniche ed allo stress, causati da reazioni psicofisiologiche hanno un effetto tollerante sul lavoro della memoria, nonché sulla regolazione della circolazione cerebrale. Pertanto, l'apparato può essere raccomandato alle persone il cui lavoro è associato ad un aumento del carico visivo, non solo per stabilizzare le funzioni visive, ma anche per prevenire e normalizzare il funzionamento dei vasi cerebrali. Vogliamo prestare attenzione ad un fatto importante e rispondere alla domanda, che viene spesso fatta prima di decidere sull'adeguatezza della luce a bassa intensità, che, infatti, stimola l'attività metabolica delle cellule e porta alla patologia del cancro. Indubbiamente, l'effetto della luce porta ad un aumento del contenuto di DNA e RNA nei nuclei delle cellule umane, il che indica un'intensificazione dei processi di divisione cellulare.      

A tal proposito sorge la domanda dell’inizio di mutazione. Tuttavia, oggi ci sono molte prove che la frequenza delle mutazioni cromosomiche nelle cellule umane, causate da mutanti chimici, sotto l'influenza di un laser al neon-elio (luce di bassa intensità) diminuisce. Inoltre, numerosi studi confermano che le luci quantistiche, da 632 Hm a 660 Hm, attivano la sintesi del DNA, accelerano i processi di recupero ed hanno un effetto antimutagenico.  In oncologia, si utilizza il laser con una lunghezza d’onda, compresa tra 632 e 660 Nm (metodo di terapia fotodinamica approvato, per l’uso, dal Ministero della Salute della Federazione Russa, nei centri specializzati d’oncologia) nelle industrie nocive, nella medicina militare, come mezzo preventivo e recupero (specialmente in combinazione con alcuni foto sensibilizzatori).

Riassumendo:   La radiazione quantistica, a bassa intensità, utilizzata nell'apparecchio non riscalda e non distrugge il tessuto oculare, ma accelera solo la disintossicazione, migliorando i processi di metabolismo e drenaggio dei tessuti in tutto l'analizzatore visivo.  

La luce, trasmessa attraverso l'iride dell’occhio, ha l’effetto sul corpo umano ed è più volte efficace di quando penetra attraverso la pelle. L’impatto della luce dei colori: rosso, blu, verde, sull’analizzatore visivo ha il miglior effetto significativo sul corpo umano. L'uso di ritmi speciali d’esposizione, identici al ritmo delta del cervello, in cui viene secreto il maggior numero d’ormoni e neurotrasmettitori, promuove un ripristino graduale dei processi metabolici e, di conseguenza, abilita le cellule dell’occhio. Poiché gli occhi fanno parte del cervello, i processi positivi che si verificano nelle cellule dell'occhio hanno un effetto positivo complesso sul cervello, in particolare l'emoliquorodinamica.     E, si ha, di conseguenza, la normalizzazione della circolazione dell’occhio.  

 CONSULTA LA PAGINA: GLI OCCHIALI DI AVANGUARDIA PER MIGLIORARE LA VISTA

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare