SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

Il grande segreto del Vaticano: Esisteva davvero un papa donna?

 

Tutti i 266 capi della Chiesa Cattolica Romana erano uomini. Tuttavia, nel Medioevo, circolava una storia sul Papa che fosse, in realtà, una donna mascherata. La leggenda della cosiddetta “Papessa Giovanna" è ricordata ancora oggi. Chi era la  “Papessa Giovanna” ed esisteva davvero? La prima fonte scritta, intorno alla “Papessa Giovanna” è il documento "Chronica universalis Mettensis", scritto da Jean de Mailly,  nel 13 ° secolo.

Secondo il racconto dell'autore, nella stessa chiesa cattolica c'era stato un papa che non figurava nell’elenco, perché era una donna. Riguarda Papa Giovanni VIII. Benché, Jean de Mailly  scrisse che questa donna, grazie ad una notevole mente e molti talenti, le permisero di sedersi sul sacro trono; aggiungendo la maledizione: “Petre, Patter Patrum, Papisse Prodito Partum”, che significa: “”Oh Pietro, Padre dei Padri, rilascia la fertilità del Papa donna”.  

La storia della “Papessa Giovanna” è anche menzionata dall'inquisitore domenicano Etienne de Bourbon, che nel suo manoscritto “Chronica minor”, per la prima volta, che descrive i dettagli della sua morte. Bourbon scrisse una versione dell’evento, secondo la quale, la “Papessa Giovanna”  partorì in pubblico, in mezzo alla strada, rivelando il suo vero sesso. Per punizione, fu legata su di una biga, trainata da cavalli, che la portavano, per le strade di Roma; durante il percorso, il popolo irato, la lapidava.   Tuttavia, la versione più famosa della storia, è tratta dall'opera “Chronicon pontificum et imperatorum”, scritta dal sacerdote dell'Ordine Domenicano Martinus Polonus, che godeva di una grande reputazione e credibilità in Vaticano.    

Il lavoro di Martinus è diventato, estremamente, popolare ed è stato riscritto. A differenza di altre testimonianze circa la “Papessa Giovanna”, Martinus lasciò una colorata biografia di un papa donna ed in realtà fu il primo a menzionare il nome di “Papessa Giovanna”.  Oltre ad averla nominata, Martinus elenca, anche, altri dettagli sconosciuti, fino ad allora. Secondo la storia, la “Papessa Giovanna” era una cittadina inglese, nata a Mainz e governò per due anni, sette mesi e quattro giorni.   La “Papessa Giovanna” è, probabilmente, una leggenda metropolitana romana.  Allo stesso modo, la scienza storica rifiuta che sia esistita ed ha, anche, asseverato la sua leggenda; ma la storia della “Papessa Giovanna”, di tanto in tanto, ricompare. Tuttavia, le tracce della sua esistenza sono numerose nell'arte e nell'architettura. Molti credono che, tra le statue del Bernini, ci siano sette donne in travaglio, che si trovano nella Basilica di San Pietro a Roma; una sola è dedicata alla “Papessa Giovanna”.  In ogni caso, questa storia è stata tramandata, per secoli, attraverso la letteratura, la pittura e, più recentemente, in un film.

 

Pin It

Partner jooble