SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

I MESSAGGI DEGLI EXTRATERRESTI A NIKOLA TESLA

Non è un segreto che esistono numerose invenzioni, come le macchine-radio, in grado di ricercare la vita aliena. I documenti confiscati dall'FBI, incluse le numerose invenzioni, rivoluzionarie ai tempi di Tesla, possibili tecnologie segrete, inclusa la versione del suo famoso trasmettitore wireless, che poteva inviare radio-onde focalizzate su punti remoti del sistema solare.                                           

Alcune persone si chiedono se la mente dello scienziato fosse lucida. La sua mente era lucidissima, siamo noi che abbiamo i paraocchi. Tesla era molto più avanti.                 Per questo motivo sembrava che la sua mente non fosse lucida, invece non era comprensibile dai comuni esseri umani del tempo. È vero che Tesla era interessato a sviluppare una tecnologia, per comunicare con l'intelligenza aliena, durante la sua vita e riteneva che, almeno una volta, avesse scoperto un segnale alieno.                        

Dal 1896, Tesla riteneva che la sua versione del famoso trasmettitore wireless potesse essere utilizzata per contattare esseri intelligenti su altri pianeti.  Nell'estate del 1899, mentre stava lavorando nel suo laboratorio, a Colorado Springs, Tesla  notò una serie di codici numerici, segnali radio-cosmici, che interpretò come un segnale d’intelligenza, proveniente dal nostro sistema solare.

È possibile, che Tesla abbia, effettivamente, ricevuto un messaggio alieno?           

Se sì, da dove proveniva?                                     

La Croce Rossa, chiese a Tesla, di prevedere il più grande successo possibile dell'uomo nel successivo secolo. La seguente lettera fu la sua risposta.                                Segue la necessaria trascrizione. La retrospettiva è magnifica, la prospettiva è d’ispirazione: molto si può dire per entrambi. Ma, un'idea domina la mia mente.                      Questo - il mio meglio, il mio più caro - è per il vostro nobile obiettivo.         

Ho osservato azioni elettriche, che sembravano inspiegabili. Sebbene fossero deboli ed incerte, mi hanno fornito una profonda convinzione e la consapevolezza, che tutti gli esseri umani su questo pianeta, come uno, rivolgeranno i loro occhi verso l'universo, con un senso d’amore e rispetto, felici della gioia della notizia: “Fratelli! Abbiamo un messaggio da un altro mondo, sconosciuto e distante. Legge: uno ... due ... tre …”.                               

Interessante, Tesla non fu l'unico a credere di ricevere messaggi da esseri di un altro mondo. Marconi, indicato nella storia quale inventore della radio, sebbene Tesla l’avesse brevettata molti anni prima dellp stesso, anche lui ricevette "messaggi" da altri pianeti, ma, i messaggi da Marconi furono respinti, come un semplice disturbo.        Il caso Tesla era  complicato.                                      

Nel 1937, Nikola Tesla disse: “La maggior parte del mio tempo, l'anno scorso, l’ho dedicata allo sviluppo di un nuovo piccolo e compatto apparato, attraverso il quale l’energia, in quantità considerevoli, ora può sfondare lo spazio interstellare a qualsiasi distanza, senza dispersioni” (New York Times, 11 luglio 1937).                            

È interessante notare, che negli anni '70, L.G. Lawrence (direttore del campo dell'Ecola Istituto) ha scoperto la comunicazione con esseri alieni: “29 Ottobre 1971, ... mentre conducevo sperimenti RBS [Remote Biological Sensing], i nostri strumenti organici intercettavano una serie di segnali di comunicazione, apparentemente intelligenti (distanze strette ed intervalli d’impulsi discreti). Questo fenomeno è durato poco più di 33 minuti …”.  Un fenomeno simile era stato osservato il 10 aprile 1972.                

Segnali ovvi, oltre a sembrare, apparentemente, più deboli, sembrano essere trasmessi a grandi intervalli, da settimane a mesi, forse anche da anni. Il fenomeno di un tipo debole, coerente, binario è stato registrato durante il monitoraggio uditivo ....  Gli intervalli, tra una serie veloce di treni d’impulsi, si ripetevano da 3 a 10 minuti. L'ingegnere Greg Hodovec, nel 1980, riuscì a confermare alcune delle affermazioni di Tesla, basate sulla sua stessa teoria, mentre sperimentava il GVD, del suo stesso progetto.                                               

Fino al 1988, Hodovec ha dichiarato: “... Tali segnali, oggi si ricevono con semplici moderni rivelatori di segnali di tipo scalare, e le modulazioni coerenti si sentono nella radiazione di fondo. Occasionalmente, si ascoltano equivalenti codici E, N, A o K , ma la risposta più persistente è SE, SE, ecc.    Ogni tipo di rilevatore di rumore l/f risponderà a questa modulazione di fondo. Tuttavia, lo sperimentatore deve stare attento a non creare tali risposte a livello “locale", con le sue altre azioni locali. Ad esempio, i rivelatori rispondono anche al battito cardiaco, all'azione respiratoria, ai movimenti locali ed ai possibili effetti psicologici. I rilevatori sono facilmente realizzati e lo sperimentatore deve riprodurre facilmente questi risultati”.

Pin It

Partner jooble