SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

nikolatesla

Arthur Mathews, fu l’ultimo assistente di Tesla, nel periodo dal 1933 al 1943.

Questa la parte significativa della testimonianza registrata in Quebec, Canada:

".... oltre le importanti scoperte che sono state utilizzate in tutto il mondo, Tesla ha inventato tutta una serie di più piccoli dispositivi.

Uno di questi, scoperta molto importante, è il sistema per avviare l'auto, che ormai si trova installato su tutti i veicoli a motore .

Questa scoperta è degli inizi del XX secolo, e nessuno è riuscito a trovare un sistema migliore.

Il tachimetro è un’altra sua invenzione.

Tra le altre cose, per un po’ di tempo aveva seriamente affrontato il tema dell'applicazione di correnti elettriche, ad alta frequenza, per il trattamento e la prevenzione del dolore, specie per la cura della sciatica, dei reumatismi e di altri simili disturbi.

Cosi fu creato il suo piccolo vibratore elettrico (oggi, una copia è esposta nel Museo Tesla di Belgrado).

Un'altra delle sue invenzioni è l'auto elettrica.

La prima auto fu costruita nel 1897 e testata durante il viaggio, di andata e il ritorno, da New York a Buffalo.

Quest’automobile poteva raggiungere la velocità di circa 160 km l'ora.

Quest’autovettura, se fosse prodotta oggi, avrebbe un consumo di energia il cui costo sarebbe di 0,10 centesimi a chilometro e la manutenzione sarebbe, in pratica, a costo zero, poiché, esclusi i pneumatici e il meccanismo dello sterzo, non sarebbero necessari tutti gli altri complessivi e sottocomplessivi che le auto di oggi utilizzano.

Il suo motore elettrico funzionava a corrente alternata (ora utilizzata da quasi tutti gli elettrodomestici), incredibilmente, compie 30.000 giri al minuto, che si riducono a 1.800 giri al minuto, mediante l'ausilio di sistemi liquidi per la trasmissione, che erano anch’essi stati ideati da Tesla.

Una particolarità dell’autovettura elettrica è che, per il suo funzionamento, non richiede la batteria.

Il motore quindi manteneva la corrente nel così detto generatore principale.

È noto che l'unica parte della batteria che si usura è la piastra negativa.

Per esempio, negli accumulatori convenzionali, che usiamo in una torcia elettrica, questa piastra è di zinco e quando la piastra si riduce l'intera batteria, si scarica.

Tesla, invece, ha inventato un nuovo tipo di batteria primaria o generatore, in cui l'elettrodo negativo se usurato, in pochi minuti, può essere sostituito, anche da un bambino.

Con un tale generatore l’auto può percorrere fino a 800 chilometri, e poi occorrono alcuni minuti per farla rivivere utilizzando i pezzi di ricambio della batteria supplementare.

Tesla era consapevole che la sua auto, per un lungo periodo di tempo, non sarebbe stata messa in produzione.

Da un lato è giunto troppo tardi, poiché, in tutto il mondo, già si era sviluppata l’industria automobilistica, basata sul motore a combustione interna.

E troppo presto, poiché non si vede ancora la fine delle riserve di combustibili liquidi.

Un interessante ed efficiente dispositivo inventato da Tesla è stato chiamato “locator”.

Con esso siamo stati in grado di localizzare oggetti metallici e l'acqua sotto terra.

In alcune esperienze sperimentali, a grandi profondità, individuavamo fiumi e laghi.

Un’altra sua geniale creazione è un dispositivo chiamato "traduttore".

Somigliava a un normale registratore a nastro, ma era provvisto di molti pulsanti, ognuno dei quali rappresentava una lingua.

Se, ad esempio, parlavamo con un giapponese, l'intervistato era in grado di usare la sua lingua madre e premendo semplicemente il pulsante che si riferisce al Giappone, avremmo, simultaneamente, ascoltato la traduzione del testo parlato.

Tesla ha scoperto anche il radar con cui si rileva la velocità di un automezzo.

Ho avuto la possibilità di verificare tutti questi dispositivi, e alcuni, come il dispositivo per l'analisi e l'individuazione di metalli che Tesla mi ha regalato, ancora oggi, li conservo.

Alcuni dei dispositivi che ci ha mostrato, devo ammettere che, in quel momento, non ne avevo ben compreso il funzionamento; ad esempio, aveva una piccola scatola con la quale scattava foto mentre stavamo lavorando, e poi la sera le mostrava proiettandole sul muro.

Solo più tardi capii che aveva anticipato la TV e le telecamere.

Tuttavia, particolarmente, mi aveva affascinato il dispositivo cosi detto “motore di gravità”, congegno che abbiamo costruito nei boschi della lontana tenuta del Maggiore Henri Sanford, sulle colline sopra Quebec.

Era, infatti, un semplice ma sviluppato sistema di pesi interconnessi fra tre alti alberi.

Il peso era costituito da un comune sasso che si muoveva dall'alto vero il basso del terreno, e quindi realizzava il sistema di produzione elettrica.

Già sapevo che Leonardo da Vinci utilizzava un simile sistema per la produzione di energia.

Il problema, di questo semplice motore, era che si doveva sempre ruotare manualmente.

A volte avevamo il tempo per parlare con Tesla, e così una volta gli chiesi da dove traeva tutte quest’idee per le sue invenzioni.

Avevo pensato che si trattava di una letteratura speciale, poco nota che mi sarebbe piaciuta conoscere, invece, ho ricevuto una risposta assolutamente inaspettata: La Bibbia, mi disse.

Così come, ad esempio, le microonde le scoprì leggendo il Vangelo di San Matteo; in altre parole, credeva nella Santa Trinità.

Mi disse anche che, le microonde non sono ciò che molti pensano che siano; queste non sono le onde, ma le dimensioni effettive dei fasci.

Le microonde sono fasci che stanno diventando sempre più piccoli, fino a raggiungere un diametro inferiore a quello del capello .... ".

 

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare