(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: IL FIORE DEL MEDIO EVO

edificio-alto

Conclusione

Malgrado di Ricchezza la spietata, ch'unquanche di pietà non seppe usare, che del cammin c'ha nome Troppo-Dare le piacque di vietarmene l'entrata;

ancor, di Gelosia ch'è sì spietata, che dagli amanti vuole il fior guardare; ma pure 'l mio non sepp'ella murare, ched i'non vi trovasse alcuna entrata.

Ond'io le tolsi il fior ch'ella guardava; e sì ne stava in sì gran sospezzone*, che la sua gente tuttor invegghiava**;

Bellaccoglienza ne tenne in pregione, perch'ella punto in lei non si fidava: e sì n'er' ella donna di ragione!

 

*sospezzone = sospetto

**invegghiava = vigilava

 

 

 

 

Immagine:morguefile

 

CONSULTA ANCHE:

Il Fiore - introduzione

Amante e Amore

Consigli di amico

Amico

L'Amante e lo Schifo

Venere

Venere: La Balestriera

La Balestriera

Incendio del Castello

Cortesia e Bellaccoglienza

L' Amante

 

 

Questo sito utilizza cookies