(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa

 

Intervista con Emanuele Carioti (Giornalista Responsabile Cultura e Spettacoli T9)

Sladjana: La televisione cosa ti ha dato?

Ema: Tanto, sia dal punto di vista professionale che umano; proprio nel compio i miei primi 21 anni passati da giornalista, e di fatti ne ho visti e ne ho scritto tanto, di ogni, di ogni genere. Nel giornalismo è importante sapersi occupare un pò di tutto, sempre però con estrema cautela, perchè la tua voce (in tv e in radio) e la tua scrittura (sui giornali o nell'editoria web) sono ascoltate da una moltitudine di persone che devono essere informate correttamente. Dal punto di vista umano, ho conosciuto e frequentato così tante persone di ogni estrazione sociale e culturale; e ho ascoltato sempre tutti e ne ho tratto una grande lezione di vita!

Sladjana: Credi che è stata proprio la televisione a portarti il successo?

 



Ema: Beh sicuramente è stata il volano, ma mi impegno quotidianamente in tante cose; sono un appassionato di hi-tech e di nuove strategie di comunicazione applicate al web...guardo la tv con l'esperienza del passato, il lavoro del presente ma sono proiettato nel futuro e vorrei che anche il piccolo schermo lo fosse un pò di più in Italia, creerebbe anche nuovi posti di lavoro, di cui c'è molto bisogno!

Sladjana: Credi che la televisione abbia una magia?

Ema: Beh tutto sommato si...è una scatola magica!!! Tutti, chi più, chi meno abbiamo fantasticato con la Tv; sono sempre stato, tuttavia, affascinato dalle teorie di Marshall McLuhan che, come molti sanno, poneva la tv nei media freddi, al contrario della radio e del cinema nei quali oggi trovo più magia che nel piccolo schermo!

Sladjana: Sinceramente!Quanto è difficile entrare in televisione da 1 a 10?

Ema:Difficilissimo; purtroppo ormai è un mondo dominato dal nepotismo, dalla raccomandazione, dal denaro; lo era anche quando ho iniziato io, nel 1990...ma l'ambiente era molto più pultio, se ti segnalavano per lavorare, dovevi lavorare duro per guadagnarti il posto di lavoro;  oggi in tv il cattivo gusto impera così come i meccanismi di entratura nelle strutture televisive.

Sladjana: Se potessi avere una seconda vita credi che avresti scelto di nuovo a fare il giornalista?

Ema:Assolutamente si, ce l'ho nel sangue...anche se ora sogno un futuro da editore e produttore.

Sladjana:Qual’ è il tuo sogno nel cassetto?

Ema: Un futuro da editore e produttore, appunto!

Sladjana: Tu hai un sito-web molto visitato ci potresti dire qual’ è il tuo segreto? Grazie a televisione o?

Ema: Si è il mio blog Ematube; sicuramente la tv mi ha aiutato molto, nel senso che conoscendo molte persone anche nel mondo della  comunicazione, il brand Ematube http://www.ematube.it/ ha avuto una risonanza di rilievo...ma posso dire di averci messo molto del mio impegno e sempre fuori della mia attività giornalistica, Ematube è infatti un portale indipendente dove tutti possono inserire contenuti che dopo pochi minuti sono indicizzati su tutti i principale motori di ricerca della rete.

 

Sladjana: Per avere successo come un giornalista cosa è necessario fare?

Ema: Lavorare per strada, leggere tanto, scrivere tanto, prendere i mezzi pubblici, parlare e ascoltare tutti ed avere onestà intellettuale...forse non si avrà un grandissimo successo, ma avrai fatto bene il tuo lavoro da giornalista e questa, secondo me, è la più grande soddisfazione.

Sladjana: Sinceramente! Cosa sono le donne o gli uomini disposti a fare solo per entrare in televisione?

Ema: Purtroppo troppo!!! Ed è una vergogna; si è persa la dignità; di episodi ne potrei raccontare tantissimi, ma preferisco tacerne e mi auguro che in futuro le ragazze e i ragazzi di oggi credano di più nelle loro capacità intellettive.

Sladjana: Nel corso della tua vita ti è mai passato per la mente di fare qualcos’altro..però?

Ema: Assolutamente si; come tanti bambini volevo fare tre mestieri: il giornalista, l'attore e l'astronauta; i primi due diciamo che ci ho provato...in futuro mi auguro di riuscire a fare un viaggio in orbita! Richard Branson, d'altra parte, c'è riuscito...e lui cominciò con un negozietto di dischi a Londra!

Sladjana: Grazie Ema.

Questo sito utilizza cookies