(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: IL FIORE DEL MEDIO EVO

arte-visione

Amante e Amore

Lo dio d’Amor con su’arco mi trasse* perch’i’ guardava un fior che m’abbellia**, lo quale avea piantato Cortesia nel giardin di Piacer; e que’ vi trasse

Sì tosto ch’a me parve che volasse, e disse: “I sì ti tengo in mia balia.”

Allora gli piacque, non per voglia mia, che di cinque saette mi piagasse.

La prima ha nom Beltà: per li occhi il core mi passò; la seconda, Angelicanza: quella mi mise sopra gran freddore;

La terza  Cortesia fu san dotanza;*** la quarta, Compagnia, che fé dolore; la quinta appella l’uon**** Buona – Speranza.

* mi trasse = scagliò
** m’abbellia = mi piaceva
*** san dottanza = senza timore
**** appella l’uon = si chiama

 

 

 

CONSULTA ANCHE:

Il Fiore - introduzione

Il Castello

Consigli di amico

Amico

L'Amante e lo Schifo

Venere

Venere: La Balestriera

La Balestriera

Incendio del Castello

Cortesia e Bellaccoglienza

L' Amante

Conclusione

 

Questo sito utilizza cookies