(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: SPORT E STORIA

india-sport

La storia dello sport in India

I primi abitanti delle valli percorse, oggi in India, dai fiumi Indo e Gange, furono i Dravidi nel periodo tra 4000 e 3000 anni a.C..
Tra i reperti archeologici rinvenuti di questo periodo sono state trovate un gran numero di figure, di rilievi e di sigilli, che si riferiscono allo sport; mostrano vari giochi con dei tori e scene di danza.
Nel territorio che fu abitato da quest’antica civiltà sono stati riportati alla luce i resti di castelli, che assomigliavano a delle antiche palestre della corte, dove, inoltre, erano ubicate le piscine al coperto.
Oltre ad una grande piscina, nei ruderi sono state trovate le cabine individuali per i nuotatori, ed i bagni a vapore. Si ritiene, che questo fosse un luogo sacro della religione induista, infatti, il rito dell’abluzione si può osservare, ancora oggi, lungo il "santo" fiume Gange e dell’Indo.
Questa civiltà fu, quasi interamente, distrutta negli attacchi condotti dalle tribù ariane nel II secolo a.C.., e si costituì un nuovo ordine sociale con specifiche caste.

 

Alla (ariana) casta dominante Privilegiata, appartenevano i sacerdoti (Brahmani) e la casta militare (Ksatriya).
Le caste noariane erano divise in due gruppi: Vaisya, la casta delle persone comuni (commercianti, agricoltori e allevatori) e Sudra, la casta degli schiavi e lavoratori senza patrimonio.

Ogni casta veniva coinvolta nelle attività fisiche, ed occupava un determinato posto e rivestiva un proprio idoneo ruolo nella società.

La casta Brahman influenzava sia lo sviluppo complessivo sociale ed economico dell’India che lo sviluppo delle attività sportive. 
Citazioni si trovano nei libri sacri indiani chiamati "Veda"; nella famosa opera epica Mahabharata e Ramayana si menzionano ricche informazioni sulle attività fisiche dell’epoca.
I protagonisti nell'organizzazione degli esercizi fisici appartenevano alla casta militare, che trascorrevano tutta la loro vita dedicandosi al mantenimento della propria forma fisica e a migliorare le capacità fisiche degli uomini e delle donne.
Nei Veda si possono trovare sport-indiadettagliate informazioni sui regolamenti della scherma, della lotta, del tiro con l'arco, del giavellotto, ma anche delle formazioni tattiche adottate in guerra, comprese le tecniche per le competizioni di padronanza per la guida dei carri, di equitazione per cavalcare e combattere a cavallo o con gli elefanti.
La casta Brahman coltivava molte forme di giochi e danze, che erano considerati parti integranti delle cerimonie.
Gli storici greci, che accompagnarono Alessandro Magno nella sua campagna in India, hanno fatto notare come i sacerdoti avevano prestato una particolare attenzione agli esercizi di respirazione. Questi esercizi venivano eseguiti per scopi terapeutici ed erano strettamente connessi con gli esercizi yoga. Essi rappresentano, ancora oggi, la più importante forma di dottrina fisica del corpo e dell'anima.

Le cerimonie nuziali e funebri avevano un ruolo diverso nel promuovere e supportare gli eventi sportivi.

È stato evidenziato come il principe Siddharta ,circa 500 anni a.C., nel chiedere la mano della principessa Gope, dovette dimostrare tutta la sua abilità e battere gli avversari nelle dieci discipline, cinque "naturali" (scherma, lotta, pugilato, tuffi e nuoto) e cinque "spirituali" (la lettura di vecchi documenti, la conoscenza di piante e animali, l’arte della scrittura, la grammatica e la matematica).
Le suddette discipline facevano parte di un programma completo di formazione nei collegi indiani dell’epoca.
Invece, le caste delle persone comuni e degli schiavi praticavano forme popolari di competizioni. Combattevano senza armi, correvano, saltavano, scagliavano le lance, lottavano, danzavano; tra queste attività si evidenziano l’hockey e il polo, che in seguito sono stati una prerogativa degli appartenenti ai livelli più alti della società.

 

CONSULTA ANCHE:

La storia dello sport in Cina. Le attività fisiche dei cinesi  sono coerenti con la nostra definizione dello sport  da loro praticato da 4000 anni A.C.

Sulla base dei reperti archeologici, dati registrati e disegni possiamo confermare un alto e consistente sviluppo egiziano anche nello sport.

La storia delle olimpiadi - Ai tempi antichi, si credeva che gli dei e gli eroi, oltre al santuario, avessero dato origine all'agonismo sportivo, cui essi stessi partecipavano.

Gli scavi archeologici di Olimpia - Il Santuario era dedicato al dio Zeus; In tutto il santuario si contavano  altri 69 altari dedicati alle divinità del mondo antico

Organizzazione dei giochi olimpici - L’intervallo di quattro anni, tra l’organizzazione dei giochi e i successivi, era chiamato Olimpiade e fu usato per il calcolo d’eventi storici

Colosseo -descrizione della struttura- Il Colosseo è un enorme anello alto 56 metri e formato da quattro piani, i primi tre ad arcate e l’ultimo in muratura piena.

Ma cosa accadeva veramente all'interno del Colosseo? Da sfatare è la credenza che nel Colosseo fossero uccisi i cristiani come forma di spettacolo, ciò avvenne in altre epoche ed in altri anfiteatri.

Ma chi erano i gladiatori? In realtà c’è un po’ di confusione sull’identità dei gladiatori. Spesso erano nemici di Roma divenuti prigionieri di guerra

La figura del gladiatore -  I Gladiatori (da gladio=corta spada) erano per lo più prigionieri di guerra, schiavi, liberti, criminali condannati a morte, ma anche uomini liberi

Armatura del gladiatore - il gladio fu associato sempre di più all’arma da combattimento principale di un gladiatore, ed infatti dal termine “gladio” deriva il nome “gladiatore”

Questo sito utilizza cookies