(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: SPORT E STORIA


egitto-sport

Lo sviluppo dell'esercizio fisico in Egitto

 

In Africa del Nord nella bassa valle del fiume Nilo , intorno al 3000 aC si sviluppò una delle civiltà antiche più importanti.  Sulla base dei reperti archeologici, dati registrati e disegni possiamo confermare un alto e consistente sviluppo egiziano in molte aree e discipline, tra cui anche lo sport. La loro specifica religione ha maggiormente influenzò la crescita della società egiziana, dando anche un effetto stimolante allo sviluppo dell’ esercizio fisico. Disegni, sculture ed immagini (geroglifici) forniscono una prova dei progressi egiziani attraverso migliaia di anni.  I dati più antichi sui lottatori si incontrano nella tomba di Ptahhotep vicino al Sahara intorno a 2650 AC.

 

Sulle tombe dedicate a Beni Hassan (circa 2000. AC) sono stati trovati circa 400 disegni sui lottatori, che fanno intuire l'esistenza di una scuola speciale per i lottatori. I Lottatori erano raffigurati con varie  tecniche di lotta libera. Per una facile identificazione, erano dipinti di colore rosso scuro e chiaro, ed un testo accompagnava i  geroglifici. La lotta con i bastoni  mostrata in reperti archeologici, esisteva  dai tempi antichi fino ad oggi. Da questo tipo di lotta si era sviluppata la lotta con le lance. Lo storico greco Erodoto afferma che la lotta con i bastoni era usata in Egitto nelle cerimonie religiose dove partecipavano un gruppo di mille lottatori.

Anche  Lo Sport acquatico era molto diffuso negli ambienti egiziani. Un  particolare geroglifico risalente intorno al 2400 a C  indicava il nuoto, lo stile libero.  Più tardi vennero  indicate  nei disegni altre tecniche di nuoto. Il Canottaggio poi era un soggetto molto frequente nei dipinti sulle pareti delle tombe egiziane. Le barche erano costruite in modo specifico  per le gare sportive. I giochi con la palla apparivano spesso sui disegni nelle tombe e nei templi. A causa del clima secco si era conservato un gran numero di palle di quel periodo, spesso erano cucite in pelle, riempite di terra o paglia. Si usavano molti tipi di gioco con la palla che lanciata,  si poteva prendere da diverse posizioni,  seduti, in piedi, saltando, fino a stare sulla schiena di un altro giocatore.  Molto comuni erano vari giochi elementari: pietre, bastoni, cerchi, giochi di equilibrio, salto, ecc. Ognuno si esercitava individualmente, in coppia, in gruppi, fermi o in movimento. 

Anche il Pugilato ha avuto un posto molto importante nella attività fisica e nel divertimento. La Caccia delle bestie feroci, soprattutto i leoni, praticata sul  carro, era un privilegio delle classi governanti. Erodoto nei suoi scritti evidenziò li eventi sportivi speciali nella forma della lotta libera con ricompense in animali, pelli e vestiti. La ricca mitologia e la religione piena di cerimonie varie aveva incoraggiato lo sviluppo e la pratica  di vari tipi di danze. Nei templi c'erano  scuole di danza  sacra. In queste scuole i maestri insegnavano canto ai sacerdoti e ad un gruppo di ballerine, musiche e danze con le quali si presentavano nelle cerimonie religiose che duravano diversi giorni. Le danze di trattenimento erano eseguite nei banchetti dei ricchi egiziani, ed erano eseguite in maggior parte da ballerine professioniste.

Con l’andare del tempo si erano specializzate due gruppi di ballerini: le danzatrici delle danze cerimoniali con le armi  e le ballerine delle danze erotiche. Durante la dinastia Tolemaica (IV-I secolo a C) la cosiddetta danza del ventre fu dominante. Questa danza ancora oggi caratterizza  questa regione. Quando la dinastia tolemaica  inserì nelle proprie file un esercito mercenario,  principalmente formato da soldati di origine greca,  gradualmente sostituirono il sistema e le pratiche egiziane dell’esercizio dei soldati con l’esercizio fisico greco ottenendo così una maggior diffusione della cultura greca tra gli egiziani. Col tempo la civiltà egiziana  fu esposta al diverse influenze (romana, araba , inglese etc)  dalle quali ricevette diverse forme di esercizio fisico e risorse dalle altre nazioni. Da notare che alcune discipline sportive si sono mantenute fino ad oggi (lotta, sollevamento pesi, combattimento con i bastoni, danza del ventre, ecc.)

bonus benvenuto

CONSULTA ANCHE:

La storia dello sport in Cina. Le attività fisiche dei cinesi  sono coerenti con la nostra definizione dello sport  da loro praticato da 4000 anni A.C.

La storia dello sport in India. Ogni casta veniva coinvolta nelle attività fisiche, ed occupava un determinato posto e rivestiva un proprio idoneo ruolo nella società.

La storia delle olimpiadi - Ai tempi antichi, si credeva che gli dei e gli eroi, oltre al santuario, avessero dato origine all'agonismo sportivo, cui essi stessi partecipavano.

Gli scavi archeologici di Olimpia - Il Santuario era dedicato al dio Zeus; In tutto il santuario si contavano  altri 69 altari dedicati alle divinità del mondo antico

Organizzazione dei giochi olimpici - L’intervallo di quattro anni, tra l’organizzazione dei giochi e i successivi, era chiamato Olimpiade e fu usato per il calcolo d’eventi storici

Colosseo -descrizione della struttura- Il Colosseo è un enorme anello alto 56 metri e formato da quattro piani, i primi tre ad arcate e l’ultimo in muratura piena.

Ma cosa accadeva veramente all'interno del Colosseo? Da sfatare è la credenza che nel Colosseo fossero uccisi i cristiani come forma di spettacolo, ciò avvenne in altre epoche ed in altri anfiteatri.

Ma chi erano i gladiatori? In realtà c’è un po’ di confusione sull’identità dei gladiatori. Spesso erano nemici di Roma divenuti prigionieri di guerra

La figura del gladiatore -  I Gladiatori (da gladio=corta spada) erano per lo più prigionieri di guerra, schiavi, liberti, criminali condannati a morte, ma anche uomini liberi

Armatura del gladiatore - il gladio fu associato sempre di più all’arma da combattimento principale di un gladiatore, ed infatti dal termine “gladio” deriva il nome “gladiatore”

Questo sito utilizza cookies