(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: SPORT E STORIA

sport-persia

L’esercizio fisico occupava un ruolo molto importante nella  vita dei Persiani, ci sono una serie di documenti  e testimoni di questo periodo che lo provano in particolare negli scritti di storici greci quali  Erodoto e Senofonte.

Senofonte nella sua opera "Cirupedia"  narrando del personaggio Ciro il vecchio, lo presentò come un insegnante ideale, sottolineando sopratutto l’educazione fisica e lo sviluppo  dei ragazzi persiani.  A sette anni  lasciavano la casa dei genitori e iniziavano la loro formazione in istituti speciali.

 

Prima gli  insegnavano  le regole religiose, poi continuavano con l’educazione fisica in edifici separati che si trovavano nel palazzo del Re. Si esercitavano alla corsa,all’equitazione, al tiro con l’arco e frecce , al pugnale ed al combattimento con la lancia . I più famosi erano i corridori ed i cavalleggeri che facevano servizio di corriere organizzato con la staffetta.  Il Grande re persiano Dario I (522 - 488 aC), creò per primo  un servizio speciale di corriere (la posta di oggi).  L'impero persiano aveva una buona rete stradale ( strade lunghe  2400 km ), che  rese facile manovrabilità per i militari, compreso il  servizio del corriere veloce. Si trattava di corridori molto resistenti che  giorno e notte portavano   messaggi. I giochi  più  famosi   invece  erano soprattutto il golf  e  l’hockey su prato che hanno avuto il seguito fino al  giorno di oggi. La ricca mitologia tramandata  aveva influito sullo sviluppo di una serie di danze, in particolare la danza con le armi. Nella fase successiva, sotto l'influenza della Cina e dell'India si era maggiormente sviluppata la ginnastica. Dalla caduta dell'impero persiano derivato dall’assalto dell'esercito di Alessandro Magno (331 aC)  in questa zona cominciò a sentire una più  forte influenza della civiltà greca. Da notare che  alcune discipline specifiche si mantengono ancora oggi (pallanuoto, hockey su prato, danza con le armi).

CONSULTA ANCHE:

La storia dello sport in Cina. Le attività fisiche dei cinesi  sono coerenti con la nostra definizione dello sport  da loro praticato da 4000 anni A.C.

La storia dello sport in India. Ogni casta veniva coinvolta nelle attività fisiche, ed occupava un determinato posto e rivestiva un proprio idoneo ruolo nella società.

Sulla base dei reperti archeologici, dati registrati e disegni possiamo confermare un alto e consistente sviluppo egiziano anche nello sport.

La storia delle olimpiadi - Ai tempi antichi, si credeva che gli dei e gli eroi, oltre al santuario, avessero dato origine all'agonismo sportivo, cui essi stessi partecipavano.

Gli scavi archeologici di Olimpia - Il Santuario era dedicato al dio Zeus; In tutto il santuario si contavano  altri 69 altari dedicati alle divinità del mondo antico

Organizzazione dei giochi olimpici - L’intervallo di quattro anni, tra l’organizzazione dei giochi e i successivi, era chiamato Olimpiade e fu usato per il calcolo d’eventi storici

Colosseo -descrizione della struttura- Il Colosseo è un enorme anello alto 56 metri e formato da quattro piani, i primi tre ad arcate e l’ultimo in muratura piena.

Ma cosa accadeva veramente all'interno del Colosseo? Da sfatare è la credenza che nel Colosseo fossero uccisi i cristiani come forma di spettacolo, ciò avvenne in altre epoche ed in altri anfiteatri.

Ma chi erano i gladiatori? In realtà c’è un po’ di confusione sull’identità dei gladiatori. Spesso erano nemici di Roma divenuti prigionieri di guerra

La figura del gladiatore -  I Gladiatori (da gladio=corta spada) erano per lo più prigionieri di guerra, schiavi, liberti, criminali condannati a morte, ma anche uomini liberi

Armatura del gladiatore - il gladio fu associato sempre di più all’arma da combattimento principale di un gladiatore, ed infatti dal termine “gladio” deriva il nome “gladiatore”

Questo sito utilizza cookies