(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: ARCANI STUDI E RICERCHE

Il vero segreto della Piramide

 


L'unica piramide, nell'antico Egitto, che possedeva il potere di trasformazione era la
Grande Piramide.
I Pleiadiani la costruirono, come tempio dell'iniziazione, e questa piramide poteva
essere attivata solo quando il grande cristallo, nell'epicentro (vicino alla Camera del
Re), era sintonizzato sulla frequenza di una pietra superiore (che oggi manca in gran
parte).
Subito dopo la costruzione e l'attivazione della piramide, i siriani giunsero sulla Terra
e la considerarono una divinità del popolo.
C'erano molti individui che desideravano, ardentemente, il potere e volevano usare la
piramide a proprio vantaggio; per tale motivo fu disattivata.
Gli egizi che, in seguito appartenuti alla Dinastia, non sapevano come riattivarla, per
cui hanno provato tutti i tipi di magia ed alchimia, inclusa la mummificazione del
corpo del faraone e l'edificazione di vari altari.
Naturalmente, niente di tutto ciò ha funzionato, poiché hanno perso la conoscenza
delle frequenze e della geometria della luce.
Gli egiziani, con molto impegno e materiali, costruirono molte piramidi simili,
sperando di ricreare il "magico elisir".
Ma, i Pleiadiani non tornarono per illuminarli, poiché la vibrazione degli egiziani si
era ritirata troppo.

Questo sito utilizza cookies