(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: Articoli da consultare

Permettete di presentarci, Vi salutiamo, siamo i Fondatori. Per prima cosa, vogliamo presentarci. Noi siamo, coloro che Voi chiamate gli Dei Creatori. Soltanto una piccola percentuale della nostra energia passa attraverso questo canale.


È difficile, per noi, proiettare anche una piccola parte di noi stessi nel vostro mondo. Preferiamo farlo con un metodo, chiamato trasmissione telepatica. Anche con questo metodo, la maggior parte delle nostre energie inviatevi, si trasmette nei molteplici canali della nostra mente superiore. La nostra vera esperienza, per Voi, è molto difficile da comprendere. Proveniamo da una frequenza molto vicina al tempo reale, poiché abbiamo messaggi molto importanti per tutta l'umanità. Veniamo in questa forma (forma della luce), sempre, solo all'inizio ed alla fine di ogni grande ciclo cosmico Terrestre.

Migrazione sul Marte

 


Oltre 10 milioni di anime hanno perso i loro corpi, durante la distruzione di Maldek. La maggior parte di queste anime, in seguito, si stabilirono su Marte, dove la civiltà si stava già sviluppando. A quel tempo, le anime su Marte erano il prodotto del nostro esperimento, insieme a gruppi di molti altri sistemi, tra cui Orion ed Alpha Draconis. Tali gruppi hanno lasciato il segno, molte volte, nella vostra spirale evolutiva, ma mai al punto da poter cambiare, seriamente, impronta digitale del DNA, almeno non ancora. Le anime di Maldek si sono incarnate su Marte, nel solito modo, attraverso una miscela delle linee Pleiadiana, Orioniana e Draconiana su Marte.


La civiltà del posto ha vinto, rapidamente, sulla molteplicità, fino a quando più di 100 milioni di anime non sono state incarnate.
Dieci milioni di anime di Maldek si sono frammentate, in circa il 50% della popolazione di Marte, entro un periodo di poche migliaia di anni. Man mano che la popolazione di Marte cresceva, la dolce atmosfera diventava affollata.
A causa della loro distanza dal Sole, sia Marte che avevano un' atmosfera sottile e dolce, che non poteva resistere alla pressione di grandi popolazioni (senza menzioniare le armi nucleari).
Come sopradetto, la maggior parte degli Orioni, Draco e gli ibridi creati, incrociando Orioni e Draco, dopo la distruzione di Maldek, si sono reincarnati su Marte.


A quel tempo, Marte aveva un' atmosfera che era dal 20 al 30% della densità dell'atmosfera terrestre. Gli esseri umani potevano respirare, facilmente, in quell'atmosfera e, sebbene l'atmosfera fosse un pò; più fredda, gli umani potevano vivere, comodamente, sulla superficie di Marte. Il tempo su Marte, prima dell'esplosione di Maldek, era moderato, forniva abbastanza umidità e nutrimenti per le colture, sufficienti a supportare la maggior parte delle anime in evoluzione.

Molte grandi città furono costruite su Marte. Mentre la civiltà marziana continuava ad evolvere, i disordini, tra i diversi gruppi, aumentavano, soprattutto perché le anime di Maldek non avevano appreso, completamente, la lezione, a seguito della guerra ed hanno lasciato, bruscamente, i loro corpi con il disastro di Maldek. Malgrado la maggior parte delle anime si consultassero tra le due vite, vigeva ancora la nostra legge, di non intervenire politicamente, tranne per prevenire un'altra esplosione planetaria, pertanto gli abitanti di Marte furono lasciati, in gran parte, soli fino a quando non svilupparono armi sufficienti, per distruggere i pianeti.
L' esplosione di Maldek ha cambiato l'orbita di Marte ed ha cambiato, in modo significativo, la frequenza del campo elettromagnetico. Il clima è cambiato, creando più zone desertiche. Sono stati costruiti grandi canali, per trasportare l'acqua dalle regioni tropicali e polari alle zone desertiche. Poiché il clima è diventato sempre più instabile, sono scoppiate guerre, per il diritto
all'acqua e, finalmente, ricominciò la produzione di armi convenzionali ed iniziò la nuova guerra.

 

La guerra nucleare su Marte


Alcuni gruppi su Marte hanno sviluppato un tipo di bomba atomica sporca. Queste armi contenevano metalli pesanti (uranio, plutonio), simili alle prime bombe atomiche sulla Terra. Presto, scoppiò una guerra, in cui queste armi furono usate.
Molte anime furono avvertite dai membri della Fratellanza della Luce (più tardi Confederazione Planetaria, che è una discendente delle Federazioni Galattiche (note anche come Confederazioni Galattiche), ed hanno ricevuto assistenza nella
costruzione di rifugi sotterranei ed infine città sotterranee.
La Fratellanza e le sue organizzazioni hanno neutralizzato molte armi, per impedire il ripetersi dell'esperienza di Maldec.
Tuttavia, i marziani hanno creato dei fori nella loro atmosfera, che hanno danneggiato, gravemente, l'equilibrio ecologico del pianeta, al punto che anche le forme di vita più semplici si erano quasi estinte.

Alcuni sopravvissuti, dopo l'attacco atomico, si sono trasferiti sottoterra e si sono uniti a chi già ci abitava. Sotto terra, hanno continuato a progredire nella loro civiltà, fino a quando non è emerso un nuovo ordine.
Dei circa 100 milioni di anime che, originariamente, vivevano sulla superficie di Marte, solo 10 milioni sopravvissero e vissero sottoterra. Per prevenire ulteriori attacchi, le città sotterranee furono chiuse al mondo esterno. Gli scienziati marziani sono riusciti creare un ambiente artificiale, in grado di supportare fino a 20 milioni di anime.
Nel tempo, le città sotterranee sono crollate a causa dell'erosione. Era difficile mantenere la fertilità, a causa della mancanza di nutrienti nel terreno artificiale.
Molte anime, che vivevano sottoterra, iniziarono ad incarnarsi su altri mondi. Nel corso del tempo, grandi tempeste di sabbia hanno devastato la superficie di Marte ed hanno eroso le città e le architetture originali. Ad oggi, sono rimaste un paio di piramidi e degli edifici rettangolari, abbastanza per ricordare ai vostri scienziati, che una volta, lì esisteva la vita, anche se quell'informazione era nascosta, alla maggior parte della popolazione mondiale. Molti dei vostri scienziati hanno osservato canali su Marte ed hanno cercato di spiegarli, in modo naturale.
Hanno cercato di nascondere il fatto, che una volta c'era vita intelligente su Marte. I resti delle piramidi e delle creazioni, utilizzate dalle società tecnologiche, che una volta esistevano su Marte, sono, chiaramente, visibili a coloro che sono sulla Terra e, disposti ad osservare con una mente aperta. Queste creazioni sono state fotografate sulla superficie di Marte dalla vostra organizzazione spaziale, chiamata NASA e da altre organizzazioni, con sede in Cina ed in Russia.

Quei governi hanno, di fatto, forti interessi personali nel nascondere la verità al pubblico ed hanno quindi ampliato l'idea, che queste siano strutture artificiali su Marte. Le città sotterranee esistono ancora ed alcune di esse sono ancora abitate oggi, ma la maggior parte dell'anime, che sono sopravvissute al decadimento s’è evoluta nella 4D, densità superiore e, non visibili alle anime 3D, che s’informano su di loro. I vostri scienziati scopriranno la radioattività su Marte, che non si può spiegare solo con l’aiuto di formazioni rocciose naturali, poiché trattasi del residuo di un'esplosione atomica, in quanto alcuni gli elementi delle bombe persistono per milioni di anni. Che fine hanno fatto i 90 milioni di anime, che non andarono sottoterra? Hai indovinato - la maggior parte migrarono sulla Terra e, si reincarnarono in un vaso misto di Pleiadiani, Orioni, Drakos ed altri gruppi riorganizzati, dopo la distruzione della Pangea.

Tratto dal libro: “Earth changes and 2012”, di Sal Rachele. Traduzione a cura di Sladjana

I fondatori usano il canale di Sal Rachele, per inviarci messaggi importanti. Seguiteci poiché Vi riporteremo i tutti loro messaggi. Sta a Voi crederci o meno. Noi ci crediamo, poiché le ricerche, che abbiamo effettuato, in tutti questi anni, ci portano a crederci. Anche ciò che sta accadendo, negli ultimi periodi, ci fa riflettere.

 

Questo sito utilizza cookies