(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: ARITMETICA

1. L’ADDIZIONE

 

 

I numeri si chiamano addendi.

Il risultato si dice somma o totale.

Cambiando l’ordine degli addendi la somma non cambia.

25+3+12=40 3+12+25=40

Questa proprietà si chiama commutativa e si applica per la prova dell’addizione, che, infatti, si esegue ripetendo l’operazione, dopo aver mutato l’ordine degli addendi.

Addizione Prova

354,00 + addendo 1.263,50 +

1.263,50 + addendo 19,75 +

19,75 = addendo 354,00 =

======= =========

1.637,25  somma o totale 1.637,25

2. LA SOTTRAZIONE

Dati due numeri, dei quali il primo sia maggiore del secondo, si dice loro differenza o resto un terzo numero che, aggiunto al secondo, dà per somma il primo.

Esempio: dati i numeri 11 e 3 la loro differenza è 8 perché 8+3=11.

 

 

I termini si chiamano: il primo, cioè il maggiore, minuendo, il secondo, cioè il minore sottraendo.

Il risultato si dice differenza o resto.

In ogni sottrazione, sommando la differenza o resto col sottraendo, si ottiene  il minuendo.

Esempio: 15-6=9      infatti 9+6=15.

La prova si esegue sommando la differenza o resto col sottraendo.

Sottrazione Prova

30.900,00 – minuendo 22.143,75 +

8.756,25 = sottraendo 8.756,25 =

========= =========

22.143,75    differenza o resto 30.900,00

 

NOTA: si possono sottrarre soltanto quantità della medesima specie, cioè euro da euro, litri da litri, e non euro da litri.

Questo sito utilizza cookies