(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: GRAMMATICA ITALIANA E ANALISI GRAMMATICALE

libri

I VERBI IMPERSONALI

si usano  alla 3ª persona singolare e non hanno un soggetto determinato. Molti verbi impersonali indicano fenomeni atmosferici: “piovere”, “nevicare”, “tonare”, “lampeggiare” ecc. E’ richiesto l’ausiliare “essere”, ma, quando si vuole indicare la continuità dell’azione, si usa l’ausiliare “avere”.

 

 

Si difendono i diritti, quando si rispettano i doveri.

(sono difesi) (sono rispettati)

 

 

I VERBI SOVRABBONDANTI

hanno una doppia coniugazione.

Alcuni mantengono lo stesso significato: compiere – compire

starnutare – starnutire

Altri assumono due significati diversi:

arrossare (tingere di rosso) arrossire (diventare rosso)

scolorare (togliere il colore) scolorire (perdere il colore) ecc.

 

I VERBI DIFETTIVI

mancano di alcune voci.

Addirsi: si addice – si addicono – si addiceva – si addicevano.

Aggradare: aggrada, ecc.

 

I VERBI IRREGOLARI

Non mantengono inalterato il tema e non rispettano tutte le desinenze della coniugazione a cui appartengono.

Joomla SEF URLs by Artio

Questo sito utilizza cookies