(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: LEGGENDE SLAVE

horz

Horz raffigura la luna ma anche il sole del mattino, o anche il sole in tutte le sue fasi.

Il principe Vladimir nel 980 costruì su una collina sopra Kiev le statue di  divinità pagane non immaginando che presto le avrebbe distrutto. Oltre alla statua di Perun, Mokos, Stribog, Simargal e Dazbog, Vladimir  costruì anche una statua di  Horz.
In una leggenda ucraina si racconta che principe Viseslav  si trasformò in un  lupo  attraversando la strada tra  Kiev e la Crimea. Il suo obiettivo era quello di tagliare la strada a Horz prima che lo stesso potesse arrivare in Crimea tutto questo prima  del canto del gallo. Horz è raffigurato come il sole del mattino che Viseslav sta tentando di precedere,  ma anche la luna, la strada di Horz. Ma cosa è effettivamente questa corsa da lupo di Višeslav?

La storia di lupo mannaro

E 'noto che nel folklore slavo si raccontano le storie di lupi mannari, le persone che dopo la morte si trasformano in lupi. Quindi Principe Viseslav è  un lupo mannaro,  influenzato da Horz - la luna lo trasforma da  uomo in lupo. C’è  una storia simile che riguarda l’imperatore Traiano, una figura demoniaca  che esercita i suoi crimini di notte, vivendo nel buio, nascondendosi dal sole del mattino. Horz è la luna che governa i lupi mannari,  i vampiri ed i demoni, anche se non può essere considerata come una forza negativa, ma semplicemente l’energia che nell'uomo o in altri simili   risveglia l’istinto bestiale, tenebroso e nascosto. Horz è associato alla Luna in un altro modo. Il suo simbolo è  un corno, mentre sul petto è presente il lupo che divora la luna, simboleggiando in quel modo l’ eclissi. L’aggettivo kors è molto simile al nome di Horz, e rappresenta qualcosa di già iniziato o tagliato. Questo attributo ovviamente, si riferisce alla luna, che nelle fasi di crescita e di declino sembra proprio così, (la groppa).

Come abbiamo detto, Horz non solo raffigura la luna ma anche il sole del mattino, o anche il sole in tutte le sue fasi. Lo scienziato Sreznjev, che scoprì una statua di Horz, la chiamò Apollo. Horz  a volte percepita come Dazbog , una divinità identica  Horz - Dažbog.  Le sorelle di Horz sono le ragazze del sole.

Consulta miti slavi

dio-slavo-dazdbog

 

Dažbog - il dio del fuoco, del sole e della pioggia. In realtà Dažbog ogni mattina girava nel cielo su un cavallo bianco o su di una carrozza, mentre la sera moriva e andava nel mondo dell’aldilà e al mattino rinasceva.

 

 

 

dio-slavo-perun

 

Perun - il dio slavo del tuono e del cielo. La leggenda racconta che, quando Perun attraversava il cielo sul suo carro, il rumore delle ruote rappresentava il tuono.

 

 

 

dea-slava-makos

 

Makos -  Nel nord della Russia si credeva che Makoš  si recava da casa a casa il giorno del digiuno e sorvegliava le filatrici.

 

 

 

dio-slavo-stribog

 

Stribog - nella mitologia slava, dio del vento. I marinai pregavano  il dio Stribog per  desse vento alle loro vele.

 

 

 

dio-slavo-simargl

 

Simargl - Dio del fuoco. Tuttavia, questa divinità era associata con il fuoco rituale, cioè i fuochi accesi  durante l'esecuzione dei rituali. In tal caso il fuoco aveva il potere di  purificazione, ed  i contadini  saltavano insieme agli animali.  Il fuoco purificatore era considerato il protettore  dalle forze del male.

 

 

 

dio-slavo-veles

 

Veles - il protettore dei pastori.   Gli Slavi avevano  rispetto verso Veles  soprattutto perché vedevano in lui il dio da cui dipende la loro sopravvivenza. Il suo ruolo era di proteggere i campi dell’ agricoltura e gli animali, sia selvatici che domestici.

 

 

 

dio-slavo-svetovid

 

 

Svetovid - la divinita' che tutto vede e tutto sa.

 

 

 

mito-slavo-marko-kraljevic

 

Marko Kraljevic - il grande mito slavo.

 

 

 

dio-slavo-triglav

 

Triglav - Questa divinità è stata sempre rappresentata con tre teste.  Potere sui tre mondi:il cielo,la terra ed il mondo sotterraneo.

 

 

 

dio-slavo-radgost

 

Radgost - caro ospite, quindi l’ospite che il padrone di casa accoglie con piacere.

 

 

 

dio-slavo-svarog

 

Svarog - il pade e il creatore degli dei. Svarog creò le stelle.  Creò il sole e lo posò in cielo.

 

 

 

dea-slava-siva

 

Siva -  la dea slava  della fertilità. I suoi capelli avevano il colore delle spighe di grano, in una mano teneva la mela, e nell’altra le fragole.

 

 

 

dea-slava-vesna

 

Vesna per gli slavi era la dea della primavera. Vesna non era mai sola. Era sempre accompagnata da Gerovit, che vegliava costantemente su di lei, e Stribog, il dio del vento e dell'aria.

 

 

 

 

dea-slava-lada

 

 

Lada è la dea slava dell'amore e della bellezza. Sul suo petto a volte si poteva trovare il simbolo del sole, quindi un simbolo di vita.

 

 

 

dea-slava-morana

 

Morana era la dea slava  dell'inverno e della morte. Una leggenda narra che Dazbog dio del sole era andato nel mondo sotterraneo Nav a cercare sua moglie Zlatna Maja(Maja d’oro).  A Nav aveva incontrato Morana che lo aveva sedotto.

 

 

 

 

dea-slava-devana

 

Devana - dea della caccia, le cui caratteristiche erano molto simili alla dea greca Afrodite ed a Diana romana.

 

 

 

dio-slavo-rod

 

Rod - il creatore del mondo. Il principio dell'universo

 

 

 

Questo sito utilizza cookies