(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: LEGGENDE SLAVE

veles

Veles è un dio cui viene attribuita una vasta gamma di protezioni.

In particolare, Veles è il dio del bestiame, delle coltivazioni, della sapienza, dell'arte, della ricchezza, della proprietà, della magia, della frode, dello smercio, delle profezie, della virtù e guida dell’anima dei morti. Veles è il protettore dei pastori e dei maghi.

Veles è il figlio delle vacche Zemun e Roda. E’ raffigurato come un uomo forte e giovane con delle corna(lui è il figlio di Zemun ed è  il Dio di bestiame), ma anche come un vecchio con  capelli e barba bianca e con un bastone da pastore (in questo caso rappresenta il prottetore  dei pastori e la saggezza) .

 

Gli Slavi avevano  rispetto verso Veles  soprattutto perché vedevano in lui il dio da cui dipende la loro sopravvivenza. Il suo ruolo era di proteggere i campi dell’ agricoltura e gli animali, sia selvatici che domestici. Inoltre, la magia e la sapienza avevano un grande ruolo nella vita della gente. La magia  ancora oggi si associa alla musica in molte religioni, e quindi  il ruolo di Veles era anche come  protettore della musica. La musica è sempre stata considerata come  un linguaggio della creazione dei Dei, e qualcosa di magico. I musicisti erano persone dotate di talento capaci di trasmettere l’ispirazione divina  e creare una melodia magica. Per alcune sue caratteristiche Veles era stato paragonato a  greco Pan e Priapo. I Volha erano stregoni slavi.

In una seconda rappresentazione Veles   era stato raffigurato come un orso. Secondo gli Slavi l’orso rappresentava il re della foresta che si  occupava degli animali, dei frutti selvatici e della foresta stessa.

Secondo molte leggende  Veles è il nemico giurato di Perun, il dio del tuono. Una leggenda narra che la battaglia tra Veles e Perun si associa

diovelesall'arrivo del caos e della vittoria sul caos. Si credeva che durante l'inverno il potere di Veles, e quindi il caos, diventava più forte, ma prima dell'estate lui veniva sconfitto e tornava nel mondo dei morti. Una festa  celebrava la partenza del caos e si chiamava  le notti di Velie.
Durante questa festa i giovani, indossavano cappotti di lana di pecora e  maschere grottesche, vagavano per il paese e cantavano  canzoni su come avevano viaggiato a lungo e come erano bagnati e fangosi, una probabile allusione al fatto che provengono dal mondo dei morti, e che il posto dove risiede Veles  è immaginato bagnato. Il padrone di casa che li riceveva  faceva doni a loro. Questa festa  è considerata una sorta  di Halloween odierna e di carnevale.

La donna di Veles era Devana,  dea della caccia, amante dei boschi e delle creature della foresta.
Solo nella mitologia celtica esiste una divinità simile a Veles. L’influenza di Veles è stata senza dubbio grande, e il suo culto  forte e definito. Veles è l'unica divinità slava insieme a Perun che è stato   rispettato da  tutti i popoli Slavi. Ciò  dimostra il fatto che un gran numero di città  portano il nome Veles.

 

 

 

 

 

 

Consulta miti slavi

dio-slavo-dazdbog

 

Dažbog - il dio del fuoco, del sole e della pioggia. In realtà Dažbog ogni mattina girava nel cielo su un cavallo bianco o su di una carrozza, mentre la sera moriva e andava nel mondo dell’aldilà e al mattino rinasceva.

 

 

 

dio-slavo-perun

 

Perun - il dio slavo del tuono e del cielo. La leggenda racconta che, quando Perun attraversava il cielo sul suo carro, il rumore delle ruote rappresentava il tuono.

 

 

 

dea-slava-makos

 

Makos -  Nel nord della Russia si credeva che Makoš  si recava da casa a casa il giorno del digiuno e sorvegliava le filatrici.

 

 

 

dio-slavo-stribog

 

Stribog - nella mitologia slava, dio del vento. I marinai pregavano  il dio Stribog per  desse vento alle loro vele.

 

 

 

dio-slavo-simargl

 

Simargl - Dio del fuoco. Tuttavia, questa divinità era associata con il fuoco rituale, cioè i fuochi accesi  durante l'esecuzione dei rituali. In tal caso il fuoco aveva il potere di  purificazione, ed  i contadini  saltavano insieme agli animali.  Il fuoco purificatore era considerato il protettore  dalle forze del male.

 

 

 

dio-slavo-horz

 

Horz -  Horz è la luna che governa i lupi mannari,  i vampiri ed i demoni.

 

 

 

dio-slavo-svetovid

 

 

Svetovid - la divinita' che tutto vede e tutto sa.

 

 

 

mito-slavo-marko-kraljevic

 

Marko Kraljevic - il grande mito slavo.

 

 

 

dio-slavo-triglav

 

Triglav - Questa divinità è stata sempre rappresentata con tre teste.  Potere sui tre mondi:il cielo,la terra ed il mondo sotterraneo.

 

 

 

dio-slavo-radgost

 

Radgost - caro ospite, quindi l’ospite che il padrone di casa accoglie con piacere.

 

 

 

dio-slavo-svarog

 

Svarog - il pade e il creatore degli dei. Svarog creò le stelle.  Creò il sole e lo posò in cielo.

 

 

 

 

dea-slava-siva

 

Siva -  la dea slava  della fertilità. I suoi capelli avevano il colore delle spighe di grano, in una mano teneva la mela, e nell’altra le fragole.

 

 

 

dea-slava-vesna

 

Vesna per gli slavi era la dea della primavera. Vesna non era mai sola. Era sempre accompagnata da Gerovit, che vegliava costantemente su di lei, e Stribog, il dio del vento e dell'aria.

 

 

 

 

dea-slava-lada

 

 

Lada è la dea slava dell'amore e della bellezza. Sul suo petto a volte si poteva trovare il simbolo del sole, quindi un simbolo di vita.

 

 

 

dea-slava-morana

 

Morana era la dea slava  dell'inverno e della morte. Una leggenda narra che Dazbog dio del sole era andato nel mondo sotterraneo Nav a cercare sua moglie Zlatna Maja(Maja d’oro).  A Nav aveva incontrato Morana che lo aveva sedotto.

 

 

 

 

dea-slava-devana

 

Devana - dea della caccia, le cui caratteristiche erano molto simili alla dea greca Afrodite ed a Diana romana.

 

 

 

dio-slavo-rod

 

Rod - il creatore del mondo. Il principio dell'universo

 

 

 

Questo sito utilizza cookies