(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: PIETRE SIMB

L’ametista simboleggia la gioia.

L’ametista è un talismano, una pietra mistica. Il nome di questo minerale in greco significa "non ubriacarti", perché in tempi remoti ci fu una leggenda che raccontava che chiunque indossasse un ametista, non poteva ubriacarsi. Si credeva che la pietra assorbisse  il vapore del vino. Per questo motivo, le ametista  spesso decorano le coppe. Inoltre,  l’ametista dà all'uomo l'intelligenza e il coraggio, tiene lontano i spiriti maligni. Hanno nomi allegorici  "la pietra dell’ amore", "la pietra del vescovo", "la pietra del vecchio scapolo", " la pietra della vedova”, ecc  E 'una pietra di febbraio. Gli astrologi la definiscono come "Pietra della Luna". Sul piano astrologico, è controllata dal pianeta Nettuno. Nell'antica Babilonia credevano che ametista  portasse  felicità ai nati sotto il segno dei Pesci. Gli astrologi greci moderni  l’hanno associata al segno del Sagittario. L’ametista può essere chiamata  pietra cameolonte, perché il suo colore può variare dal viola chiaro al colore del fiore purpureo. Il colore varia a causa dell’impatto della luce solare sulla pietra.

La storia, il significato e il simbolo della pietra eliodoro

Per la prima volta fu stata menzionata  da un allievo di Aristotele - Tirtamosu da Erez, autore di saggi sulle pietre" Ma sappiamo che anche i sacerdoti sumerici utilizzavano questa pietra nei rituali magici. L’ametista simboleggia la gioia. Assiste il proprietario nella caccia e nello sport. Secondo la mitologia greca, la pietra prende il nome dalla ninfa Ametis. Inseguita da Dioniso, la ninfa chiese  aiuto alla dea Artemide, e lei la trasformò in pietra, ametista, per frenare l’estasi del dio del vino.
Secondo un'altra interpretazione,  "ametista" deriva dalla parola ebraica "Ahlam", che a sua volta deriva da "Chalone", che significa "sogno". Ha la capacità di causare sonnolenza e far sognare a chi l’indossa. I romani la soprannominarono  "pietra benedetta." Nelle loro rappresentazioni lei portava fortuna e  curava disturbi nervosi.
L’ ametista è stata usata anche come  incantesimo d'amore in grado di donare amore al donatore. Per questo sumeri l’hanno chiamata  “nuovo amore di pietra ametista." Le donne sposate erano contrarie al ricevimento di tale dono. Non a caso  l’ametista era chiamata "pietra del vecchio scapolo".
Nei paesi cattolici, l’ametista è stata chiamata "vescovo"  mentre nei paesi ortodossi  “Pietra dei vescovi '" Quindi l’ametista salvaguardia contro l’ubriachezza, oltre a trattare le ustioni ed i danni ai nervi. Questa pietra è considerata uno strumento per attenuare le rughe ed eliminare le lentiggini. Si crede che l’ametista porti felicità e aiuti a rafforzare la volontà dell'uomo. Per ottenere  risultati positivi da questa pietra, deve essere indossata solo occasionalmente.

Consulta altri articoli la storia, il significato e il simbolo di pietre preziose:

Lo spinello - favorisce l’amore, il guadagno di denaro, portafortuna

I gioielli di zircone, già dai tempi antichi, erano utilizzati come talismani che favorivano gli accordi commerciali.

In Tibet, i monaci nella cura delle ferite, sulle lesioni applicavano sfere di cristallo. La luce del sole attraversava la pietra, guarendo in tal modo le lesioni.

Crisoberillo - indicato per le persone in cerca di matrimonio, riuscendo soprattutto ad attrarre potenziali spose e sposi.

Turchese - In Tibet nessuna pietra è stata considerata una divinità tranne il turchese. Una famosa famiglia tibetana ebbe persino il suo cognome come "tetto turchese”, ritenendo che avrebbe portato fortuna.

Smeraldo - Di tutte le pietre preziose la regina Cleopatra considerava il solo smeraldo degno della sua bellezza. E per riavvicinare la sua immagine a questa pietra la fece scolpire su di uno smeraldo.

Giada - Secondo la leggenda taoista, la fonte di Giada  è la dimora degli immortali, il paradiso terrestre.

Rubino - Gli Indiani consideravano il rubino  la pietra sacra, pochissimi indiani avevano il coraggio di venderlo.

Zaffiro - Gli antichi persiani credevano che l'azzurro del cielo fosse venuto da uno zaffiro gigante, su cui poggiava la terra.

Questo sito utilizza cookies