(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: MANGIARE SANO

L'aggiunta di pomodori non varia le indicazioni, né le eventuali controindicazioni; al contrario, si ha il vantaggio di arricchire il livello nutrizionale della pietanza e di consentire in certi regimi (obesità, arteriosclerosi, epatopatia), la riduzione della quantità di panna.

Dose per 4 persone:

- 4 finocchi

- 4 pomodori oblunghi, o pelati in scatola

- 4-6 cucchiai di panna liquida

- prezzemolo tritato

- sale

 

1. Mondare i finocchi, eliminando le foglie dure e sciupate e pareggiare i torsoli.

Tagliare a spicchi, aprire leggermente le foglie e lavare sotto acqua corrente.

2. Deporli in una piccola adeguata casseruola, aggiungere un bicchier d'acqua e salare.

Coprire, portare a ebollizione, moderare la fiamma e far cuocere a fuoco lento e toglierli dal fuoco quando sono ancora un pò al dente.

3. Scolare i finocchi e tenerli in caldo.

4. Nel frattempo si dovranno pelare i pomodori (se si usano quelli freschi), dopo averli immersi per circa un minuto in acqua bollente.

Tagliarli a metà, strizzarli per eliminare i semi e l’acqua di vegetazione, fare a piccoli pezzi .

Cuocerli per circa 7-10 minuti in un tegame o padella, a fuoco moderato, salando e schiacciandoli con una forchetta.

5. Unire i finocchi ben scolati, farli insaporire, a fuoco lento, per 2-3 minuti, girandoli una volta.

6. Unire la panna, farla scaldare senza bollire.

Versare in un adeguato piatto di portata, cospargere di prezzemolo tritato e servire.

 

Finocchio

Trattasi di una verdura prevalentemente acquosa, che si distingue dalle altre solo perché contiene un rilevante quantitativo di vitamina A, e, per l’alta digeribilità.

Il classico aroma avrebbe, secondo le credenze popolari, il pregio di profumare, in modo ben accetto al poppante, il latte delle nutrici.

Fornisce, nel suo insieme, circa 10 calorie per ogni 100 grammi di sostanza edibile.

E’ consentito consumarlo a tutte le persone sane.

Non mangiare in caso di gravi coliti fermentative.

 

Da "Il libro del mangiar sano" di Renzo Lucchesi e Elena Spagnol pubblicato da Oscar Mondadori nel 1978.

Questo sito utilizza cookies