(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: MANGIARE SANO

Non c’è nessuna critica da fare a questa ricetta che è dieteticamente sana e di buona digeribilità.
E’ consigliabile particolarmente, se realizzata con i finocchi teneri, nei casi d’iperacidità o di ulcera gastrica.
Dose per 4  persone:
- 4 finocchi
- 1 tazza di panna liquida
- sale
1. Mondare i finocchi, eliminando le foglie dure e sciupate e pareggiare i torsoli.
Tagliare a spicchi, aprire leggermente le foglie e lavare sotto acqua corrente.

2. Deporli in una piccola adeguata casseruola, aggiungere un bicchier d'acqua e  salare.
Coprire, portare a ebollizione, moderare la fiamma e far cuocere a fuoco lento per  circa 15-20 minuti o finché si inteneriscono.
3. Scolare la rimanente acqua, unire la panna, se necessario, ancora un poco di sale, scaldare mescolandoli;
servire.

Finocchio

Trattasi di una verdura prevalentemente acquosa, che si distingue dalle altre solo perché contiene un rilevante quantitativo di vitamina A, e, per l’alta digeribilità.
Il classico aroma avrebbe, secondo le credenze popolari, il pregio di profumare, in modo ben accetto al poppante, il latte delle nutrici.
Fornisce, nel suo insieme, circa 10 calorie per ogni 100 grammi di sostanza edibile.
E’ consentito consumarlo a tutte le persone sane.
Non mangiare in caso di gravi coliti fermentative.

Da "Il libro del mangiar sano" di Renzo Lucchesi e Elena Spagnol pubblicato da Oscar Mondadori nel 1978.

Questo sito utilizza cookies