(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: SPORT E STORIA

colosseo

COLOSSEO ROMA

LA COSTRUZIONE, IL CONTROLLO DELLE MASSE, GLI SPETTACOLI E I GLADIATORI

Il più grande e imponente monumento dell’antica Roma è il Colosseo, situato al centro di Roma e con una capienza fino a 60.000 spettatori.

Originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio, la cui costruzione fu voluta dall’imperatore Tito Flavio Vespasiano, finanziata così come per altre opere pubbliche del periodo, con il provento delle tasse provinciali e il bottino di guerra soprattutto del saccheggio del tempio di Gerusalemme, e per motivi politici, come gesto "riparatorio" contro la politica del "tiranno" Nerone che aveva usurpato il terreno pubblico, e destinato ad uso proprio, rendendo così evidente la differenza tra il vecchio ed il nuovo principato.

La costruzione dell’anfiteatro durò dal 72 all’80 d.C..

L’imperatore Vespasiano, che l’aveva voluta e ne aveva fatti iniziare i lavori sollecitandone la conclusione, morì lasciandola a metà e l’opera fu terminata da suo figlio Tito, che lo inaugurò con festeggiamenti durati cento giorni.

Le ultime decorazioni furono eseguite sotto il regno di Domiziano, fratello di Tito, ed è dal nome della famiglia dei tre imperatori che l’anfiteatro fu detto Flavio.

Roma, infatti, in quel periodo al massimo della sua potenza e del suo splendore, capitale di un Impero che comprendeva tutto il mondo conosciuto, attraversava all’interno un momento particolarmente difficile: cinque degli ultimi sei imperatori erano stati uccisi e folle di poveri e di disoccupati si aggiravano per la città distrutta dall’incendio di Nerone. Per distrarre le masse dalla miseria e dall’emarginazione e garantire in una certa misura l’ordine, fu assicurato a tutti panem et circenses.

Si appagava cosi la plebe con la distribuzione gratuita di cibo e con il libero accesso ai circhi.

Il Colosseo aveva lo stesso ruolo sociale che ha oggi lo stadio.

All’entrata vi erano delle tessere che identificavano la persona e le assegnavano un posto, erano venduti dei gadget, come piatti e coppe con l’effigie dei gladiatori, e i tifosi sugli spalti, oltre a cantare ed urlare, portavano con sé stoffe del loro colore preferito.

Gli spettacoli davano al popolo romano, oltre alla possibilità di divertirsi, anche quella, forse unica, di incontrarsi con l’imperatore.

Infatti, la plebe, sebbene fosse seduta ben distante dal posto occupato dal principe, aveva l’illusione di partecipare con lui ai giochi e di dividere con lui il potere di vita o di morte sugli uomini che lottavano nell’arena.

Salvatore dott. Terranova – Noto

CONSULTA ANCHE:

La storia dello sport in Cina. Le attività fisiche dei cinesi  sono coerenti con la nostra definizione dello sport  da loro praticato da 4000 anni A.C.

La storia dello sport in India. Ogni casta veniva coinvolta nelle attività fisiche, ed occupava un determinato posto e rivestiva un proprio idoneo ruolo nella società.

Sulla base dei reperti archeologici, dati registrati e disegni possiamo confermare un alto e consistente sviluppo egiziano anche nello sport.

La storia delle olimpiadi - Ai tempi antichi, si credeva che gli dei e gli eroi, oltre al santuario, avessero dato origine all'agonismo sportivo, cui essi stessi partecipavano.

Gli scavi archeologici di Olimpia - Il Santuario era dedicato al dio Zeus; In tutto il santuario si contavano  altri 69 altari dedicati alle divinità del mondo antico

Organizzazione dei giochi olimpici - L’intervallo di quattro anni, tra l’organizzazione dei giochi e i successivi, era chiamato Olimpiade e fu usato per il calcolo d’eventi storici

Colosseo -descrizione della struttura- Il Colosseo è un enorme anello alto 56 metri e formato da quattro piani, i primi tre ad arcate e l’ultimo in muratura piena.

Ma cosa accadeva veramente all'interno del Colosseo? Da sfatare è la credenza che nel Colosseo fossero uccisi i cristiani come forma di spettacolo, ciò avvenne in altre epoche ed in altri anfiteatri.

Ma chi erano i gladiatori? In realtà c’è un po’ di confusione sull’identità dei gladiatori. Spesso erano nemici di Roma divenuti prigionieri di guerra

La figura del gladiatore -  I Gladiatori (da gladio=corta spada) erano per lo più prigionieri di guerra, schiavi, liberti, criminali condannati a morte, ma anche uomini liberi

Armatura del gladiatore - il gladio fu associato sempre di più all’arma da combattimento principale di un gladiatore, ed infatti dal termine “gladio” deriva il nome “gladiatore”

 

Questo sito utilizza cookies