SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

neurolettici

Nei primi decenni del 900 la nascente ricerca farmacologica individuò un colorante usato in biologia per colorare le cellule: l'anilina.

Così si trovò che un suo derivato, la prometazina, possedeva interessanti proprietà sedative e antiallergiche. La cloropromazina, derivata dalla prometazina fu il primo prodotto decisamente efficace nel trattamento delle psicosi. Henry Laborit scoprì che questa molecola, inizialmente usata come sedativo,in sala operatoria per potenziare l'anestesia, oppure per pazienti con crisi dolorose non trattabili, in associazione a narcotici e barbiturici. Si notò, però, che la cloropromazina aveva anche una proprietà particolare, detta "lobotomia farmacologica", ovvero la proprietà di indurre uno stato di ottundimento di sensi, riflessi e pensiero. Introdotti nella pratica psichiatrica nel 1953, i neurolettici diventarono presto la "camicia di forza chimica" utilizzata in tutti i manicomi, prendendo così il posto dei barbiturici, degli shock da insulina, degli elettroshock e della lobotomia, quindi non era solamente sedativa (come il Fargan), ma era in grado di indurre una specie di particolare indifferenza agli stimoli ambientali senza peraltro alterare lo stato di vigilanza.

 

Proseguendo nelle ricerche Delay e Deniker scoprirono come questo farmaco fosse in grado di migliorare le condizioni dei pazienti psicotici. Oltre all'effetto antipsicotico già a bassi dosaggi, la cloropromazina (componente dei neurolettici) è stata a lungo utilizzata per i suoi effetti antinausea, antivomito, antivertigine, alcuni tipi di somatizzazione e di cefalea. Grazie all'enorme successo commerciale della clorpromazina la ricerca dei nuovi neurolettici era comunque avviata, infatti nel giro di una decina di anni si giunse all'individuazione e alla messa a punto di quasi tutte le maggiori classi di prodotti antipsicotici di cui disponiamo attualmente.

La ricerca ci ha portato ora a disporre di una ventina di diverse fenotiazine, prodotti assai simili strutturalmente alla clorpomazina. Oltre alle fenotiazine troviamo quindi tioxanteni, le dibenzazepine,  butirrofenone, difenilbutilpiperidine ed altre ancora. Tutti questi farmaci possono produrre effetti
collaterali articolari costituiti da tremori, rigidità, riduzione della mimica facciale. I neurolettici, detti anche farmaci antipsicotici tranquillanti maggiori o neuroplegici sono tra gli psicofarmaci quelli più pesanti per l'organismo. Il termine neurolettico significa: "farmaco con forte azione sedativa sul sistema nervoso". La terapia sedativa non ha alcuna logica terapeutica se non quella del controllo dei sintomi; infatti, i neurolettici sono tipicamente usati in psichiatria (è raro che un medico di base li prescriva) per controllare e contenere le persone che vengono definite "schizofreniche", "psicotiche", "maniaco depressive", "paranoiche", etc…. Il termine neurolettico significa: "farmaco con forte azione sedativa sul sistema nervoso".

I neurolettici non "curano" nulla

La terapia sedativa non ha alcuna logica terapeutica se non quella del controllo dei sintomi; infatti, i neurolettici sono tipicamente usati in psichiatria (è raro che un medico di base li prescriva) per controllare e contenere le persone che vengono definite "schizofreniche", "psicotiche", "maniaco depressive", "paranoiche", etc. Gli psichiatri dichiarano che i neurolettici possono sopprimere numerosi sintomi: confusione, deliri, allucinazioni, eccitabilità, ansia estrema, aggressività. Che queste sostanze abbiano degli effetti, è certo; che questi siano favorevoli alla persona che li assume è tutt’ altro discorso. Certamente, con dosaggi opportuni, sedano qualsiasi individuo (anche se alcune persone risultano "resistenti", ovvero non rispondono al trattamento), si sappia, però, che non "curano" nulla, ma inibiscono la persona.

La presenza di sintomi sensibili all'azione dei neurolettici non può essere elemento decisivo per condizionare la scelta di iniziare un trattamento. Tale affermazione segnala l'estrema cautela con la quale vanno prescritti e assunti tali farmaci. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, in un suo rapporto, consiglia che l'assunzione di neurolettici non sia protratta per periodi superiori ad alcune settimane. In tutti i casi, non avrebbero alcun senso i trattamenti a tempo indeterminato; di fatto i neurolettici vengono spesso somministrati per anni e anni col risultato di cronicizzare gli effetti indesiderati, a volte in maniera irreversibile.

Orazio

CONSULTA ANCHE:

Antibiotici - il loro uso nella storia- Gli antichi egizi, greci, cinesi curavano con antibiotici seppur inconsapevolmente

Il personaggio sicuramente più interessante, e purtroppo meno conosciuto e' Israel Greco, il primo medico dell'eta' moderna che curava con farmaci, su base razionale.

Il farmaco più usato è il medico stesso, dato che non è solo la medicina che conta, ma anche il modo con cui il medico la propone

Antibiotici - evoluzione scientifica - Gli antibiotici sono sostanze per lo più di origine naturale prodotte da batteri o da funghi capaci di uccidere o di inibire la crescita di microorganismi patogeni responsabili dell'insorgenza di numerose malattie.

La scoperta degli antibiotici - Nel XIX secolo inizia l'era della produzione nel laboratorio chimico di sostanze nuove capaci di distruggere gli agenti patogeni o cosiddetto "organismo ospite."

La vera storia della penicillina - Fleming ha scoperto solo il termine "penicillina" per non ripetere la frase estesa  "filtrato di brodo di coltura del micete".

Le terapie antibiotiche oggi - Attualmente almeno il 30% dei pazienti ospedalizzati riceve uno o più cicli di terapia antibiotica e milioni di infezioni, potenzialmente letali

Contraccettivi - né la bomba atomica, né l'avvento dei computer e di Internet hanno avuto un impatto così forte come la "pillola"

Il monopolio della ricerca - Sicuramente, in tanti si domandano perché fino ad ora non è stata trovata la cura per combattere il tumore, o con che criterio opera  l’Istituto di ricerche contro il cancro.  Noi abbiamo trovato la risposta.

Il Dr. C. Moerman ha ottenuto con il suo trattamento naturale per il cancro, di tipo dietetico, dei successi veramente straordinari.

L'accesso al farmaco e la sua distribuzione - Il mondo considera tre diritti di accesso: il diritto di accesso all'acqua, il diritto di accesso all'alimento, il diritto di accesso al farmaco.

Pin It

Partner jooble