SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

colomba-pace

Manifesta te stesso al mondo.

Dopo questi avvenimenti Gesù percorreva la Galilea, volendo evitare la Giudea, perché i Giudei cercavano di farlo morire.
Ora la festa dei Giudei, la festa dei Tabernacoli, era vicina.
E i suoi fratelli gli dissero: «Partiti di qui e va in Giudea, affinché anche i tuoi discepoli vedano le opere che fai; perché nessuno fa le cose in segreto se cerca di essere in evidenza.
Giacché fai queste cose, manifèsta te stesso al mondo».  Invero, neppure i suoi fratelli credevano in lui!
E Gesù rispose ad essi: «Il tempo mio ancora non è venuto; per voi esso è sempre pronto.
Il mondo non può odiare voi; ma odia me, perché io attesto che le sue opere sono malvagie. 
Andate voi a questa festa; io non ci vengo, perché il tempo mio non è ancora venuto».

Ciò detto, si trattenne in Galilea.
Ma quando i suoi fratelli furono saliti alla festa, allora anch’egli vi ascese, non però apertamente, ma quasi di nascosto. 
Ora i Giudei lo cercavano durante la festa e dicevano: «E lui dov'è?». 
E tra la folla si faceva un grande discussione di lui, perché gli uni dicevano: «E' buono!»; gli altri: «No, anzi travia il popolo!».  Nessuno però osava parlare di lui apertamente, per paura dei Giudei.

Si era già a metà della festa, quando Gesù salì al Tempio e insegnava. I Giudei se ne meravigliavano, dicendo: «Come mai costui sa di lettere senza avere mai studiato?». Gesù rispose loro: «La mia dottrina non è mia, ma di colui che mi ha mandato; se qualcuno vuol fare la volontà di lui, saprà se questo insegnamento viene da Dio o se io parlo da me stesso.

Colui che parla da se stesso cerca la propria gloria, ma chi cerca la gloria di chi lo ha inviato, quegli è verace e in lui non è ingiustizia.

rosa-perfezioneMosè non vi diede forse la Legge? Eppure nessuno di voi osserva la Legge. Perché cercate di uccidermi?». 
Rispose la folla: «Tu hai un demonio. Chi cerca di ucciderti?».  Gesù replicò loro: «Io ho fatto un’opera sola e per questo tutti vi mostrate pieni di meraviglia.  Mosè vi ha dato la circoncisione, benché essa venga dai Patriarchi e non da Mosè, e voi circoncidete un bambino anche in giorno di sabato.  Se l’uomo viene circonciso in un giorno di sabato e non viola per questo la legge di Mosè, perché vi irritate contro di me, che in un giorno di sabato ho guarito completamente un uomo?
Non giudicate secondo le apparenze, ma giudicate con retto giudizio».
Alcuni di quelli di Gerusalemme dicevano allora: «Non è costui che cercano di uccidere? Ed ecco che parla liberamente e non gli dicono nulla.
Sarà forse perché i capi hanno riconosciuto che egli è il Cristo?
Noi però sappiamo donde è costui; mentre quando verrà il Cristo, nessuno saprà donde egli sia».
Gesù allora insegnando nel Tempio disse ad alta voce: «Voi e conoscete e conoscete donde io sono: eppure io non sono venuto da me stesso, ma è verace Colui che mi ha mandato, e che voi non conoscete.
Io lo conosco, perché sono da lui ed egli mi ha mandato».
Perciò cercavano di impadronirsi di lui, ma nessuno gli mise le mani addosso, perché la sua ora non era ancora venuta.Fra la folla molti intanto credettero in lui, e dicevano: «Il Cristo, quando verrà, farà egli più miracoli di quanti ne ha fatto costui?».
I Farisei seppero che la gente bisbigliava a quel modo su di lui, e i capi dei Sacerdoti e i Farisei mandarono delle guardie per impadronirsi di lui.
Allora Gesù disse: «Sono ancora con voi per poco tempo, poi me ne torno a Colui che mi ha mandato.

Mi cercherete e non mi troverete, e voi non potete venire dove io sono».

I Giudei dissero dunque fra loro: «Dove pretende di andare in modo che non lo troviamo? Che voglia andar verso quelli che sono dispersi fra i Gentili per ammaestrarli? 
Che significa questa parabola che ha detto: Mi cercherete e non mi troverete e non potete venire dove io sono?». 
Nell'ultimo giorno, che era il più solenne, Gesù levatosi in piedi disse ad alta voce: «Chi ha sete, venga a me e beva.
Dal seno di chi crede in me, siccome dice la Scrittura, scaturiranno fiumi di acqua viva».
Disse questo dello Spirito che i credenti in lui dovevano ricevere: infatti o Spirito Santo non era ancora venuto, non essendo ancora Gesù glorificato.
Alcuni di quelli fra la folla che avevano inteso quelle parole dicevano: «E’ veramente costui il Profeta!». 
Altri asserivano: «E’ il Cristo!».
Ma alcuni osservavano: «Ma può forse Il Cristo venire dalla Galilea? 
Non dice la Scrittura che il Cristo deve venire dalla stirpe di Davide e da Betlem, il villaggio di dove era Davide?».
E così fra la folla nacque grande discordia per lui.
E alcuni di essi volevano pigliarlo; ma nessuno gli mise le mani addosso.
Tornate pertanto le guardie dai Farisei e dai capi dei Sacerdoti, questi dissero loro: «Perché non lo avete condotto?». 
Le guardie risposero: «Mai alcuno ha parlato come quest'uomo!». 
Replicarono i Farisei: «Anche voi siete stati sedotti?
C’è forse uno solo dei capi o dei Farisei, che abbia creduto in lui?
Ma questa gentaglia, ignorante della legge, è maledetta!».
Allora Nicodèmo, quello che era già stato da lui di notte, ed era uno di essi, disse loro: «Forse che la nostra Legge giudica qualcuno prima di ascoltato e di sapere quel che ha fatto?».
Risposero e gli dissero: «Sei anche tu Galileo (di nascita)?
Esamina bene la Scrittura e constaterai che dalla Galilea non sorge un profeta».
E se ne tornarono ciascuno a casa sua.

 

 


Brano del Ss. VANGELO,
tratto dall’Edizione esclusiva
della Congregazione “Servi dell'Eterna Sapienza” Bologna.
Traduzione di P. Fr. Enrico M. G. Genovesi O.P.

CONSULTA ANCHE:

Vangelo di San Giovanni - introduzione

Agnello di Dio

Il primo miracolo di Gesù

Il secondo miracolo di Gesù

Io sono la luce del mondo

Era giunta la sua ora di passare da questo mondo verso Padre

Io ho vinto il mondo

Padre giusto il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto

Gesù era stato crocifisso

Gesù si presentò sulla riva

Pin It

Partner jooble