SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

champollion

Jean Francois Champollion (1790-1832) - riuscì a leggere geroglifici egiziani


Jean-Baptiste Fourier, matematico e fisico, uno dei membri del comitato scientifico di Napoleone relativo allo studio d'Egitto, si trovò nel 1801 a fare un'ispezione in una scuola secondaria di Grenoble, dove incontrò un undicenne molto speciale. Fourier si mise a parlare con questo ragazzo malaticcio che aveva i tratti del viso tipicamente orientali,  per questo motivo i suoi amici lo soprannominavano l'egiziano. Il grande scienziato fu molto sorpreso quando scoprì che l'undicenne parlava fluentemente latino e greco e che intendeva imparare l'ebraico.

Poi lo scienziato presentò al bambino d'intelligenza superiore alla media la sua ricca collezione di manufatti provenienti dall' Egitto, che vedendo il papiro scritto con geroglifici, chiese se qualcuno sapeva leggere ciò che era scritto. Dopo aver ricevuto una risposta negativa, il ragazzo aggiunse con entusiasmo : "Io riuscirò a capire tutto questo un giorno.” Infatti, vent'anni dopo, ci riuscì. Questo ragazzo malaticcio divenne in seguito il famoso e celebre studioso Jean Francois Champollion.

A soli tredici anni Champollion aveva completato la sua conoscenza poliglotta con la padronanza della lingua araba, siriaca, caldea, copta, della antica lingua cinese e della lingua sanscritta. Per diplomarsi alla scuola superiore, intese di iscriversi ad alcuni licei di Parigi. Scrisse una tesi che stupì completamente i professori. Il giovane candidato presentò uno studio scientifico serio, "l'Egitto sotto il regno del Faraone, pieno di fatti sconosciuti e tesi storiche ardite ricavate dai testi greci, latini ed ebraici. I professori allora decisero di prendere Champollion in collegio ed offrirono al giovane una cattedra. Dalla sorpresa Champollion, perse conoscenza. Tuttavia, non accettò questa lusinghiera proposta e decise di produrre ulteriori miglioramenti di studio a Parigi. Il suo più grande sogno e l'obiettivo che si era fissato era di decifrare l'alfabeto egiziano. Si convinse che per arrivare a conoscere l'egiziano prima doveva conoscere profondamente le lingue antiche, la cultura, la psicologia e la mentalità delle persone d’ Oriente. E proprio per questo lui scrisse il diario in lingua copta, ultima fase di sviluppo dell'antica lingua d’Egitto.

A Parigi, Champollion visse in povertà, si manteneva con una piccola quantità di denaro che gli mandava il fratello, e trascoreva i giorni in libreria, curvo sopra un mucchio di libri. A diciannove anni, nel 1809, tornò nella sua città natale di Grenoble, all'università, dove accettò la cattedra di storia. Contemporaneamente continuò a studiare i geroglifici fissando un proprio percorso di ricerca del tutto indipendente dai precedenti studiosi come Erodoto, Strabone, Diodoro, Harapolon. Champollion si staccò dalla loro teoria che sostenevano radicalmente che i geroglifici erano pittografici e rappresentavano un linguaggio simbolico in cui ogni segno esprimeva l'intera parola, vale a dire, un oggetto o un concetto astratto.


Champollion partì dal presupposto opposto - che si trattava di un alfabeto fonetico, vale a dire che il simbolo indicava un carattere. Lui aveva confermato la sua tesi confrontando i singoli caratteri egiziani con adeguate lettere greche. Questi confronti lo aiutarono a leggere alcuni geroglifici ed anche ad arrivare a nuove regole dello script egiziano dove per esprimere stessi valori fonetici si utilizzavano caratteri diversi. In alcuni casi interpretò certi segni come una puzzle cercando di trovare la soluzione.

Grazie alla sua scoperta, Champollion diventò l'autorità scientifica maggiormente riconosciuta in Francia. Grazie a questa fama ruscì a organizzare una spedizione in Egitto, dove trascorse due anni nelle antiche rovine. Champollion fondò la collezione egizia del Louvre. Morì nel 1832 a Parigi per un esaurimento nervoso causato dal sovrumano lavoro intellettuale.

CONSULTA ANCHE:

gottfried-leibnizGottfried Wilhelm Leibniz - La sua grandezza è paragonabile a quella di Galileo, Cartesio, Newton, Spinoza. Sono dovuti passare ben 50 anni dopo la sua morte prima che fosse riconosciuta la sua vera grandezza.

 

 

 

 

 

alan-turingAlan Turing - matematico e crittografo inglese, è considerato il padre dei moderni computer.

 

 

 

 

 

jean-baptiste-de-lamarckJean-Baptiste Lamarck  - il fondatore della biologia come scienza della vita o scienza delle cose viventi ed è considerato l’inventore del termine “biologia”.

 

 

 

 

 

nojmanMargittan Neumann Janos Lajos - È stato un matematico e scienziato ungherese-americano che ha contribuito alla fisica quantistica, all'analisi funzionale, alla teoria degli insiemi, alla topologia, all’informatica, all’economia, all’analisi numerica, all’idrodinamica, ed è considerato come uno dei matematici più importanti della storia.

 

 

 

 

niccolo-copernicoNiccolo Copernico - È senza dubbio uno dei più grandi astronomi nella storia. Ha cambiato completamente le prospettive degli uomini nel mondo, anche se non è stato facile, ha allargato gli orizzonti delle persone.

 

 

 

 

leeuwenhoekUno dei primi che  lavorò  con un microscopio fu Antony Van Leeuwenhoek, (1632 - 1723) di professione tagliavetro.

 

 

 

robert-goddardRobert Goddard - Nel 1919  annunciò pubblicamente che era possibile viaggiare sulla Luna però  gli  risero tutti in faccia.

 

 

 

 

 

santos-dumontIn realtà era  Alberto Santos - Dumont  l’ uomo che inventò il primo vero aeroplano.

 

 

 

albert-einstein-e-mileva-maricMileva era la moglie di Albert Einstein. Si erano incontrati nella facoltà politecnica a Zurigo. Avevano studiato insieme ed insieme erano arrivati alla teoria della relatività e ad altre grandi scoperte scientifiche del ventesimo secolo.

 

 

 

antoinelavoisierAntoine Lavoisier è considerato il padre della chimica moderna.

 

 

 

 

 

 

takakazu-sekiTakakazu Seki - il fondatore della matematica giapponese

 

 

 

 

 

ivan-vladimirovicIvan Vladimirovic, botanico russo, personalmente aveva creato 45 tipi di mele, 20 varietà di pere, 19 varietà di ciliegie, 8 varietà di uve, due varietà di mandorle, e molti altre, varietà per un totale di 153 varietà di alberi da frutta.

 

 

 

 

 

jean joseph etienne lenoirJEAN-JOSEPH LENOIR (1822-1900) - brevettò il primo motore a combustione interna

 

 

 

 

 

joseph-swanJoseph Swan fu un pioniere dell' illuminazione elettrica e della fotografia. Ha brevettato il processo di foto di carbonio nel 1864 e la carta al bromuro per la fotografia a colori. Ha anche creato la prima seta artificiale.

 

 

 

 

edward-jennerEdward Jenner era un medico molto abile e preparato. Grazie alla sua intuizione riuscì a produrre il primo vaccino al mondo.

 

 

 

 

 

Johann Carl Friedrich Gauss - Per i suoi contemporanei, fu l’eccelso dei matematici, cioè Princeps Mathematicorum.

 

 

 

 

 

max-gersonMax Gerson aveva scoperto la cura per il cancro nel 1928

 

 

 

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora