L'immagine del mondo è Dio, la verità, la conoscenza, l’inganno, la non autenticità.

Il motivo riflesso è il contenuto principale dell'immagine, che è presentata nella cosmogonia e cosmologia; Dio ha creato il mondo per vederlo riflesso, il mondo quale riflesso della divinità, non identico ad esso, ma a sua somiglianza, immagine.
Lo specchio è associato a una distesa d'acqua, alla luna e a una donna. Questo, come l'acqua, ha una superficie riflettente (potete vedere anche l’immagine di uno sconosciuto).
Poiché riflette solo le immagini di altri oggetti, senza la propria, come la luna che fa da specchio, riflettendo la luce del sole, priva della propria, con la sua natura modificabile, "abitata" e “deserta”, apportatrice dei simboli lunari e femminili.

Per la sua capacità di riflettere le sembianze umane e la realtà circostante, lo specchio, costantemente, è messo in relazione con la coscienza e con il pensiero; è uno strumento di auto-conoscenza e di riflessione dell'universo; il concetto di "riflessione" porta la mente allo specchio.

L’immaginazione, il prodotto delle immagini del mondo, trova sostegno di realizzazione nello specchio.

La riflessione dell'uomo nello specchio, venerata in alcune culture, come la sede dell'anima, e per tale motivo, le persone che non si riflettono allo specchio, sono considerate maledette; hanno venduto la loro anima al diavolo.

Nel folklore, di solito lo specchio ha delle proprietà magiche.
A volte, lo specchio è visto come la porta di un altro mondo, l’aldilà.
Secondo una leggenda cinese di J.L. Borges: un tempo, il mondo degli specchi e il mondo degli uomini non erano, come adesso, cioè non comunicanti.
I due mondi erano molto diversi: non coincidevano né gli esseri, né i colori, né le forme.
I due regni, lo speculare e l'umano, vivevano in pace e attraverso gli specchi si entrava e si usciva.
Una notte gli appartenenti allo specchio invasero la terra, irrompendo su quest’ultima con ingenti forze.
Dopo sanguinose battaglie, le arti magiche dell'Imperatore Giallo prevalsero.
Egli ricacciò gli invasori, l’imprigionò negli specchi, e impose loro il compito di ripetere, come in una specie di sogno, tutti gli atti degli uomini.

Li privò della forza e della propria figura, riducendoli a meri servili riflessi.
Un giorno, tuttavia, essi si scuoteranno da questo letargo magico…"loro usciranno dalla prigione e inonderanno la terra".
A sostenere una simile idea, il romanzo di L. Carroll: "Alice nel paese delle meraviglie".
Nelle molteplici tradizioni il nesso mistico è tra l'immagine speculare e l’oggetto fonte dell’immagine.
Inoltre, allo specchio à associata la capacità di concentrarsi, memorizzare e trasformare energia, il potere spirituale (i primi esseri umani sono stati realizzati su specchi di metallo, ottone o rame; tutti simboli che in parte, ancora oggi, abbiamo ereditato); questa visione ha consentito la nascita di una serie di costumi.
Ad esempio, si ritiene che uno specchio rotto presagisca sventure; in casa del defunto, è necessario che gli specchi siano coperti.
Spesso, lo specchio è anche usato nelle pratiche magiche (in particolare, per comunicare con degli spiriti); e a esso, per la divinazione, sono attribuite capacità simili a quelle della sfera di cristallo.

Nella tradizione indiana, lo specchio è un simbolo della verità.
Lo "Specchio della Karma" è un titolo dato ai magistrati della malavita Dharmaraja ("re della legge"); questi riflettono le azioni dei morti.
In Giappone, gli specchi sono un simbolo e immagine di divinità, e sono collocati nei templi scintoisti; si credeva che essi agiscano come intermediari in comunione con gli dèi.
Lo specchio, quale simbolo di purezza, è uno degli elementi distintivi del sacro potere dell’imperatore.
Nella tradizione buddista giapponese è sviluppata l'usanza di porre uno specchio di bronzo accanto alla testa del defunto, per proteggere la sua anima dalle forze del male (e per lo stesso scopo, in Egitto, uno specchio di rame è posto sotto la testa dei morti).
Nell'antica Cina, lo specchio è associato al numero 8, come segno della perfezione divina ed è simbolo di conoscenza, coraggio, compassione; in particolare, specchiare la mano è simbolo di verità.

In Cina si ritiene anche che specchiandosi si contribuisce alla felicità coniugale, e ci si protegge dalle forze del male.
Lo specchio è un accessorio degli inferi della corte, così lo attribuivano al dio cinese del fulmine, cioè, unione e separazione provocano un fulmine.
L’"Energia" degli specchi si utilizza nelle arti cinesi per il design interiore e il feng shui.
Nell'Europa medievale, lo specchio, da un lato, è percepito in modo negativo quale bene di lusso, un’esaltazione della vanità, del narcisismo, e come immagine della follia; ma al tempo stesso, è stato visto come un simbolo della contemplazione, della conoscenza di sé e della verità, e in tal senso paragonato all'occhio umano.
In questo periodo sono numerosi gli "Specchi", un tipo speciale di opere didattiche tra cui ad esempio, il "Grande Specchio" di Vincenzo di Beauvais.
La natura è stata interpretata come specchio del disegno divino; lo specchio è anche un simbolo della parola di Dio.
Nelle iconografie è raffigurato nelle mani della Vergine Maria, che appare così come se riflettesse la luce divina di Cristo, è il simbolo della purezza e della castità della Vergine.
Nel Sufismo, l'immagine di uno specchio, riflette i diversi oggetti, è stato utilizzato per illustrare le idee di unità e diversità dell'universo.
Inoltre, due specchi che riflettono a vicenda, paragonano il mondo e Dio.
Una delle più antiche forme di divinazione è la cristallomanzia, o divinazione da specchi, che si effettua utilizzando uno specchio magico.
Si pensa che questi specchi fossero usati dai maghi Persiani, così come dagli antichi Greci e Romani.

Nell'antica Grecia, le streghe di Tessalya scrivevano le loro predizioni, con il sangue umano, su degli specchi.
Pitagora insegnava che le Tessalie, presunte streghe, riuscivano a fare delle meraviglie con lo specchio magico, e creavano perfino la luna.
I Romani sapevano leggere sugli specchi, che chiamavano "speculum".
Già dall’era delle primitive società si credeva, come si crede ancora  oggi, che gli specchi riflettano l'anima e devono essere protetti, altrimenti l'anima muore.
Questi timori sono accostati alle pratiche superstiziose, cioè oscurare gli specchi dopo la morte, per evitare che il fantasma del defunto prenda un’anima viva.
Ciò include l’usanza di non dislocare uno specchio nella stanza dei pazienti, perché durante la malattia, l'anima è più vulnerabile.
Secondo un'altra superstizione, se qualcuno si guarda allo specchio durante la notte, può vedere il diavolo.
Lo specchio, nel folklore russo, è l'invenzione del diavolo, che ha il potere di estrarre l'anima dal corpo.
Gli Aztechi usavano la superficie dello specchio per tenere le streghe a distanza, e non dimenticavano, di collocare sul davanti della porta di casa una ciotola di acqua e un coltello.

Secondo un'altra leggenda, le streghe non avevano un'anima e quindi come i vampiri non si riflettevano negli specchi.
I maghi e gli stregoni, durante il Rinascimento, spesso utilizzavano come specchi divinatori, ciotole d'acqua, pietre levigate e cristalli, attraverso i quali scrutavano il passato, il presente e il futuro.
John Dee, mago cortigiano inglese del XVI secolo, usava un uovo di cristallo e uno specchio di ossidiana nera lucida, e affermava di averli portati dal Messico.
Caterina de 'Medici, fu un’appassionata di arti occulte, e possedeva uno specchio che le rivelava il futuro della Francia.
Anche Enrico IV, interrogava lo specchio magico per farsi descrivere la cospirazione politica in atto contro di lui.
L'alchimista medievale Albertus Magnus scrisse una formula capace di rendere magico uno specchio: "Comprane uno normale e scrivi su di esso: S.Solam S.Tattler S. Echogordner Gematur "; sotterrarlo, nelle ore dispari, in un bivio di strade; il terzo giorno vai nello stesso posto e nello stesso momento, scava, e per la prima cosa guardati nello specchio." Albertus ha affermato che nello specchio bisogna vedere un gatto o un cane.

Consulta altri articoli

Croce - E' divenuto simbolo per eccellenza del Cristianesimo.

Ferro - Nella credenza popolare degli europei, il ferro distrugge gli incantesimi prodotti da elfi, fate e streghe.

Il disco con le ali è uno dei simboli più antico e più noto; esso, simbolicamente, è detto anche disco solare alato di Ashur.

Porta - Ad esempio, nella Bibbia, Dio dice a Caino: "Il peccato è alla porta, ed egli vi condurrà ...

Bilancia - E' un simbolo della giustizia; è associato alla giustizia, rappresentando in tal modo il metro della colpa e della punizione.

La corona è un antico simbolo degli eletti, del voto, del sacro matrimonio.

Triangolo - Nell'Antico Oriente era venerato il simbolo di un triangolo come natura di tutte le cose.

Argento - I sacerdoti romani furono sepolti ai confini dello stato in statue d'argento per proteggere il paese dagli attacchi di barbari selvaggi.

Arca - L'arca di Noè aveva tre piani, che sono i simboli dei tre livelli del cosmo.

Gli anelli sono amuleti di potere, di forza, di divinità, di indipendenza e di sicurezza.

Stella - Nelle varie tradizioni di pensiero ogni persona ha la sua propria stella, che nasce e muore con lui

Oro - Le mele d'oro sono l'idea della forza distruttiva, che potrebbe arrivare attraverso la bellezza.

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare