Migliorare la vista?! Ecco come

È possibile che qualcuno possa sbarazzarsi degli occhiali, essere in grado di leggere, comodamente, senza di essi, anche dopo aver indossato gli occhiali per un lungo periodo di tempo? La chirurgia laser sta diventando sempre più popolare e, viene eseguita, principalmente, per motivi estetici, così le persone non devono continuare a portare gli occhiali.

Tuttavia, ci sono significative complicazioni in tali interventi. Un articolo, del 1999, affermava che più di 700.000 di tali interventi furono eseguiti quell'anno, solo negli Stati Uniti. Ora, questa cifra è salita ad oltre un milione d’interventi all'anno. Anche, se solo il 7%, di questi pazienti hanno avuto complicanze post-operatorie, significa che, tra i 30 e i 50.000 pazienti, hanno la permanente visione offuscata o la perdita di sensibilità ai contrasti di luce. Un giornale d’area ha riferito che i pazienti, sottoposti a chirurgia laser, avevano molti problemi postoperatori, come il vedere anelli scuri intorno alla luce, oggetti doppi o tripli ed avere le sclere, come se fossero più asciutte del deserto, in piena estate.

Alcuni non sono più in grado di giocare a tennis, guardare la televisione o cucire. Uno studio ha rilevato che il 50% dei pazienti, sottoposti a chirurgia oculare laser, presentava anomalie visive anormali, durante la notte. Una donna, della località di Tento, ha avuto molti problemi: le sclere cronicamente secche, vedeva oggetti doppi o tripli, la visione disturbata, in cui vedeva anelli scuri, intorno alla luce ed un'esplosione di stelle: "Tutto è cambiato nella mia vita", ha affermato la donna. Un altro paziente ha affermato che, dopo l'intervento chirurgico, si sentiva come se avesse del vetro rotto negli occhi. Col passare del tempo, con quell'occhio, riusciva a malapena a vedere qualcosa. Non poteva più guidare di notte e guardare la TV o leggere dei libri, è diventato quasi impossibile per lei. Anche l'aria del ventilatore le procurava male agli occhi. Otto mesi, dopo l'intervento chirurgico, ha subito un trapianto di cornea completo.

Non si sa, se riuscirà a ripristinare mai più la vista. Stavo leggendo l'intervista di un oculista, che ha sviluppato la tecnica chirurgica laser, ed afferma che non eseguirà, mai più, una tale procedura sui pazienti. Il motivo è che le sclere di molti pazienti si sono danneggiate, pertanto, hanno subito il collasso, a causa del raggio laser, che ha indebolito la cavità dell'occhio. Esiste un modo molto più sicuro per migliorare la vista e, per molti, eliminare gli occhiali. Oggi, quasi tutti, possono soffrire di disturbi della visione. Ciò significa che la loro visione è così debole, che si deve correggere. Ci dicono, che non esiste una cura per tali problemi e, che dobbiamo usare lenti ottiche, occhiali o lenti a contatto.

Ci dicono, che tale condizione peggiorerà progressivamente e, che non può essere invertita e, con il passare degli anni, tutti avranno bisogno degli occhiali. Ci dicono, anche, che è un problema incurabile. D'altra parte, ogni oculista è ben consapevole, che la teoria dell'incurabilità, degli errori di rifrazione dell’occhio, non si basa sui fatti accertati, osservando il lavoro oculare, scrive l'oftalmologo William Bates, nel libro Better Sight Without Glasses. Molto spesso, questa teoria afferma: "Tali casi guariscono spontaneamente o mutano di forma". Già da tempo, c’è l’abitudine d’ignorare questi casi di guarigione spontanea o di dare spiegazioni, diciamo logiche. Dopo aver studiato decine di migliaia di occhi, con l'aiuto di un retinoscopio, il dott. Bates giunse ad una conclusione molto diversa: un retinoscopio è uno strumento, che misura il livello di rifrazione nell'occhio, il che significa un livello di miopia, lungimiranza o astigmatismo, che sono tutti disturbi visivi. Il retinoscopio non dipende dalle risposte soggettive, fornite dalla persona esaminata. Può essere utilizzato anche sugli animali ed è molto preciso nel rilevare errori di rifrazione dell'occhio, anche quando il soggetto del test è in movimento.

Dopo un lungo esame, il dott. Bates ha concluso che le lenti degli strumenti non erano un fattore nella regolazione dell'occhio e che le regolazioni richieste per la visione, a diverse distanze, che interessano l'occhio erano, esattamente, le stesse di quelle nella fotocamera, e dovute a cambiamenti nella lunghezza dell'organo. Il cambiamento nella lunghezza della cavità oculare è causato dall'attività dei muscoli esterni alla cavità oculare, che sono direttamente correlati alla stessa. Anche la presbiopia, termine usato per i difetti della vista che si presentano con l'età, non viene a causa di un cambiamento organico fisso, nella forma della cavità oculare o nella lente, ma deriva dalla dislocazione funzionale nei muscoli esterni, che sono associati alla cavità oculare, il che significa che essa si può eliminare. Questo è molto diverso da ciò che viene insegnato dagli oculisti ed altri medici. Ed è molto diverso da ciò che loro consigliano ai loro pazienti. Il dott. Bates conferma, che gli esami di molti occhi negli adulti e nei bambini mostrano che le lenti non sono un fattore d’influenza per la sistemazione degli occhi, in base agli esami di coloro con visione normale, quelli con errori di rifrazione agli occhi, nelle lenti e negli occhi degli adulti, dopo un intervento di cataratta. Quando non si hanno più le lenti, gli errori di rifrazione che prima esistevano, non scompaiono, il che dimostra che le lenti non sono il problema.

Il dott. Bates ha anche scoperto, che un errore di rifrazione, forma di difetto visivo, può cambiare all'interno della stessa persona, da un'ora all'altra, in un giorno, ed alcuni individui possono persino avviare il processo volontariamente. Ci sono sei muscoli, che controllano l'attività degli occhi. Sono chiamati muscoli extra oculari, poiché si trovano all'esterno della cavità oculare. La teoria, secondo cui gli errori di rifrazione sono il risultato di una deformazione permanente della cavità oculare, cioè della sclera, suggerisce naturalmente che gli errori di rifrazione sono uno stato permanente negli occhi. Tuttavia, una volta che ci rendiamo conto che la forma è controllata da muscoli esterni e, che risponde immediatamente alle loro attività, è facile osservare che nessuno stato di rifrazione, normale o anormale, può essere permanente. Molti fattori possono portare a difetti visivi, anche negli occhi normali. Nessuno vede perfettamente, quando all'improvviso, si presenta un rumore. I suoni noti non diminuiscono la capacità di vedere, invece, quelli sconosciuti la provocano sempre. In periodi di disagio mentale o fisico, come il dolore, la febbre, il disagio dovuto al caldo o al freddo, la depressione, la rabbia o la preoccupazione, portano sempre ad errori di rifrazione nell'occhio normale o si ingrandiscono nell'occhio, dove già esistono.

Pertanto, la domanda è: cosa producono gli occhiali ai nostri occhi? Gli occhiali possono migliorare la vista e, in alcune persone, eliminare il dolore ed il disagio, ma quando le persone iniziano ad indossare gli occhiali, nella maggior parte dei casi, l'intensità degli occhiali deve essere, costantemente, aumentata al fine di preservare il grado di potere visivo, acquisito attraverso i primi occhiali. Le persone che invecchiano ed iniziano ad indossare gli occhiali, poiché non riescono a leggere i testi più piccoli, spesso scoprono che dopo qualche tempo, indossando gli occhiali, non possono più leggere testi più grandi, che prima erano perfettamente visibili. Gli occhiali, non sono altro che un insoddisfacente sostituto della visione normale. Quali sono le cause ed i trattamenti per gli errori di rifrazione? In migliaia di casi, il Dr. Bates ha dimostrato, che tutte le attività muscolari, esterne anormali, sono strettamente accompagnate da uno sforzo per vedere.

Con la rimozione dello sforzo, le attività dei muscoli diventano normali, per cui scompaiono tutti gli errori di rifrazione. Tutti e cinque i nostri sensi sono passivi. Quando qualcuno o qualcosa ti tocca, non devi provare a sentirlo, lo percepisci automaticamente. Il toccare è passivo. Quando si verifica un forte rumore, non è necessario provare ad ascoltarlo, lo senti automaticamente. Quando il cibo è in bocca, si ha automaticamente una sensazione gustativa. E quando entri in una cucina, dove viene cucinato cibo delizioso, lo senti automaticamente, non devi provare a sentirlo. È lo stesso con gli occhi. I nostri occhi sono fatti per vedere automaticamente. Ma, quando una persona cerca di vedere qualcosa, i muscoli oculari ottengono tensione e quindi sorgono problemi di vista. Finché l'occhio non cerca di vedere, i muscoli esterni funzionano normalmente e non vi è alcuna indicazione di errori di rifrazione. Questo fatto è supportato dal lavoro del Dr. Bates, che ci dà le basi per il trattamento di tutti i disturbi agli occhi, finora ritenuti incurabili. Esiste un diverso tipo di rifrazione per ogni errore di rifrazione. Sulla base di studi, condotti con un retinoscopio, il dott. Bates ha confermato che la miopia è sempre associata allo sforzo, per osservare gli oggetti in lontananza. Mentre l'ipermetropia, chiamata lungimiranza, è sempre associata allo sforzo di vedere oggetti nelle vicinanze. Ma, quello sforzo, di vedere qualcosa, è prima di tutto uno sforzo che fa il nostro cervello. E, come sempre accade, quando il cervello è provocato, il controllo mentale si perde.

Questi fatti spiegano, sufficientemente, perché la visione sta gradualmente peggiorando, man mano che la civiltà avanza. Nelle condizioni di crescente civiltà e di una vita quotidiana più rapida, nella società tecnologica avanzata, la mente dell'uomo è sottoposta ad una tensione costante. Centinaia di anni fa, quando le persone vivevano uno stile di vita agricolo, nelle fattorie e nelle famiglie, senza telefoni, macchine e computer, senza TV, telefoni cellulari, senza aeroplani, senza mezzi pubblici, senza orari prefissati, non c’era la costante pressione d’oggi del mondo. Centinaia d’anni fa, non esistevano nemmeno gli occhiali. Le persone non avevano il paletto oculare. Le donne erano in grado d’infilare il filo in un ago e legare bellissimi oggetti fatti a mano. La loro vista era buona perché avevano, inconsciamente, imparato a mantenerla in una tale condizione, rilassando i loro bulbi oculari, realizzandolo consapevolmente o facendolo inconsciamente.

Non avevano gli occhiali su cui poter contare. E, gli uomini se vivevano in aree remote e dovevano cacciare per nutrirsi, dovevano avere una buona vista per colpire un bersaglio. Una buona visione era necessaria per la sopravvivenza di quell'uomo e della sua famiglia. Agli uomini è stato insegnato, consciamente o inconsciamente, di mantenere una buona vista, poiché non c'erano altre opzioni. È anche interessante il fatto, che quando gli animali sono in quelle che chiamiamo "condizioni civili", rispondono a tali condizioni, esattamente, allo stesso modo di un essere umano. Il dott. Bates ha studiato molti animali domestici, con un retinoscopio ed ha scoperto un gran numero di animali affetti da miopia, anche se è chiaro che gli animali non leggono, non scrivono, non cuciono od usano gli occhiali. Per una visione chiara, l’uomo bisogna che si liberi della pressione mentale, che effettua sui muscoli oculari. Il dott. Bates ha dimostrato, in centinaia di casi, che ciò è possibile. La visione perfetta s’ottiene solo con il rilassamento. Allora, perché il sonno non cura il mio problema agli occhi?

Gli occhi sono raramente, o addirittura mai, rilassati durante il sonno. Se una persona è sotto tensione quando è sveglia, questa tensione continua in misura maggiore o minore durante il sonno. L'idea di non usare gli occhi per farli riposare è anche ironica. Gli occhi sono fatti per vedere, e se non vedono nello stato di veglia, significa che sono sotto tale pressione o l'errore di rifrazione è così luminoso che non sono in grado di osservare. L'uso dei muscoli oculari non deve causare affaticamento. Nulla può stancare gli occhi, quando la mente è riposata. E, quando il cervello è sotto pressione, nulla può portare pace alla mente. Secondo il dott. Bates riposa tutto ciò che fa riposare il cervello, fa riposare anche gli occhi. Molti ricercatori hanno notato che l'occhio è meno stanco quando si legge un libro interessante, che quando si legge qualcosa di noioso o difficile da capire.

Quanto occorre per ottenere un miglioramento permanente della visione?  

Il dispositivo occhiali di Tesla potrebbe ripristinare la vostra visione entro 6 a 9 mesi. Consulta l’articolo.

La salute dell'occhio dipende, in gran parte, dal sangue e dal flusso sanguigno stesso, fortemente influenzato dal pensiero. Quando i pensieri sono normali, cioè quando non si è preoccupati per l'eccitazione o lo sforzo, la circolazione del sangue, attraverso il cervello, è normale, pertanto la visione è normale. Quando il pensiero è anormale, il flusso sanguigno è disturbato. Avviene un cambiamento nel flusso sanguigno, nel nervo ottico e nei centri di visione, e quindi la visione è più debole.

Nessuno sforzo può farci vedere, ma, se impariamo a controllare i nostri pensieri, raggiungeremo indirettamente l'obiettivo. Indipendentemente dal grado e dall'entità dell'errore di rifrazione, tale condizione viene eliminata nel momento in cui una persona attua il controllo mentale. In una frazione di secondo, il più alto grado d’errore di rifrazione può essere corretto. Se, il rilassamento è solo istantaneo e la correzione della vista è istantanea, ma se diventa permanente, anche la correzione della vista diventa permanente. Tuttavia, è fondamentale comprendere che tale rilassamento non può essere raggiunto da nessuna forma di sforzo, finché una persona pensa, consciamente o inconsciamente, che il sollievo dallo sforzo possa essere raggiunto attraverso qualche altro sforzo; il miglioramento sarà ritardato.

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare