(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: IL FIORE DEL MEDIO EVO

castello

L'Amante e lo Schifo

 

Quand'i' vidi l'offerta che facea, del fatto mi credett'esser certano: allor sì volli ai fior porre la mano, che molto ringrossato mi parea.

Lo Schifo sopra me forte correa dicendo: "Tra't'addietro, mal villano, che, se m'aiuti Iddio e San Germano, i'non son or quel ch'i'esser solea.

El diavol sì ti ci ha ora menato: se mi trovasti a l'altra volta lento, or sie certan ch'i' ti parrò cambiato.

Me' ti varria che fossi a Benivento". Allor al capezzal m'ebbe pigliato, e domandò chi era mi' guarento.

 

 

 

Immagine:morguefile

 

CONSULTA ANCHE:

Il Fiore - introduzione

Amante e Amore

Consigli di amico

Amico

Venere

Venere: La Balestriera

La Balestriera

Incendio del Castello

Cortesia e Bellaccoglienza

L' Amante

Conclusione

 

Questo sito utilizza cookies