(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: LA NOSTRA SOCIETA'

sport-traumi

I traumi dello sport

La branca della chirurgia che studia le lesioni traumatiche dovute ad agenti di natura generalmente meccanica, che colpiscono il corpo con violenza ed immediatezza, è la traumatologia.
I traumi dello sport possono colpire tutte le parti del corpo: in prevalenza sono superficiali ed interessano l’apparato locomotore (muscoli, tendini, nervi, ossa ed articolazioni).

______________________________________________________________________________________________________________________

Si distinguono in:


    traumi da azione diretta: quando l’agente traumatico determina una lesione nel punto sul quale agisce (colpi da corpo contundente)
    traumi da azione indiretta; quando l’agente traumatico determina una lesione distante dal punto sul quale agisce (frattura di base cranica per caduta in piedi)
    traumi endogeni: quanto l’agente traumatico agisce all’interno del corpo (strappo muscolare)
    traumi esogeni: quando l’agente traumatico agisce dall’esterno del corpo (urto contro ostacoli)
    traumi acuti: quando l’agente traumatico agisce una sola volta con violenza (frattura ossea)
    traumi lenti o cronici: quando l’agente traumatico agisce ripetutamente e con lentezza (infiammazione tendinea)
    traumi superficiali: quando l’azione traumatica si manifesta alla superficie del corpo (escoriazioni)
    traumi profondi: quando l’agente traumatico agisce in profondità (emorragia cerebrale da contusione cranica).

______________________________________________________________________________________________________________________

Tipiche dell’attività sportiva sono le lesioni dell’apparato locomotore, quali le contusioni, le escoriazioni, le bolle, le ferite della cute e degli strati sottostanti le lesioni più profonde dei tessuti superficiali, che riguardano:
    muscoli e tendini: strappi muscolari, miositi e tendinite
    nervi: distensioni e contusioni dei tronchi nervosi
    apparato osteoarticolare: fratture, periostiti, distorsioni, sublussazioni, lussazioni, contusioni ed artrosi delle articolazioni.
In definitiva, l’azione meccanica che determina l’effetto traumatico può essere di natura svariatissima ma, per quanto complessa essa sia, si riduce essenzialmente a quattro elementi e cioè: flessione, torsione, pressione, trazione (isolati o in varia composizione tra loro).

______________________________________________________________________________________________________________________

Classificazione e relativa terapia per pronto soccorso


a.    traumi dei tessuti molli: le varietà più comuni sono le contusioni, le escoriazioni, le bolle e le ferite.
•    Contusioni: sono lesioni da agente traumatico che colpisce la superficie del corpo senza produrre soluzione di continuità dei tegumenti superficiali. Sono caratterizzati da rottura di vasi capillari e formazione di ematoma.

______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Applicazione di compresse ghiacciate e bendaggio costruttivo con acqua vegeto-minerale.
•    Escoriazioni: sono lesioni provocate da agente traumatico che colpisce la superficie del corpo tangenzialmente, provocando piccole perdite di sostanza cutanea ed emorragie puntiformi.

______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Disinfestazione con acqua ossigenata ed applicazione di polvere sulfamidica o antibiotica. Non fare mai bendaggi compressivi.
•    Bolle: sono lesioni provocate da agente traumatico che agisce con meccanismo lento e ripetuto di attrito, producendo un sollevamento degli strati superficiali della cute, delimitante una cavità contenente siero.

______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Asportazione totale o parziale della bolla ed applicazione di pomate o polveri sulfamidiche o antibiotiche, ricoperte da falde di garza contenenti talco nelle parti di maggiore contatto. La puntura della bolla è insufficiente per rapida occlusione del foro praticato.
•    Ferite:    sono lesione provocate da agente traumatico che produce una soluzione di continuità nelle parti molli del corpo. Possono essere di vario tipo: da taglio, da punta, da punta e taglio, contuse, lacere, lacero-contuse.

______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Nei casi lievi, disinfezione con acqua ossigenata, per ferite di piccola entità e scarsamente sanguinanti; con alcool denaturato su piccole soluzioni di continuità della cute (graffi, tagli); con tintura di iodio, di limitatissima applicazione, su soluzioni di continuità fortemente infette con presenza di polvere o di terriccio. In seguito, devono essere applicate, per evitare infezioni secondarie, polveri o pomate sulfamidiche o antibiotiche.
Nei casi più gravi, si prativa l’emostasi mediante tamponamento con o senza sostanze coagulanti o mediante laccio emostatico, in attesa dell’intervento medico.
b.    traumi dei muscoli e dei tendini: i fatti traumatici muscolari, tendinei e muscolo-tendinei si presentano con una certa frequenza in varie attività sportive.
Possono essere acuti (strappi muscolari, ernie muscolari) o cronici (processi infiammatori dei muscoli).
Consideriamo solo gli eventi traumatici acuti.
•    Strappi muscolari: sono lesioni del muscolo per esagerata tensione della fibra, tale da vincere la resistenza elastica e provocare la rottura. Se non vi è lacerazione delle fibre si ha lo “stiramento muscolare”; se vi è la rottura si ha lo “strappo muscolare”. Gli strappi muscolari sono lesioni facilmente recidivanti.

______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Nelle prime 24 ore, applicazione di compresse ghiacciate e riposo assoluto. Poi immobilizzazione in completo rilassamento.
•    Ernie muscolari: sono lesioni dovute alla rottura della fascia muscolare, in corrispondenza di zone deboli a seguito di violenti distorsioni. Sono caratterizzate da una tumefazione, dolorosa e molto sensibile, costituita da una parte del ventre muscolare che fuoriesce dalla smagliatura della fascia.

_______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Le ernie piccole si riducono con l’applicazione temporanea di una fascia elastica.
c.    Traumi dei nervi: in genere sono dovuti a movimenti bruschi ed antifisiologici che sollecitano esageratamente il tronco nervoso, ne determinano la distensione, più raramente la rottura.

_______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Applicazione di compresse ghiacciate e riposo assoluto in stato di rilassamento.
d.    Traumi delle ossa e delle articolazioni: i fatti traumatici delle ossa più frequenti nelle attività sportive sono le fratture, più rare sono le periostiti (infiammazioni acute e croniche per eventi contusivi). I traumi delle articolazioni si manifestano per le continue sollecitazioni delle cerniere durante i movimenti specie i forzati, danno luogo alle sublussazioni, lussazioni, contusione e artrosi post-traumatiche.
•    Fratture: sono provocate da agente traumatico dotato di particolare energia vulnerante che provoca una soluzione di continuità della superficie delle ossa. Possono essere:
- incomplete: se l’osso non è interessato in tutto il suo spessore

- complete: se la linea di frattura interessa tutto lo spessore dell’osso
- uniche: se l’osso è leso in un solo punto
- multiple: se esistono più focolai di frattura
- comminute: se l’osso è rotto in numerosi frammenti
- con spostamento: se i monconi ossei hanno perso il loro rapporto anatomico
- senza spostamento: se i monconi ossei sono rimasti in sede naturale
- chiuse: se non esistono soluzioni di continuità dei tessuti molli sovrastanti le lesioni ossee
- esposte: se i monconi ossei sono visibili all’esterno.

_______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Applicazione di compresse ghiacciate ed immobilizzazione provvisoria con tavolette di legno opportunamente disposte.
•    Periostiti: sono lesioni provocate da un processo infiammatorio della membrana periostea di rivestimento dell’osso. Generalmente hanno carattere cronico dovute ad azioni traumatizzanti lente e ripetute. Si manifestano con ispessimento duro e doloroso del periostio e neo formazione ossea.

_______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Applicazione, per casi acuti, di compresse ghiacciate e riposo.

•    Sublussazioni: sono lesioni caratterizzate da un allontanamento temporaneo dei capi ossei articolari, a seguito di una brusca azione traumatica che induce un movimento antifisiologico dell’articolazione o ultrafisiologico, con o senza lacerazioni della capsula e dei legamenti periarticolari.
La “distorsione” è una sublussazione delle articolazioni mobili senza lacerazioni della capsula e dei legamenti. Le sublussazioni hanno carattere recidivante.

_______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Applicazione di compresse ghiacciate ed immobilizzazione dell’articolazione lesa con fasciatura costrittiva (nei casi più gravi si rende necessaria l’ingessatura che è di competenza del medico). Non praticare mai massaggi.
•    Lussazioni: sono lesioni caratterizzate da un allontanamento definitivo dei capi ossei articolari a seguito di un trauma brusco e violento che sollecita anormalmente l’articolazione e produce spesso lacerazioni della capsula e dei capillari sanguigni periarticolari.

_______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia
Applicazione di compresse ghiacciate e provvisoria immobilizzazione dell’articolazione stessa.
La riduzione è di competenza del medico.
•    Contusioni: sono lesioni prodotte da azioni traumatiche dirette (nel pugilato) o indirette (contusioni del ginocchio, anca o spalla per caduta). Nella pratica sportiva le contusioni articolari sono relativamente frequenti, ma non tipiche.

_______________________________________________________________________________________________________________________

Terapia

Applicazione di compresse ghiacciate ed immobilizzazione mediante fasciature costrittive (gessate nei casi più gravi).

 

CONSULTA ANCHE:

Antibiotici - il loro uso nella storia- Gli antichi egizi, greci, cinesi curavano con antibiotici seppur inconsapevolmente

Il personaggio sicuramente più interessante, e purtroppo meno conosciuto e' Israel Greco, il primo medico dell'eta' moderna che curava con farmaci, su base razionale.

Il farmaco più usato è il medico stesso, dato che non è solo la medicina che conta, ma anche il modo con cui il medico la propone

Antibiotici - evoluzione scientifica - Gli antibiotici sono sostanze per lo più di origine naturale prodotte da batteri o da funghi capaci di uccidere o di inibire la crescita di microorganismi patogeni responsabili dell'insorgenza di numerose malattie.

La scoperta degli antibiotici - Nel XIX secolo inizia l'era della produzione nel laboratorio chimico di sostanze nuove capaci di distruggere gli agenti patogeni o cosiddetto "organismo ospite."

La vera storia della penicillina - Fleming ha scoperto solo il termine "penicillina" per non ripetere la frase estesa  "filtrato di brodo di coltura del micete".

Le terapie antibiotiche oggi - Attualmente almeno il 30% dei pazienti ospedalizzati riceve uno o più cicli di terapia antibiotica e milioni di infezioni, potenzialmente letali

Contraccettivi - né la bomba atomica, né l'avvento dei computer e di Internet hanno avuto un impatto così forte come la "pillola"

I neurolettici non "curano" nulla ma inibiscono la persona

Il monopolio della ricerca - Sicuramente, in tanti si domandano perché fino ad ora non è stata trovata la cura per combattere il tumore, o con che criterio opera  l’Istituto di ricerche contro il cancro.  Noi abbiamo trovato la risposta.

Il Dr. C. Moerman ha ottenuto con il suo trattamento naturale per il cancro, di tipo dietetico, dei successi veramente straordinari.

L'accesso al farmaco e la sua distribuzione - Il mondo considera tre diritti di accesso: il diritto di accesso all'acqua, il diritto di accesso all'alimento, il diritto di accesso al farmaco.

Questo sito utilizza cookies