(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: GRAMMATICA ITALIANA E ANALISI GRAMMATICALE

esclamazione

L’INTERIEZIONE (o ESCLAMAZIONE)

è la parte invariabile del discorso che serve a rappresentare con immediatezza emozioni e sentimenti di gioia e di dolore. Le principali interiezioni si formano facendo seguire alla vocale la “h” o ponendo tra le due vocali sempre la “h”. Si dicono interiezioni semplici. Le interiezioni composte sono il risultato dell’unione di due parole.

Gli aggettivi, i verbi, gli avverbi e i nomi che svolgono la funzione di interiezioni si dicono interiezioni improprie; quando più parti del discorso svolgono insieme questa funzione, si hanno le locuzioni esclamative.

 

INTERIEZIONI

 

Semplici Composte     Improprie "Locuzioni"

ah!    ahi!

eh!    ahi!

ih!

uh!    uhi!

oh!   ohi!

deh!

mah!

puh!

puah!

ehm!

auff!

 

ahimè! bravo!

ohimè! zitto!

orsù! viva!

suvvia! basta!

ecco!

presto!

silenzio!

forza!

 

all’armi!

al ladro!

al lupo!

Dio mio!

mamma mia!

alto là

 

N.B.: Si possono considerare interiezioni anche le voci onomatopeiche: tic tac miao din don bum bum patatrac crac ecc.

Questo sito utilizza cookies