(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: BAMBINO SANO

bambino-sano

Pronto soccorso del vostro bambino in caso d’influenza, tosse o raffreddore

Guida del Dott.  Robert S. Mendelsohn. M.D. (noto pediatra americano)

 

Tosse, Raffreddore e Influenza  sono causate da virus e non possono essere curate con nessun trattamento medico. Di solito, dopo un paio di giorni, iniziano a reagire i propri meccanismi di difesa del corpo, e l’intervento del medico risulta non è necessario. Ci sono delle precauzioni che si possono adottare, per alleviare la sofferenza del bambino ed accelerare il recupero da una delle malattie sopra indicate.

Ecco alcuni suggerimenti per quanto riguarda raffreddore, tosse e influenza:

1. L’aria, nella camera del bambino o nell’appartamento deve essere sufficientemente umida. Assicurarsi di pulire, regolarmente, la stanza per non diffondere particelle irritanti. Qualora il bambino non riesce a respirare attraverso il naso o soffre di tosse secca, portatelo nel bagno, chiudete la porta, aprite l’acqua della  doccia, molto calda, e permettere al bambino d’inalare il vapore per 20 minuti.

 

2. Assicuratevi di far consumare molti liquidi al bambino, per compensare quelli persa con la tosse, gli starnuti e la sudorazione. Sforzatevi di far bere, ogni ora, 2,5 dl di liquidi. I succhi migliori sono quelli naturali, perché sono nutrienti; poiché il vostro obiettivo è quello di far bere il bambino, dategli quello che desidera: acqua, tè...

3. Incoraggiate il bambino di rimanere  a riposo. Nella fase iniziale della malattia dovrebbe rimanere a letto, ma non fate di ciò uno spettacolo.

Se non vuole restare a letto, lasciate che il bambino si alzi, purché non si stanchi. Può anche uscire un po’ fuori, ma senza affaticarsi troppo.

4. Evitate di propinare farmaci, anche se alleviano i sintomi. Se le condizioni di salute del bambino sono tali che necessita, per forza, dargli delle medicine, utilizzate farmaci specifici che curino i sintomi che più preoccupano, senza combinarli con quelli generici che trattano quattro o cinque sintomi. Il bambino non dovrebbe prendere farmaci per più di un giorno o due. Evitate i farmaci per la tosse, perché, spesso, possono causare effetti collaterali dovuti alle dosi eccessive; questi hanno il sapore delle caramelle e facilmente può accadere di consumarne più del necessario.

5. Prima di tentare di facilitare il decorso della malattia del bambino con medicinali che si possono prendere senza prescrizione, ricordate che, in questo modo, complicate la lotta del corpo contro la malattia. Quanto possono aiutare i medicinali, tanto potete voi aiutare il bambino, con la vostra l’attenzione, facendogli consumare abbastanza liquidi e mantenendo l'aria  umida nei locali.

6. Se state lontano dal medico, e il bambino ha gravi difficoltà respiratorie, la sua cute diventa color prugna,  può indicare una polmonite batterica. In tal caso, portarlo in ospedale, utilizzando un’ambulanza o altro pronto soccorso.

7. Indipendentemente dal fatto che il bambino abbia un raffreddore o no, provare a fargli mangiare cibi nutrienti, che sono ricchi di vitamine e minerali, che sono necessari, e non dovrebbero contenere alcuni integratori chimici, che, in genere, si trovano in quasi tutti i prodotti industriali che trovate in commercio.

8. Ricordatevi che la pazienza, l'amore, l'attenzione e il sostegno possono aiutare il vostro bambino molto di più, che tutti i farmaci sopra gli scaffali di una farmacia!

 

Consulta sezione: Bambino sano

 

Questo sito utilizza cookies