(function() { var cx = '000482480240528106050:6zvch_agk4s'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();
Stampa
Categoria: LEGGENDE DELL'AFRICA

arte-africa

La storia di Ngozi

 

Uno dei re più grandi e più nobili, che sia mai vissuto in KwaZulu Natal, è stato Ngozi, nato nel sacro periodo del mese tredici, che non è un mese.

Ngozi, da giovane, fu incoronato re e trascorse gran parte della sua vita a disposizione del suo popolo.

Una volta, quando già era in età avanzata, una grave epidemia colpì il suo popolo, trascinando sul punto di morte migliaia di persone nell’intero paese da Lui governato.

Fu allora che, il grande re decise d’intraprendere un lungo viaggio per il mondo, al fine di trovare un antidoto per curare quella terribile malattia.

 

Era disposto a fare tutto il possibile pur di salvare il suo popolo. Una notte, per strada, re Ngozi incontrò Mantindane, una strana creatura che proveniva da un’altra stella. Il re chiese alla piccola creatura se conosceva una cura per debellare quella terribile malattia. La creatura gli disse: "Sì, conosco una medicina che potrebbe guarire il tuo popolo".

Ngozi disse: "Ti prego, aiutami, perché il mio popolo sta morendo!"

Mantindane replicò: "Certo che posso aiutarti, grande re, ma ricordati che tutto ha il suo prezzo".

Il re rispose: "Va bene, sono d'accordo, dimmi il prezzo".

Allora, Mantindane impugnò un coltello affilato, tagliò la pelle di leone con la quale il re era vestito e recise la sua virilità.

Solo quando ebbe terminato quest’orrendo atto, Mantindane consegnò la medicina a re Ngozi.

Il re Ngozi ritornò al suo paese con questo antidoto segreto, con il quale potè salvare migliaia di persone appartenenti al suo popolo.

E’ inutile dire che, da quel momento, la vita del re, non poté mai più essere la stessa.

CONSULTA ANCHE:

La storia di Ntintilili

La storia di una coppia di delfini

La storia di sobatignela

Questo sito utilizza cookies