henrimatisse-lagitane

Share

La Gitana di Henri Matisse.

Il bello non bello ma accativante, carismatico e invitante. L'opera, del 1906 conservata presso le Musee de L'Annonciade a Saint-Tropez. E' chiaro che la Gitane, col fiore rosso tra i capelli, nuda e provocante, rientra nel genere delle prostitute, tema tanto caro al movimento, ma lei conserva la plasticità e la cromia del mondo simbolico zingaro: il blu profondo del cielo, il rosso della passione, il verde dei prati, il giallo del sole, e il rosa della pelle raggiante di luce interiore... "Gitane", la donna di un bordello, come per Picasso nelle Mademoiselle d'Avignone, apre un mondo in cui il modello è degno di rappresentare l'idea nuova del bello, degno di cambiare la "prospettiva" della realtà.

Tratto dalla tesi di Bruno Morelli: Rom nell'arte

Immagine: La Gitana di Henri Matisse

Henri Matisse(biografia)

Consulta altri capolavori che rappresentano il mondo nomade

Bivacco di zingari di Van Gogh

Innamorati gitani di Otto Muller

Il giocoliere di Parigi di Marc Chagall

Zingare con gatto di Otto Muller

Gitana con sigaretta di edouard manet

La buona ventura di george de la tour

La zingara di Frans Hals

La buona ventura di Valentin de Boulogne

La zingara addormentata di Henri Rousseau

Il violinista di Marc Chagall

Bohemienne di William Bouguereau

Madonna degli zingari di Tiziano Vecellio

La buona ventura di Simon Vouet

La buona ventura di Caravaggio

Tempesta di Giorgione

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare