ilviolinista-marc-chagall

Il violinista di Marc Chagall

Due figure in primo piano, il padre col violino e il propio figlio, dietro una casa instabile, sproporzionata, vicino alla quale due donne salutano in lontananza i musicisti appena passati di lì.

Esse si trovano lontano, sulla prospettiva di una strada che conduce in fondo alle valli di un paesaggio fantastico, dagli alberi stilizzati e brulli, il cielo cupo e piatto, i colori in prevalenza caldi ma spezzati da grandi aloni di pasta marrone e altri toni più o meno terrosi. Le figure e l'intera composizione subiscono tagli obliqui e riduzioni schematiche, una sintesi formale quale risultato di un'interpretazione cubista della realtà. Un espediente per inventare. La voglia di sconvolgere e reinventare il mondo reale per Chagall si lega, come in questo caso, al suono sottile, vago e graffiante del Violino; e la musica gitana ricca e antica, con il suo potere di condizionare e rinnovare la tradizione occidentale.

Tratto dalla tesi di Bruno Morelli: I Rom nell'arte

Marc Chagall(biografia)

Immagine: "Il Violinista" di Marc Chagall

Consulta altri capolavori che rappresentano il mondo nomade

Bivacco di zingari di Van Gogh

Innamorati gitani di Otto Muller

Il giocoliere di Parigi di Marc Chagall

Zingare con gatto di Otto Muller

La gitana di Henri Matisse

Gitana con sigaretta di edouard manet

La buona ventura di george de la tour

La zingara di Frans Hals

La buona ventura di Valentin de Boulogne

La zingara addormentata di Henri Rousseau

Bohemienne di William Bouguereau

Madonna degli zingari di Tiziano Vecellio

La buona ventura di Simon Vouet

La buona ventura di Caravaggio

Tempesta di Giorgione

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare