SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

lessico

Considerazioni sugli antibiotici

La diffusione della chemioterapia  antibiotica, avviata in occidente circa sessanta anni fa, non ha solo e semplicemente reso banalmente curabili le affezioni di origine batterica, che fino ad allora avevano spesso esito infausto, ma ha, di fatto, quasi azzerato la mortalità infantile, superando, forse oltre ogni più rosea aspettativa, un  “problema” vecchio come il genere umano,  contribuendo in maniera determinante ad aumentare le aspettative di vita, ed a migliorare le condizioni esistenziali generali di buona parte degli organismi animali (uomo compreso, s’intende!) presenti sulla Terra.

E’ da notare che, in India, l’introduzione della chemioterapia antibiotica, avvenuta alla fine degli anni cinquanta, (grazie all’impegno della Famiglia Gandi ed alla positiva opera della CIPLA, grande azienda farmaceutica indiana, che opera tuttora esclusivamente “fuori brevetto”), avendo contribuito a superare, in parte,  la piaga della mortalità infantile  comportò, in pochi anni, un inaspettato  aumento demografico, evidenziando il problema (in verità sempre esistito ) della  “fame in India”, di cui tanto si discusse all’inizio degli anni sessanta,  probabilmente anche per giustificare la politica di  “controllo delle nascite”(che spesso violava anche i più elementari diritti umani)  “culturalmente” voluta  dal Governo Indiano dell’epoca.

Ma, un consistente aumento demografico, se inizialmente può essere un problema, con il tempo diventa una risorsa, forse la più favolosa delle risorse, infatti il grande sviluppo economico, tecnico  e scientifico dell’India di oggi è probabilmente dovuto anche a quella inaspettata crescita della popolazione, che “dilatando” le dimensioni delle  singole Caste ha, nel tempo,   causato una inaspettata causa di progresso. Ma, a pensarci bene, anche il progredire della moderna Cina, e la recessione del vecchio occidente hanno una precisa  “causa” demografica. analizzeremo tale fenomeno in seguito.
Orazio

CONSULTA ANCHE:

Antibiotici - il loro uso nella storia- Gli antichi egizi, greci, cinesi curavano con antibiotici seppur inconsapevolmente

Il personaggio sicuramente più interessante, e purtroppo meno conosciuto e' Israel Greco, il primo medico dell'eta' moderna che curava con farmaci, su base razionale.

Il farmaco più usato è il medico stesso, dato che non è solo la medicina che conta, ma anche il modo con cui il medico la propone

Antibiotici - evoluzione scientifica - Gli antibiotici sono sostanze per lo più di origine naturale prodotte da batteri o da funghi capaci di uccidere o di inibire la crescita di microorganismi patogeni responsabili dell'insorgenza di numerose malattie.

La scoperta degli antibiotici - Nel XIX secolo inizia l'era della produzione nel laboratorio chimico di sostanze nuove capaci di distruggere gli agenti patogeni o cosiddetto "organismo ospite."

La vera storia della penicillina - Fleming ha scoperto solo il termine "penicillina" per non ripetere la frase estesa  "filtrato di brodo di coltura del micete".

Le terapie antibiotiche oggi - Attualmente almeno il 30% dei pazienti ospedalizzati riceve uno o più cicli di terapia antibiotica e milioni di infezioni, potenzialmente letali

Contraccettivi - né la bomba atomica, né l'avvento dei computer e di Internet hanno avuto un impatto così forte come la "pillola"

I neurolettici non "curano" nulla ma inibiscono la persona

Il monopolio della ricerca - Sicuramente, in tanti si domandano perché fino ad ora non è stata trovata la cura per combattere il tumore, o con che criterio opera  l’Istituto di ricerche contro il cancro.  Noi abbiamo trovato la risposta.

Il Dr. C. Moerman ha ottenuto con il suo trattamento naturale per il cancro, di tipo dietetico, dei successi veramente straordinari.

L'accesso al farmaco e la sua distribuzione - Il mondo considera tre diritti di accesso: il diritto di accesso all'acqua, il diritto di accesso all'alimento, il diritto di accesso al farmaco.

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora