SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

arte-amore

Amico

 

Il Marinaio che tuttor navicando va per lo mar, cercando terra istrana, con tutto sì guid'e' per tramontana, si va e'ben le sue vele cambiando;

e per fuggir da terra, o appressando in quella guisa ch'allor gli è più sana, così governa mese e settimana, insin che 'l mar si va rabbonacciando.

Così de' far chi d'Amor vuol gioire quand' e' truova la sua donna diversa: un'or la de' cacciar, altra fuggire.

Allora sì la vedrà pallida e persa, chè sie certan che le parrà morire insin che no lli cade sotto inversa.

 

 

 

 

 

arte-espressioneQuando fai ad alcuna tua richiesta, o vecchia ch'ella sia o giovanzella, o maritata o vedova o pulzella, sì convien che la lingua tua sia presta

a le' lodar suo' occhi e bocca e testa, e dir che sotto' l ciel non ha più bella: "Piacesse a Dio ch'i' v' avesse in gonnella* là ov'io diviserei**, in mia podestà!'

Così le' dei tutto andar lodando , chéd e' non è nessuna sì attempata ch'ella non si diletti in ascoltando, e crede sì esser più bella che fata.

E 'mmantenente pensa a gir pelando*** colui che prima tanto l'ha lodata!

* in gonnella = in abito succinto

** diviserei = penserei

*** pelando = fruttando

 

 

 

 

 

arte-nello-spazioE quando tu sarai con co llei soletto, prendila tra le braccia e fa al sicuro, mostrando  allor se tu se' forte e duro, e' mmantenente le metti il gambetto.

Nè no lla respittar già per su' detto: s'ella chiede merzè, cheggala* al muro.

Tu le dirai: 'Madonna, i'm' assicuro e questo far, ch' Amor m'ha sì distretto di vo, ched i'non posso aver soggiorno**; per che convien che vo' aggiate merzede di me***. che tanto vi son ito intorno;

chè siate certa ched i'v'amo a fede, né d'amar voi già mai non mi ritorno, ché per voi il me' cor salvar si crede'.

*cheggala = la chieda

**soggiorno = riposo

***aggiate merzede di me = perdonatemi


 

 

 

 

blu-verde-vetroE se tu ami donna ferma e saggia, ben saggiamente e fermo ti contieni, ch'avanti ch'ella dica: 'Amico, tieni delle mie gioie',, più volte t'assaggia.

E se tu ami femina volaggia*, volaggiamente davanti le vieni a tutt'a la sua guisa ti mantieni; od ella ti terrà bestia salvaggia, e crederà che tu sie un pappalardo**, che sie venuto a lei per ingannarla; chèd ella il vol pur giovane e gagliardo.

La buona e saggia ma' di cio' non parla, anz'ama più l'uom fermo che codardo, ché non dotta*** che que' faccia blasmarla.

*volaggia = leggera, incostante

**pappalardo = ipocrita

***non dotta = non teme

 

blu-dipintoA sua maniera ti mantien tuttora*: ché s'ella ride, ridi, o balla, balla, o s'ella piange, pensa a consolalla, ma fa che pianghe tu sanza dimora**.

E se con altre donne fosse ancor che giocassero al gioco della palla, s'andasse lungi, corri ad apportala: a le' servir tuttor pensa e lavora.

E se vien alcun'or ch'ella ti tenza***, ch'ella ti crucci sì che tu le dai****, immantenente torna ad ubbidenza, e giurale che ma' più nol farai,

di quel c'hai fatto farai penitenza. prendila e falle il fatto che ti sai.

 

*A sua maniera ti mantien tuttora = comportati sempre a suo modo

**ma fa che pianghe tu sanza dimora = ma senza indugio piangi anche tu

***ti tenza = litiga con te

****ch'ella ti crucci sì che tu le dai = tanto che, infastidito, tu debba picchiarla

Immagine:morguefile

CONSULTA ANCHE:

Il Fiore - introduzione

Amante e Amore

Consigli di amico

L'Amante e lo Schifo

Venere

Venere: La Balestriera

La Balestriera

Incendio del Castello

Cortesia e Bellaccoglienza

L' Amante

Conclusione

 

Pin It

Partner jooble