SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

Specchio di Kozirjev – il segreto del tempo

Cosa sappiamo del tempo? Praticamente nulla. Il tempo è considerato senza pretese, incomprensibile, irreversibile. Nonostante, la scienza fa tanti progressi, il tempo, per noi, rimane ancora un segreto. Ma, il genio umano non si fermerà mai a ciò che è stato raggiunto.

Il primo uomo che riuscì a togliere un velo, dal segreto del tempo, fu il geniale astrofisico - Nikolai Kozirjev.

Era interessato ai segreti dei cieli, ai misteri del tempo, e pensava che il suo destino fosse quello di realizzare molte cose. Fu chiamato da altri, l'intelligenza celeste, raggiunse mete scientifiche, non cambiando se stesso, nè i suoi principi, nè i suoi ideali. Nikolai Aleksandrovich Kozirjev, astronomo ed astrofisico, nacque il 2 settembre 1908, a San Pietroburgo. Suo padre, Alexander Adrianovich Kozirjev, era un ingegnere minerario, un nobile.  La madre - Julia Nikolaevna, proveniva da una antica famiglia di commercianti.Gli inizi della carriera di Nikolai Kozirjev furono senza ombra e felici. Nel 1924, uno studente diciassettenne di Petrovgrad, pubblicò un articolo sulle stelle su una rivista scientifica.

L'articolo attirò l'attenzione degli scienziati.  Nel 1924, Kozirjev s’iscrisse al Dipartimento di Astronomia, presso la Facoltà di Fisica e Matematica, dell'Università di Leningrado. Kozirjev era attratto dal cielo, dalle stelle, dalle galassie, studiava l'atmosfera del Sole e di altre stelle, nonchè il fenomeno dell'eclissi solare.  A venti anni, Kozirjev si laureò all'Università di Leningrado, presso la Facoltà di Fisica e Matematica. All'età di 28 anni, il dottor Kozirjev era noto, come il principale astronomo, ed insegnava in diverse istituzioni scientifiche. Allora, il nuovo campo dell'astronomia era molto ambito, vi era l'opportunità di scoprire come le stelle, effettivamente, sembrano e che cosa, realmente, accade loro.

Queste erano prospettive, completamente, nuove e Nikolay Kozirjev le aveva presenti, in modo chiaro. Dal 1928, effettua studi post-laurea, studia e lavora nel principale osservatorio astronomico dell’URSS, a Pulkovo. Nelle sue immediate vicinanze c'erano fisici di talento, imparavano l'uno dall’altro ed insegnavano agli altri. Kozirev insegnò "Teoria della Relatività”, presso l'Istituto Pedagogico. Nel 1934 pubblicò, sulla rivista mensile, Monthly Notices“, della Società Reale Astronomica Inglese, "La teoria della stella estesa alla fotosferica", che oggi è ancora chiamata con il suo nome (teoria di Kozyrev).

Ma, tre anni dopo, l’astrofisico ventiduenne fu arrestato. Fù accusato di partecipazione ad un'organizzazione fascista. Non solo lui fu arrestato, ma tutti gli astronomi di Pulkovo, a partire dai registi e dai principali esperti di Pulkovo, tutti furono arrestati, in quel momento. Il processo durò pochi minuti, senza una ragionevole accusa, e senza difesa, Kozirjev fù condannato a 10 anni di carcere. Era impossibile, presumere che gli astronomi, ossessionati dalla scienza e dal cielo, potessero lavorare per i fascisti.

Tuttavia, delle dozzine di scienziati che furono arrestati all'Osservatorio di Pulkovo, solo Nikolay Kozirjev sopravvisse. Nei primi due anni, il cosiddetto “fascista", Kozirjev fu tenuto nella prigione della città di Dmitrovsk - Orlovski, luogo in cui portavano i prigionieri, contando che non sarebbero sopravvissuti. Quando, nel 1939, riaprirono le porte della prigione, l’immagine che si presentò, era terribile, a causa delle condizioni disumane, molti dei reclusi sopravvissuti, erano diventati ciechi. Nella prigione Nikolaj Kozirjev diventò credente. Nikolai Kozirjev desiderava ampliarere il suo lavoro scientifico ed aveva, molto bisogno, di testi della letteratura scientifica, ma quella letteratura non si poteva reperire, in quella orribile prigione.

Improvvisamente, trovò dei libri dei quale aveva bisogno: Volumi di Astronomia.

E’ stato un miracolo!

L'aiuto di Dio, così lo scienziato iniziò a creder in Dio.

Era contro Engels, così nel 1940, fu arrestato, per la seconda volta, e condannato a morte. Ma, gli scienziati non stavano solo a guardare e, volevano riesaminare il caso.

Uno degli accademici russi andò dalle autorità, in qualità di direttore di un osservatorio spaziale smantellato, e disse: "Senza Kozirjev, non possiamo ripristinarlo", l’interlocutore confermò: "Kozirjev è insostituibile".  Poi, la condanna a morte fu derubricata a 10 anni di carcere.  Dieci anni, non sono pochi e trovandosi in prigione, lo scienziato raccolse i dati per una futura tesi, così più tardi, nella Tajga del nord, realizzò il suo principale lavoro, la Teoria del tempo, che, successivamente, fu chiamata  la Teoria del tempo di Kozirjev. Letteralmente, un anno dopo la sua uscita dal carcere, presentò una tesi finale, a Pulkovo, che lo difese con successo.    

Si scopre, che ciò è stato uno dei primi passi, nella sua nuova biografia, quale scienziato. La tesi fu dedicata allo studio di uno strano fenomeno. Secondo una legge della fisica (la seconda legge della termodinamica), i corpi si raffreddano e riscaldano, irreversibilmente, rendendo, gradualmente, uguale la temperatura di tutti i corpi. Applicando questa legge al Cosmo, ciò significa che  il nostro Sole, secondo tutti i calcoli, si sarebbe bruciato già da molto tempo, ma è ancora luminoso.

Ciò significa, che l'universo, le stelle, ricevono energia enigmatica dal campo. Al fine di aumentare la temperatura del gigante Sole, di un solo grado, quest’energia dovrebbe essere enorme. Kozirjev, nella sua tesi di dottorato, dimostrò che le fonti termonucleari non possono fornire il consumo d’energia delle stelle, per un miliardo di anni. Tali fonti si sarebbero esaurite già molto tempo fa. Pertanto, un'altra fonte d’energia dovrà essere ricercata.

Alla ricerca d’altre fonti d’energia, Kozirjev concluse che il tempo è una fonte d’energia. In Crimea, Kozirjev lavorò sulla teoria del tempo, la più affascinante teoria dell'astrofisica moderna. Da molto tempo è stato notato che le montagne della Crimea sono un luogo mistico, strettamente legate al Cosmo.In Crimea, Kozirjev condusse un sorprendente esperimento. A causa della velocità della distribuzione della luce, vediamo la stella solo nel passato.

Finchè la luce giunge da essa alla Terra, la stella si è già spostata. Tuttavia, i dispositivi reagiscono quando il telescopio è diretto in quel punto, dove la stella è in realtà. Ciò significa che l'energia enigmatica s’estende molto più rapidamente della velocità della luce. Gli oggetti materiali, secondo la teoria della relatività, non possono muoversi a una tale velocità. Significa che quest’energia non è materiale e non ha nulla a che fare con il nostro mondo. Le persone religiose denominerebbero tale fenomeno - il respiro di Dio, per i filosofi – idealisti ciò sarebbe l'impulso della ragione superiore. Uno scienziato - un astrofisico fu costretto a creare una nuova teoria. Kozirjev definì il nuovo tipo d’energia il "flusso del tempo". Ovvero, guarda il tempo come una nuova fonte d’energia. Secondo Kozirjev, l'energia e il tempo sono due lati di un tutt’uno. Se padroneggiassimo il tempo, otterremmo una fonte d’energia infinita.

Potremmo creare centrali elettriche, viaggiare su mondi paralleli, studiare stelle, in tempo reale. Questa è stata davvero una teoria fantastica. Secondo Kozirjev, il tempo ha diverse densità ed è diverso per qualità. Può diffondersi e ristringersi, può essere felice e può essere tragico. Dell'epoca di Stalin, Kozirjev disse: "Alla fine, Stalin non è la causa, così era la proprietà fisica di quel tempo".

“Il tempo reale possiede densità ed agisce come un partecipante attivo agli eventi che stanno accadendo. Accelera e rallenta, sappiamo tutti che, in diversi periodi di tempo, percepiamo il tempo in modo diverso.  A volte scorre veloce, e poi, inaspettatamente ,rallenta”. Tuttavia, gli accademici sovietici non capirono "La teoria del tempo di Kozirjev", attesero l'idea dello uno scienziato sul “filo di lama”, al lavoro di Kozirjev si prospettava un destino difficile.

Sul giornale "Pravda", il principale quotidiano dell'Unione Sovietica, apparve la lettera "non seria ricerca sulle sensazioni scientifiche”, i suoi autori erano illustri studiosi accademici.  Dopo l'annuncio, iniziò la campagna di diffamazione su Nikolai Kozirjev.

Pertanto, in Unione Sovietica, la sua teoria divenne nota come "alla Kozirjev". "Secondo l'ordine dell’accademia della scienza, fu formata  una commissione della scienza, con una missione: trovare i diffetti  della teoria di Kozirjev. E, naturalmente, sono stati trovati. La maggior parte della commissione che aveva testato gli esperimenti di Kozirjev, alla fine, li smentiscono.    

In effetti, i più grandi nemici degli scienziati sono gli stessi scienziati. Sempre, in ogni momento, gli scienziati sono stati i principali oppositori del genio pioniere, che ha aperto le persone ad orizzonti scientifici sconosciuti. Kozirjev può, naturalmente, essere caratterizzato quale genio. Ebbe una geniale intuizione. Non si sapeva come reagire con  i famosi specchi di Kozirjev, con i quali si notavano cose  spettacolari. Questi specchi, come le lenti, si concentrano su diversi tipi di radiazioni.

Dopo la morte di Kozirjev, all'inizio del 1990. gli esperimenti con gli specchi sono stati effettuati presso l'Istituto di Medicina Sperimentale, Dipartimento Siberiano - Accademia delle Scienze. Essendo all'interno dello specchio, le persone potevano trasmettere i pensieri a distanza, vedere dell’ immagini del futuro, del passato ed anche eventi che vanno oltre la realtà. Nel 1997, altri scienziati siberiani hanno condotto esperimenti insieme ai colleghi inglesi, in Inghilterra, a Stonehenge.

Più di 200 persone hanno ricevuto le informazioni inviate da Novosibirsk, tramite lo "Specchio di Kozirjev". Gli scienziati si sono convinti, gli specchi funzionano. Gli specchi sono stati a lungo noti all'umanità, gli specchi ad incasso, con la superficie lucida, sono stati usati dai profeti, in ogni momento, per predire il futuro.   I sacerdoti di alcuni templi indiani, anche ora, usano gli specchi ad incasso con una superficie dorata.

Tra i contemporanei, Kozirjev era un grande mago, oggi, si potrebbe chiamare uno scienziato che tenta di scoprire i segreti della natura. Le idee del Tempo di Kozirjev sono così contraddittorie, rispetto alle solite nozioni, che i fisici sorridono loro. Ma, un noto scienziato, che ha scoperto il vulcanismo sulla Luna, è autorizzato ad avere le proprie convinzioni. Nikolaj Kozirjev, inizialmente, aveva previsto teoricamente, e poi sperimentalmente provato l’attività vulcanica, sui pianeti del Sistema Solare.

L'esplosione di gas da un cratere sulla Luna, Kozirjev, la registrò il 3 novembre 1958, in Crimea. La luna è una pianeta morto, pensavano, allora, gli scienziati ed illuminata, solo perché il Sole la stava illuminando. Gli astrofisici americani accusarono, perfino Kozirjev, di falsificazione intenzionale dei dati. Tutto è stato chiarito, dopo dieci anni, dopo aver toccato il suolo della Luna.   Gli americani hanno voluto correggere il loro errore ed hanno assegnato, la medaglia d’oro, a Kozirjev "International Academy of Astronautics" e l’hanno invitato in America.

“C'è stata una chiamata dall'America – ricorda Fjodor Kozirjev – di tutta la famiglia. Sono persino riusciti a lodarmi a scuola, perchè presto andrò in America. Eravamo nei primi anni dell’70. Non c'era nessun viaggio. Una delle ragioni, più scomode, fu quando suo padre andò a Mosca, per un documento, viaggiò con una persona, che, a quel tempo, non aveva una buona reputazione. Quando tornò, improvvisamente, scoprì che la sua partenza era stata cancellata”.

Agenti dei servizi segreti si erano, da sempre, interessati all'attività di Kozirjev, al suo lavoro, alle sue scoperte e fino alla sua morte era sotto il loro, forte e costante, controllo. Basta sapere che ha ricevuto la completa riabilitazione, solo nel 1959.

Fjodor Kozirjev: "Ricordo una visita al nostro appartamento, non mi ricordo queste persone, e naturalmente, non ho partecipato alla conversazione, ma, dopo aver parlato con il padre, l’avevano invitato, ancora una volta, a lavorare sulla struttura delle forze che erano interessati alla questione della connessione, momentaneamente. Chiesi: "E tu sarai qualcuno?" Lui rispose: "Certo che non lo sarò”!  

Lo scienziato lavorò molto, non gli interessava solo la Luna, ma, anche altri pianeti. Una volta disse: "Venere è un pianeta incredibile, in un moto ha il flusso opposto del tempo, ruota nella direzione opposta. Inoltre, Venere presenta una potente attività vulcanica e un pianeta molto caldo”.

Nel 1953, pubblicò un articolo scientifico: "Sull'illuminazione del cielo notturno di Venere", che, in seguito, verrà riconosciuto come base per i metodi d’analisi spettrale. Osservazioni, dal 1954 al 1956, portarono il ricercatore ad una nuova conclusione, riguardante le proprietà atmosferiche e le calotte polari di Marte. Kozirjev era un fanatico del suo lavoro ed un uomo molto colto. Era un ottimo osservatore, si potrebbe affermare osservatore unico. Tra gli astronomi dicevano che Nikolaj Aleksandrovich Kozirjev, non appena si  avvicinava al telescopio,  immediatamente, scopriva qualcosa.

Solo pochi potevano riuscirci, le persone che hanno familiarità con l'astronomia e gli astronomi sanno bene che, a volte, passano giorni, anzi mesi o degli anni, accanto al telescopio, per catturare quel momento, per catturare il fenomeno su quale stanno indagando. Nikolaj Alexandrovich Kozirjev, praticamente, subito dal primo momento, notò tale fenomeno, che è unico.  

Gli ultimi anni, della vita dello scienziato, trascorsero nell’ombra, per enormi ostacoli, che gli grearono nell’Osservatorio di Pulkovsk. Le sue richieste, d’attrezzature e di materiali, non erano soddisfatte. I suoi articoli, se pubblicati, erano pubblicati in forma abbreviata. Infine, nel 1979,  Kozirjev fu, semplicemente, buttato fuori dall’Osservatorio, a causa di tagli al personale. Questo, eccezionale astrofisico, morì il 27 febbraio del 1983, all'età di 75 anni.    

Il grande astronomo andò, per primo, a riprendere la strada sconosciuta, e c’istruì a studiare le proprietà del tempo. Perché, solo il tempo rivela leggi cosmiche, le profondità della natura e dell'universo, la sostanza interiore.      

I maghi hanno, sempre, creduto che gli specchi concavi accumulassero, nella loro concentrazione, anche un mondo astrale, che rivela all’uomo la capacità della visione. Ecco perché, hanno guardato sui contenitori incavati, aspettando la comparsa d’immagini miracolose del passato, del presente e del futuro, e tutto poteva essere rivelato, davanti ai loro occhi. In modo incomprensibile, guardò, centinaia d’anni fa, Ruger Bacon, che, già nel XllI secolo, predisse l'invenzione del microscopio e del telescopio, di automobili, d’aerei e navi a motore. Duecento anni prima della scoperta della polvere da sparo, Bacon descrisse la sua composizione e i suoi effetti. Molto prima che la scienza lo scoprisse, lui conosceva la struttura della cellula biologica ed il processo di formazione dell'embrione.    

Da dove apprese quella conoscenza?    

Si racconta, che alcuni misteriosi specchi siano stati d’aiuto, a questo monaco istruito.  Lo stesso Bacon li menziona: "Ho visto, in uno specchio incassato, una stella a forma di spirale. Si trova tra l'ombelico del busto di Pegaso d’Andromeda e il capo di Cassiopea”. Incredibile, ma in questo sito nell’Universo, 400 anni dopo, verrà scoperta la prima galassia vangalattica - la galassia a spirale d’Andromeda.

Forse, avevano ragione i saggi del passato, che predissero la rivelazione che avrebbe cambiato la nostra idea dell'Universo? E chi sa, che forse proprio gli specchi di Kozirjev sono quello strumento che darà  nuovo impulso, nella conoscenza dei segreti del tempo e della psica umana?    

Ci sono opportunità, incredibili, davanti a noi. Con speciali dispositivi a specchio, i ricercatori potrebbero scoprire il senso, invisibile e misterioso, della realtà, in cui non esiste una prospettiva comune, tra spazio e tempo. 

 

 

 

 

 

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora