SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

aure-uomo

RADIESTESIA - CONCETTI BASE

Tutte le opere di radioestesia, di cui tratteremo in questi articoli, sono basate sulle radiazioni, cioè  la radiazione, che in natura avviene ovunque.  Tutti gli esseri viventi, gli esseri umani e animali, tutta la vegetazione, gli alberi e le piante, così come tutte le parti naturali della Terra, come pianeti, rocce, minerali, producono la loro radiazione. Sappiamo che i pensieri, i sentimenti ed i sensi nell'uomo e negli animali sono anche tipi di radiazioni.  Le radiazioni giungono a noi, sia dalla terra che dall’atmosfera, in varie forme. Possiamo, quindi affermare che tutto in natura è radioso e che sembra solo inanimato, perché, ovunque, avvengono processi di movimento, perché all'interno di ogni atomo di qualsiasi stato solido, gassoso o liquido, avvengono i movimenti degli elettroni attorno al nucleo, avvengono i processi di polarizzazione, che chiaramente indicano che nulla è inanimato assoluto in natura.

L'assioma che tutto irradia è anche la base del lavoro radioestetico e dei test radioestetici.  I test sono stati fatti già nei tempi antichi, e le teorie su questi eventi e le ragioni di questi eventi si sono trascinate fino ai giorni nostri. Abbiamo menzionato i lavori di Kirchner (1631), che studiò il perché le bacchette  si muovono nelle mani di persone particolarmente sensibili.  Osserviamo, anche, gli sforzi per irrompere nei misteri del movimento del pendolo e nello studio di Chevreul, presso l'Accademia delle Scienze francese. Poi, ci sono delle spiegazioni sui fenomeni di radioestesia del prof. del Dr. Heimme, con l’utilizzo di circuiti elettrici dovuti a vibrazioni (Nouvelle méthode de radiesthésie).

Abbè Mermet, anche, nel suo libro (Comment j'opère) prova a fornire delle spiegazioni di base sui fenomeni radioestetici, cercando di avvicinare tutto alla scienza.  Più recentemente, quando la fisica nucleare si è rapidamente evoluta, vi sono stati tentativi per spiegare le radiazioni radiestetiche da parte di elettroni liberi.  Come possiamo osservare, esistono un certo numero di teorie, nessuna delle quali è stata ancora completamente dimostrata, perché finora non ci sono dispositivi tali da confermare quale teoria sia quella giusta o almeno la più vicina.  Nella seguente presentazione, faremo riferimento alla teoria di Abbe Mermet, non perché risolva tutti i problemi, ma perché è opportuno, sebbene non del tutto giusta e corretta, interpretare i fenomeni incontrati nella nostra radioestesia.

L'abate Mermet (1866-1937) si dedicò alla radioestesia per quarant'anni, lavorando sul suo funzionamento molto diverso, con incredibile successo, ma studiò anche perché ciò accade. Innanzitutto, scoprì che tutte le opere radioestetiche avevano una base nelle radiazioni e che, queste radiazioni provenivano dagli oggetti e dalle cose in esame. Scoprì che, attraverso la gamba destra e il corpo dello stessso, le radiazioni giunsero fino alle  mani fino, le bacchette o il pendolo iniziarono a muoverssi. Ogni radiazione crea un campo d'azione attorno ad esso, proprio come un conduttore crea un campo elettrico attorno a se stesso.    

Il campo d'azione radiestetico non è registrato dai nostri normali sensi. Questo campo radiestetico s’estende in tutte le direzioni intorno all'oggetto che lo crea e in esso si incontrano raggi, superfici e spirali. I seguenti elementi vengono creati attorno a tale oggetto, che esaminiamo:    

1. Superfici e forze magnetiche;      

2. Raggio di base;              

3. Raggio mentale;    

4. Raggi solari o fonti di luce artificiale;      

5. Raggi materiali (a seconda della composizione del materiale);    

6. Palo verticale;              

7. Riflessioni radioestetiche;    

8. Numeri e giri;              

9. Spirali;  

10. Le figure eseguite dal pendolo;  

11. Variazioni di peso del pendolo;    

12. Fading o Dissolvenza.

1) Superfici magnetiche e limo si presentano come linee parallele ad un corso d'acqua, da un lato e dall'altro lato del flusso, per sette, per un totale di 15 linee. Queste linee parallele sono in realtà sezioni di corpi cilindrici disposti attorno ad un corso d'acqua. Se l'acqua emerge verticalmente dal profondo, ci sono 7 cerchi concentrici attorno ad esso. La quarta e la settima linea sono importanti quando si cercano flussi d’acque sotterranee.    

2) Raggio fondamentale (di base). Ogni corpo nella posizione di riposo emette in una direzione definita con precisione rispetto alla direzione nord, al raggio sempre allo stesso angolo e che mostra un'inclinazione costante verso il piano orizzontale. Questo raggio è chiamato raggio fondamentale. Esso è corto. La sua lunghezza dipende dal peso del corpo e dal tipo di materiale.    

3) Il raggio mentale è il raggio che collega un oggetto e qualsiasi persona. Entra direttamente nel cervello dell'osservatore ed è sempre presente, tranne quando si verifica la dissolvenza. Questo è il raggio, più importante, in aggiunta al raggio fondamentale, poiché è molto usato nelle opere radiestetiche. Non è il raggio emesso dal nostro cervello, che rimbalza dall'oggetto in questione e ritorna nel cervello, è il raggio che ha solo un percorso per il nostro cervello. Significa che l’uomo, come individuo, non è una stazione di trasmissione, ma solo una stazione di ricezione. Il nostro occhio è davvero solo una macchina fotografica, che riceve solo, ma non trasmette nulla. Questa è l'opinione di Abbé Mermet. Intorno a questa domanda, se il raggio mentale è quello che stiamo solo ricevendo, non quello che abbiamo inviato, e poi è ritornato da noi, c'è stata una lunga discussione. Questa domanda rimane aperta fino ad oggi.    

4) Il raggio di luce è il raggio, che proviene da una fonte di luce. Può essere il sole. Abbé Bouly, un famoso radioestetista francese, pensava che questo raggio provenisse solo dal sole, ma Abbé Mermet scoprì che poteva provenire da qualsiasi altra fonte di luce. Potrebbe essere una luce elettrica, una lampada o una candela. Il raggio di luce collega, costantemente, la sorgente luminosa con tutti gli oggetti. È molto importante per la radioestesia, che è stata scoperta, che con ogni raggio di luce che percorre il suo percorso, si associa anche un raggio radiestetico. Quando i raggi luminosi arrivano su una superficie magnetica, che ogni corpo ha, rimbalza e si allontana dal corpo.    

5) Raggio generico. Ogni corpo invia raggi a tutti i corpi costituiti dallo stesso materiale. Questo raggio è anche chiamato "raggio di prova”, perché su questo principio si basa la cosiddetta "prova della sostanza". Quindi, per esempio, se perdessimo da qualche parte un oggetto d’alluminio o un altro metallo, dovremmo posizionare più oggetti dello stesso materiale di quello smarrito, come test. Loro stabiliscono un raggio alla volta con un oggetto perso. L'alto ci mostrerà quando incontreremo quel raggio e la sua direzione. Alla ricerca di questi raggi e delle loro direzioni, troveremo l'oggetto desiderato nelle sezioni trasversali dei raggi materiali trovati. Non c'è flusso d'aria tra oggetti realizzati con materiali diversi.    

6) Palo verticale. Se ,le condizioni nell'atmosfera sono stabili, si verificano radiazioni verticali sopra e sotto ogni oggetto. Se, le condizioni atmosferiche si deteriorano, il palo verticale si perde perchè viene convertito in riflessi magnetici che ingannano.   

7) Riflessi radiestetici. Durante un temporale o la forte luce solare si creano delle false immagini, che danzano attorno al soggetto. Di notte succede meno spesso. Tuttavia, un buon radiestesista da queste false riflessioni, se riconosciute, può ottenere tutte le informazioni necessarie, ad es. sull'acqua, se la cerca, vale a dire, la sua profondità, quantità e dimensione del flusso, perché forniscono informazioni a riguardo, qualcosa come guardare un personaggio in uno specchio.    

8) Numeri di oscillazioni e direzione del giro. Quando si lavora con un pendolo sopra un oggetto, si crea un numero d’oscillazioni sopra lo stesso, poi un cerchio, di nuovo oscillazioni, ecc. Se è ad es. rame, ci saranno sette oscillazioni, sette cerchi, ancora sette oscillazioni, ecc. Per l'acqua altrettanto. Quindi il numero 7 è il numero identificativo sia per il rame che per l'acqua. Allora, come li distingueremo? Semplice: dal raggio fondamentale (di base). Per il rame, ha un angolo di 45 ° a sud-ovest, mentre per l’acqua ha un angolo di 30° a nord-ovest. Quando si contano le oscillazioni e i cerchi, c'è sempre all'intersezione delle oscillazioni ai cerchi, un'ellisse, cioè un mezzo tra la direzione ed il cerchio; Pertanto, ogni sostanza ha il proprio numero / codice / direzione di movimento, che è specifica per ciascun materiale. Devo menzionare qui che molti radioestesisti, tra cui me stesso, non ottengono gli stessi angoli o numeri d’oscillazioni e rotazioni. Non è importante. Chiunque desideri stabilire i propri numeri può dedicarsi ad esso e, determinare tali numeri ed i loro angoli dei raggi fondamentali. È importante che li usi correttamente.

9) Spirali. Durante il lavora con il pendolo, sopra il raggio fondamentale (di base), il pendolo esegue una sorta di movimento a spirale, qualcosa di simile alle scale tortuose.

10) Le figure eseguite dal pendolo. Se investigiamo sul campo e ci imbattiamo in una cassa sepolta, o qualcos'altro, il pendolo sulla superficie del terreno ci darà la forma dell’ oggetto, che è nel terreno.

11) Cambiamento del peso del pendolo. Durante il lavoro con il pendolo, spesso sentiamo che il pendolo nella mano sembra cambiare di peso. A volte diventa più pesante, ad es. quando si esplora il petrolio, e talvolta è più facile o ci si sente come se avesse, completamente, perso peso e che nella nostra mano è come se stessimo solo tenendo un filo su cui non pende nulla. Ciò è, particolarmente, evidente quando si va a diagnosticare. Quando il pendolo si ferma, ad es. su una certa parte della colonna vertebrale, e non ne senti il peso, è un segno di una grave malattia in quel punto. Pertanto, ci sono manifestazioni di una certa forza, che aumenta o diminuisce il peso del pendolo.

12) Fading o Dissolvenza. Ci siamo già tutti convinti, che quando ascoltiamo le trasmissioni, alcune stazioni radio distanti e talvolta vicine, sentiamo dagli altoparlanti la voce o la musica ricevuta, che si sta intensificando e poi si sta affievolando, pertanto, abbiamo l'impressione che ora sia vicino, e poi se ne va, e lo sentiamo più debole, poi si avvicina e si rafforza di nuovo, e così via. Questo lo sentiremo anche in radiestesia, quando lavoriamo con il pendolo.  Con l'avvento di tempeste, tempeste gravi ed altre cause sconosciute, il pendolo inizia a comportarsi in modo strano. Per un pò, gira, circola e poi si calma, e non siamo in grado d’avviarlo affatto. Dopo un breve periodo di tempo, funziona di nuovo, per poi diventare immobile  molto rapidamente. Periodi di questo tipo vengono, spesso, modificati e non hanno una durata corretta. Il periodo di funzionamento del pendolo può variare da 1 a 2 minuti e l'arresto per alcuni secondi e viceversa. Ho notato che i fenomeni di fading (dissolvenza) si verificano, esattamente, nel momento in cui si verificano i terremoti. Quando mi trovo davanti a un fading, di solito, dico: “Qualcosa sta tremando di nuovo”, e, quasi sempre, il giorno dopo c'è un rapporto sul giornale su un terremoto. La stessa cosa è successa con i terremoti in Italia, ecc. Il fading è, probabilmente, dovuto ai cambiamenti del campo magnetico terrestre. In caso di fading, qualsiasi lavoro esplorativo su corsi d'acqua sotterranei, depositi di minerali, lavori di screening sanitario, ecc., dovrebbe essere escluso, in quanto ci porta a conclusioni errate. L'inizio del fading, di solito, non dura a lungo: da una a due ore. Se è più lungo, ad es. alcune ore o un'intera giornata è il segno di un grande disastro, accaduto in quel momento in una qualsiasi parte del mondo. Abbé Mermet indica nel suo libro tre modi per migliorare la dissolvenza o fading.    

Li elencherò:        

1. Il filo, su cui pende il pendolo, dovrebbe scorrere tra le dita fino a quando il pendolo inizia a circolare. Questa lunghezza del filo deve variare costantemente, perchè varia  la forza di dissolvenza.    

2. Bisogna utilizzare il pendolo molto più pesante e dovrebbe essere preso e sollevato in aria. Il fading (dissolvenza) s’interrompe ad una certa altezza, indipendentemente, da questi tre modi, la mia raccomandazione è di non fare nulla di significativo durante il fading. Il pendolo in tasca, il fading si riflette anche sul lavoro delle bacchette. Il principio è lo stesso.

 

  • Tratto dal libro: "Radiestesia" di Smail Dubrovic

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare