SCUOLA SCIENTIFICA TESLIANA DI NATUROPATIA OLISTICA

ACCESSORI DI  LAVORO PER LA RADIESTESIA

Dal più antico tempo, forse già con l'avvento dell'uomo, sulla Terra, è nata l'invenzione degli accessori, che è servita a risolvere molti dei problemi di vita delle persone dell’epoca. Probabilmente, alcuni dei nostri bis-bisnonni hanno notato, per caso, che il suo bastone reciso, tra le mani, si muoveva, in talune occasioni. Attraverso l'esperienza del passato, comprese che questa era una cosa molto utile.    L’aiutò a trovare l’acqua, i branchi d’animali da cacciare, ecc.

Così, fu creato il primo accessorio per la radioestesia, le bacchette per rabdomanti. Probabilmente, allo stesso modo, i nostri nonni o bisnonni scoprirono che con il pendolo si possono fare cose utili.  Così è nato il pendolo. Gli accessori di base, per la radioestesia, rimangono, ancora oggi, le bacchette ed il pendolo.a) Le bacchette

Le bacchette a forma di bastone sono spesso citate, in scritti e raffigurazioni, del  passato. Ricordiamo il bastone di Mosè. Nelle popolazioni primitive (Polinesia, Africa), le bacchette sono, ancora oggi, in uso. Queste erano ad una o due lunghi bastoni che ruotavano o si incrociavano nelle loro mani. L'uso del bastone,  un pò piegato, si poteva incontrare fino alla fine del XVIII secolo. Tanto tempo fa è anche stato notato che due bastoni adiacenti, l'uno all’altro, possono essere ben utilizzati se sono uniti ad un'estremità. Così, sono nate le bacchette ramificate.     

Se tenuti stretti, con le estremità libere, in una mano e nell'altra, in certe occasioni, o si muovevano bruscamente, verso l'alto o verso il basso od iniziavano a ruotare, facendo sapere a chi li teneva che lì c'era qualcosa, principalmente, di quello che stava cercando.  All'inizio era l'acqua, dove era necessaria. I popoli primitivi, che di ciò non  avevano bisogno, cercavano gli oggetti smarriti o coloro che avevano rubato qualcosa.Dato che ci sono molti rami ramificati di alberi in natura, si poteva notare che,  quando vengono tagliati, questi rami ripuliti dagli altri ramoscelli e dalle foglie sono, in realtà, la medesima cosa di quando i due bastoncini erano legati ad un'estremità.   E così,  sono state create, alcuni secoli fa,  le bacchette, che sono rimaste in uso fino ad oggi.

Ancora oggi, si possono incontrare  persone che usano le bacchette di legno. È stato notato, da tempo, che le bacchette di legno possono avere proprietà migliori o peggiori. Ancora oggi, se si chiede ad un rabdomante di un villaggio che tipo di legno usa, per realizzare le bacchette, Vi diranno: un salice o un nocciolo e che devono essere "appena tagliati".

Pensandoci a ciò, in realtà, significa che devono essere umidi, meglio percorribili, per ricevere radiazioni. In un documento, scritto nel 1675, in relazione ai lavori esplorativi in Gambia, un rabdomante riporta: “Il 24 febbraio, ho cercato di usare le bacchette sulle montagne nude e rocciose, ma non ho trovato metalli, queste erano state tagliate in Inghilterra, prosciugate e portate attraverso il mare, ove hanno annullato la loro obbedienza.  Forse erano di scarsa qualità”.Le bacchette di legno sono state utilizzate per molto tempo.

Negli ultimi secoli, le bacchette non hanno sempre mantenuto la loro forma o il tipo di materiale di cui, di solito, sono fatte. Invece del legno, sono stati usati i metalli, pertanto vi erano bacchette di metallo. Variando anche la loro forma classica, quindi si provano forbici, pinze e molte altre cose. Più recentemente, vengono utilizzate le bacchette di filo d’acciaio Ø 0,5 - 1,5 mm, piegate in un ciclo.

Tutto ciò è stato usato per realizzare bacchette; può servire, da esempio, dalla letteratura, dove afferma che le bacchette erano anche salsicce secche (Knackwurst) e persino i fili d’acciaio a spirale piegati ad arco.Di recente, nei negozi d’accessori, per la radiestesia, si possono trovare le bacchette  realizzate e brevettate, da vari design.  Di solito, queste sono forme che imitano la primordiale la forma di un ramo ispido, con alcuni supplementi. Vorrei menzionare un tipo speciale di bacchette, queste sono le cosiddette bacchette rettangolari, costituite da due fili metallici diritti Ø 3 - 5 mm, piegati ad un'estremità ad angolo retto per tenerli. Hanno un braccio più lungo e uno più corto.    

Il braccio più lungo dovrebbe essere lungo 30 - 40 cm ed il braccio più corto lungo 12 cm, che si tengono con le mani. Queste bacchette rispondono, in modo diverso, rispetto a quanto precedentemente descritto. Sono tenute in avanti, in orizzontale, a 20 - 25 cm l'una dall'altra, con le punte in avanti e si cammina lentamente.  Mentre ci si avvicina al flusso d’acqua sotterranea od all'oggetto di ricerca, i fili iniziano ad avvicinarsi l'un l’altro, per poi incrociarsi nel punto cercato. Le mani non devono essere posizionate l'una vicino all’altra, durante il lavoro, poiché, in tal caso, s’ottiene l'effetto opposto, un filo rispetto all'altro si muoverà verso l'esterno.

 

b) Il pendolo

   

Pendolo si chiama qualsiasi peso che pende su un singolo filo. Usato già al tempo dell’Impero Romano, ma, probabilmente, forse usato nell'antica Cina ed in India, da dove proviene. Poco menzionato nei vecchi scritti, come strumento di lavoro investigativo. In Europa, Prog Gerboin, un francese, fu il primo ad iniziare a studiarlo, lo presentò agli inizi del XIX secolo, all'Accademia delle Scienze Francese, ove fu negato qualsiasi valore.Solo alla fine del XIX ed all'inizio del XX secolo iniziò a ricevere più attenzione ed emergevano radioestesisti, che utilizzavano, esclusivamente, il pendolo per il lavoro investigativo.

Uno di questi fu il famoso radiestesista francese Abbe Mermet (1866-1937). Costui, avendo studiato il pendolo e lavorando con esso, stabilì le principali caratteristiche della radiazione radiestetica ed i loro campi d’azione.Nella letteratura ci sono due riferimenti, che riguardano il pendolo: il pendolo matematico e il pendolo siderico (sideros = ferro), che ci suggerisce la lavorazione del metallo. Non penso che importi, poiché il pendolo matematico può essere fatto di metallo. Il pendolo matematico è governato dalle leggi fisiche studiate, essoo dipende dalla gravità e dalla posizione geografica del luogo in cui si trova lo stesso, mentre il pendolo siderico, quello usato dai radioestesisti, si comporta, non rispettando le leggi fisiche. Si blocca, poi ricomincia, facendo cerchi, ellissi, poi di nuovo linee dritte, ciò che non fa il pendolo matematico.

Per chiarire, possiamo semplicemente dire: il pendolo matematico, nelle mani di una persona sensibile, si trasforma in un pendolo siderico. Chiunque inizi ad occuparsi di radiestesia, inizia, immediatamente, ad interessarsi d’accessori per la radiestesia, di che tipo di materiale dovrebbero essere fatti, quanto dovrebbero pesare e qual’è la forma migliore.  I più certosini, vorrebbero sapere quale dovrebbe essere il tipo di filo, su cui pende il pendolo, e vorrebbero anche, essere specificato il colore di quel filo.Il materiale del quale può essere fatto il pendolo è: acciaio, ottone,rame. Sono, persino realizzati in argento ed oro. L'alto può essere fatto di legno, pietra (marmo,quarzo, giada), avorio, ambra, vetro e, persino, una bottiglia piena d'acqua. C'è anche il pendolo di metallo a cavo, chiamato pendolo di prova, in cui s’inserisce un campione di prova di ciò che stiamo cercando (acqua, monete di rame, argento, ecc.).

Esiste un pendolo così brevettato, è un pendolo speciale a cavo (il pendolo di Mermet), del Prof. dr. Heimme, nella cui cavità ha montato uno speciale dielettrico condensatore.La forma sferica del pendolo, con un picco nella parte inferiore, per la sua forma  aerodinamica e resistenza al vento, è la più adatta.  Ciò non significa, assolutamente, che altre forme non sono buone. Al giorno d'oggi, ci sono molti pendoli, nei negozi esoterici, di forme diverse e  tipo di materiale. Il peso del pendolo varia da 10 a 100 grammi.

Ciascuno dovrebbe scegliersi il peso, che per lui è più adatto, che gli vada bene. I radioestesisti più sensibili, di solito, hanno bisogno di un pendolo di peso superiore, poiché quelli meno pesanti oscillano troppo. Abbiamo prima accennato, che il pendolo a volte "cambia" il suo peso nel lavoro sul campo. Il filo, su cui pende il pendolo, può essere un filo ritorto singolo o multiplo forte,  catene metalliche, che a volte presentano un anello circolare, attaccato alla parte superiore, che pende da una delle sue dita. Le catene dovranno anche essere molto mobili, in modo da non interferire con i movimenti del pendolo,  per non frenarlo.    

Il più semplice è utilizzare un filo più spesso e rigido. La lunghezza, della catena o del filo, può essere presa a piacimento. Principalmente, non dovrebbe essere più lungo di 20 cm. Alcuni radioestesisti attribuiscono anche una certa importanza al colore dell'eccesso, poichè ogni colore ha la sua lunghezza d'onda.    Sono stati svolti anche alcuni esperimenti sul comportamento dell'eccesso di colori, ma tali lavori appartengono alle "specialità" della radioestesia, che non tratteremo ora.    

Se vogliamo aumentare i movimenti del pendolo, il pendolo dovrebbe essere riscaldato. Noteremo, che le onde delle ampiezze sono molto più grandi, che se stessimo lavorando con un pendolo  freddo.  Qualora i principianti, che, difficilmente, ottengono movimenti pronunciati del pendolo, possono scaldarlo.

 

Pin It

Partner jooble

Partner jobsora

Articoli da consultare